• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Franz

Membro Attivo
Impresa
Non mi pare: per il singolo hai scritto che occorre un titolo esecutivo
mentre parrebbe che solo una agenzia investigativa avrebbe accesso alla banca dati al pari dell'ufficiale giudiziario, anche in assenza di titolo esecutivo. (a questo mi riferivo ...)
L'agenzia investigativa rintraccia i conti correnti accedendo all'anagrafe dei conti attraverso '' amici '' che magari lavorano in banca, e non certo usufruendo del diritto a tale accesso, che non ha proprio.

Stesso discorso per il rintraccio del posto di lavoro di un debitore: l'agenzia investigativa ottiene questa informazione tramite amici che lavorano all'INPS, non direttamente dall'INPS stesso, che non è tenuto a dare queste informazioni.
 

anma

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ricordo che se si trattasse di libretti "al portatore", sia bancari che postali, dal 1° gennaio 2019 essi saranno inutilizzabili. Come precisa il Mef, "resterà comunque l'obbligo dell'Istituto e delle Poste italiane di liquidare il saldo del libretto a favore del portatore, ma allo stesso sarà applicata una sanzione amministrativa da 250 a 500 euro. Dopo questa data i libretti al portatore diventano inutilizzabili quindi banche e Poste italiane non potranno dare seguito a richieste e movimentazioni." Questa è la legge, non so se nel caso specifico del postante che non riuscisse a trovare in tempo i libretti (al portatore) potrebbero esserci deroghe.
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buon giorno @Poch. Dunque tua suocera è mancata da qualche mese e mancano all'appello i suoi libretti e buoni postali. Per esserne informata tua moglie deve anzitutto, se non l'ha già fatto, presentare la dichiarazione di successione. Con questa le Poste possono darle tutti i ragguagli ma, risultando essa coerede con la sorella, certamente a nessuna di loro li liquidano. Quindi sotto tale profilo, massima tranquillità; l'incasso (men che meno ad un estraneo) potrà aver luogo solo al seguito della divisione ereditaria in base alle quote di spettanza. In questi termini la giurisprudenza appare del tutto consolidata. Convengo perciò sul consiglio a tua moglie di quanti mi hanno preceduto; cioè di segnalare gentilmente alla sorella l'imprevista assenza di quei titoli dalla casa materna e quindi l'opportunità di renderli assieme oggetto di una denuncia (che personalmente limiterei a quella di 'smarrimento' tanto gli effetti in sostanza non cambierebbero molto). Certo che se a quel punto la sorella vi si dichiarasse contraria ci sarebbe da...pensare. Una specie di 'cartina di tornasole'. Comunque, ripeto, "calma e gesso" (come si diceva quando giocavo a biliardo) il ricavato di quei titoli non si perderà di certo per strada.
 

anma

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sempre tenendo presente che, se i libretti sono al portatore, fra meno di un mese ...si perderanno per davvero.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
tua moglie deve anzitutto, se non l'ha già fatto, presentare la dichiarazione di successione
La dichiarazione di successione, quando esiste l'obbligo di dichiarazione, va presentata indicando anche quei crediti, allegando le attestazioni rilasciate da Poste Italiane. Quindi dovrà presentarla dopo aver acquisito quelle attestazioni. Altrimenti si dovrà presentare successivamente una dichiarazione integrativa.
l'incasso (men che meno ad un estraneo) potrà aver luogo solo al seguito della divisione ereditaria
Come tutti gli altri debitori, Poste Italiane pagherà le somme dovute agli eredi, ai legatari e ai loro aventi causa, quando sarà fornita la prova della presentazione della dichiarazione della successione o integrativa con l'indicazione dei crediti, oppure dopo aver ricevuto la dichiarazione dell'interessato che non vi era obbligo di presentare la dichiarazione. Non c'è nessun bisogno di procedere alla "divisione ereditaria" per ottenere le somme spettanti.
 

Elisabetta48

Membro Senior
l'incasso (men che meno ad un estraneo) potrà aver luogo solo al seguito della divisione ereditaria
Non è detto... Se le Poste non sono al corrente della morte dell'intestatario sicuramente non hanno bloccato nulla. Io ho un libretto (Libretto Smart) alle Poste con connessa una carta che mi permette di prelevare agli sportelli. Se si trattasse dello stesso tipo di libretto e la sorella fosse a conoscenza del Pin della carta, potrebbe tranquillamente prelevare. (Unico vincolo: almeno ogni 40 operazioni va aggiornato il libretto cartaceo). Non so ovviamente come stanno le cose nel caso prospettato, ma ora si possono anche dare disposizioni online dal proprio libretto, tipo pagare bonifici o trasferire denaro. Bisogna solo conoscere le credenziali di accesso. Insomma, non sono più i tempi del solo libretto cartaceo con tutto trascritto a mano... Penso solo che la prima cosa da fare sia comunicare alla Posta che la signora è deceduta in modo da bloccare tutto. Se per caso la signora aveva il conto postale online, lì, conoscendo le credenziali di accesso, si può sapere tutto, sia del libretto che dei buoni. Le credenziali, di solito uno se le appunta da qualche parte come promemoria. Un foglietto, la rubrica del telefono...
 

Poch

Membro Attivo
Buona sera ed un grazie sincero ai numerosi amici del forum intervenuti. Non sono tanto ingenuo da non essermi informato sulle eventuali movimentazioni post mortem del de cuius dei Libretti e dei Buoni Postali che risultano ovviamente inesistenti. Il punto, al di là delle dotte dissertazioni su Poste Italiane, Banca d'Italia, agenzie investigative, libretti al portatore e quant'altro oggettivamente utili ma che hanno tracimato dall'oggetto centrale del mio post, era se segnalare preventivamente e cautelarmente tale anomala situazione ai Carabinieri. Cosa che mia moglie ha fatto qualche giorno fa riservandosi nel caso una denuncia formale in futuro. Nell'attesa di sviluppi. Grazie di nuovo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Tempo fa ho creato un arco senza togliere il muro sotto non portante. Quindi non ho variato la metratura della stanza. Ora dovrei vendere l appartamento. Devo ripristinare parte mancante o non avendo modificato planimetria non serve. Grazie
angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di una villetta con il mio ex marito Nell'accordo di separazione , e' stato concordato un assegno di mantenimento di euro 500 che pero' non mi viene erogato sino a quando io continuero ad abitare nella casa in attesa della vendita, come pagamento della mia quota di affitto.
Volevo sapere se, sia come comproprietaria, sia come affittuaria, posso subaffittare una stanza della casa?
Alto