• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve, caso strano. Per mio figlio universitario avrei trovato una sistemazione provvisoria fino al 31/12 in una singola di una studentessa che partirà per uno stage all'estero. Il suo contratto vieta la sublocazione ma la proprietaria, per venirle incontro, si è mostrata favorevole, ma non vuole problemi. Dal nuovo anno rientrerebbe lei.
Avevo pensato di (far) gestire così per essere tutti in regola, pagare le dovute tasse ed avere le giuste detrazioni:
  1. cessazione del contratto alla studentessa al 15/9/2020
  2. nuovo contratto (transitorio) con la proprietaria a mio figlio dal 16/9/2020 al 31/12/20 (che potrei registrare io anzichè disturbare la proprietaria)
  3. scrittura privata fra le tre parti nella quale la proprietaria si impegna a fare un nuovo contratto all'inquilina dal 1/1/21 e mio figlio si impegna a liberare la stanza
  4. a maggior garanzia di tutte le parti, la cauzione di 3 mesi che la ragazza ha versato alla proprietaria non verrebbe restituita, mentre noi verseremo la caparra di una mensilità alla ragazza che ci cede l'alloggio per garantire lei dai danni che potrebbe causare mio figlio.
  5. il tutto non dovrebbe aver nessun costo, in cedolare secca
Fattibile? Grazie
P.S.: Chiedo inoltre: i contratti universitari è meglio intestarli al genitore che detrae o al figlio studente?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
nuovo contratto (transitorio) con la proprietaria a mio figlio dal 16/9/2020 al 31/12/20
Essendo un contratto concordato per studenti universitari, esso deve essere stipulato in conformità alle disposizioni ministeriali (ved. allegato C al D.M. 16/01/2017).

La durata minima è di 6 mesi (massima 36 mesi), mentre tu vorresti indicare una durata inferiore. Secondo me non si può fare.

i contratti universitari è meglio intestarli
In genere vengono intestati allo studente, che è fiscalmente a carico del genitore al quale spetta la detrazione.
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Il suo contratto vieta la sublocazione ma la proprietaria, per venirle incontro, si è mostrata favorevole,
Per quanto riguarda l'eventuale sublocazione, se autorizzata dalla proprietaria, vedo la seguente criticità.
Un contratto di sublocazione (quindi non di locazione) per studente universitario fuori sede potrebbe non permettere di usufruire della detrazione IRPEF.
Uso il condizionale perché la notizia mi fu riportata un paio di anni fa da un conoscente ma non l'ho verificata.
Se ti orienterai per la sublocazione, prima di decidere approfondisci l'argomento col tuo commercialista.
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Per quanto riguarda l'eventuale sublocazione, se autorizzata dalla proprietaria, vedo la seguente criticità.
Un contratto di sublocazione (quindi non di locazione) per studente universitario fuori sede potrebbe non permettere di usufruire della detrazione IRPEF.
Uso il condizionale perché la notizia mi fu riportata un paio di anni fa da un conoscente ma non l'ho verificata.
Ma come ho indicato io non figurerebbe come sublocazione, ma una normale locazione - cessazione inquilina e nuovo contratto a mio figlio. Confermo che la sublocazione non sarebbe detraibile
Essendo un contratto concordato per studenti universitari, esso deve essere stipulato in conformità alle disposizioni ministeriali (ved. allegato C al D.M. 16/01/2017).

La durata minima è di 6 mesi (massima 36 mesi), mentre tu vorresti indicare una durata inferiore. Secondo me non si può fare.


In genere vengono intestati allo studente, che è fiscalmente a carico del genitore al quale spetta la detrazione.
Infatti io pensavo ad un contratto transitorio (durata 1-18 mesi) che seguirebbe sempre le regole di calcolo del concordato
In genere vengono intestati allo studente, che è fiscalmente a carico del genitore al quale spetta la detrazione.
ok, ma può essere comunque intestato anche al genitore, indicando il nome del figlio mi pare.... Mi verrebbe meglio perchè avrei già tutti i codici di accesso Agenzia delle Entrate per poterlo registrare in autonomia
 
Ultima modifica:

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
io pensavo ad un contratto transitorio (durata 1-18 mesi) che seguirebbe sempre le regole di calcolo del concordato
Il contratto transitorio (art. 5, c. 1 l. 431/1998) e quello per studenti universitari (art. 5, c. 3 l. 431/1998) sono due formule contrattuali diverse.

Devi verificare se stipulando un contratto transitorio (quindi non quello specifico per studenti universitari) avresti comunque diritto alla detrazione IRPEF.
Ne hanno diritto, ad esempio, gli inquilini di immobili adibiti ad abitazione principale e quelli lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza in altro Comune per motivi di lavoro. A condizione che il reddito di questi soggetti non superi un certo limite.
Pare che tuo figlio non rientri in queste categorie.

Il vostro sarebbe un caso particolare: studente fuori sede che stipula un contratto transitorio invece di stipulare il contratto previsto per gli universitari. Allo scopo di decidere una durata diversa da quella prevista per i contratti studenti.
Parlane col commercialista per scegliere la formula adatta alle vostre esigenze!
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Devi verificare se stipulando un contratto transitorio (quindi non quello specifico per studenti universitari) avresti comunque diritto alla detrazione IRPEF.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma si ha diritto alla detrazione anche se il contratto transitorio (non quello per studenti universitari) è intestato al genitore?
può essere comunque intestato anche al genitore, indicando il nome del figlio mi pare.... Mi verrebbe meglio
In pratica: il genitore stipula col proprietario un contratto transitorio, motivando l'esigenza transitoria con la frequentazione dell'università da parte del figlio che abiterà nell'immobile.
Essendo il figlio fiscalmente a suo carico, il genitore ha diritto alla detrazione IRPEF.

E' così?
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Si infatto ero sempre io che chiedevo info ed avevo letto la tua risposta!
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma si ha diritto alla detrazione anche se il contratto transitorio (non quello per studenti universitari) è intestato al genitore?


In pratica: il genitore stipula col proprietario un contratto transitorio, motivando l'esigenza transitoria con la frequentazione dell'università da parte del figlio che abiterà nell'immobile.
Essendo il figlio fiscalmente a suo carico, il genitore ha diritto alla detrazione IRPEF.

E' così?
Io credo sia corretto - aspettiamo qualche esperto che ci confermi magari @Nemesis che è intervenuto, sa sempre tutto lui!
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Teniamo presente che si tratterebbe di un contratto transitorio parziale per la locazione di una stanza singola, che in base all'Accordo Territoriale vigente in alcune città (ad esempio qui a Torino) si può stipulare solo in coabitazione col locatore.
Suppongo tu abbia già letto l'Accordo in vigore in quel Comune.

Se è fattibile dal punto di vista contrattualistico e fiscale, non resta che convincere le controparti.
Malgrado la scrittura privata di cui parlavi nel primo post, la proprietaria non avrebbe la certezza assoluta che quando tuo figlio lascerà l'appartamento alla scadenza del 31/12/2020 ritornerà la studentessa (che nel frattempo potrebbe aver trovato una nuova soluzione abitativa con decorrenza gennaio 2021). E potrebbe trovarsi la stanza sfitta.

Dal punto di vista della studentessa: se è realmente intenzionata a ritornare in quella casa avendo necessità di abitarvi dal 01/01/2021, potrebbe temere che tuo figlio non la lasci libera entro fine 2020 per contrattempi vari.

Mi pare una situazione complicata; comunque ti auguro che vada tutto a buon fine!
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Un contratto di sublocazione (quindi non di locazione) per studente universitario fuori sede potrebbe non permettere di usufruire della detrazione IRPEF
Infatti.
Il beneficio fiscale non può essere esteso alle ipotesi del “subcontratto” in quanto non
contemplato tra gli schemi contrattuali indicati nell’art. 15, comma 1, lett. i-sexies), del TUIR. In assenza di tale previsione, poiché la norma non è suscettibile di interpretazione estensiva, la detrazione in argomento non è fruibile per i contratti di sublocazione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
ma può essere comunque intestato anche al genitore, indicando il nome del figlio mi pare
No.
La norma, già prima richiamata, recita:
[...] i canoni di locazione derivanti dai contratti di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431, e successive modificazioni [...], dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università [...].
Però, qualora i canoni siano pagati non dallo studente, ma da un familiare di cui lo studente risulti fiscalmente a carico ai sensi dell’art. 12, comma 2, del TUIR, la detrazione compete al familiare entro i limiti previsti.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Concludendo:
si stipula un contratto transitorio per il periodo dal 16/09 al 31/12/2020 intestato allo studente, che giustifica la propria esigenza transitoria con la frequenza ad una facoltà universitaria.
Il locatore opta per la cedolare secca: non si pagano imposta di registro e bollo.

I canoni varranno pagati dal genitore a cui compete la detrazione in quanto il figlio è fiscalmente a suo carico.

Tutto ciò se si giunge ad un accordo con l'attuale inquilina (la studentessa che rientrerà a gennaio 2021) e con la proprietaria.
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Tutto ciò se si giunge ad un accordo con l'attuale inquilina (la studentessa che rientrerà a gennaio 2021) e con la proprietaria.
Tutto saltato, la proprietaria, diversamente da quanto mi era stato assicurato, credo che non ne sapesse nulla perchè alla fine non ci ho potuto parlare. Ho solo perso tempo ... ed imparato qualcosa!
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Tutto saltato,
Mi dispiace per voi.

Penso che in questo periodo non dovrebbe essere difficile trovare una sistemazione e stipulare un normale contratto per studenti in una città universitaria, come credo sia quella dove andrà tuo figlio.
Perché con l'emergenza sanitaria ancora in corso alcuni proprietari sono preoccupati: temono che gli appartamenti rimangano sfitti in quanto molti universitari rimangono presso le loro famiglie potendo seguire le lezioni telematicamente. Ben venga un ragazzo intenzionato ad affittare nel Comune dove studia!
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Penso che in questo periodo non dovrebbe essere difficile trovare una sistemazione e stipulare un normale contratto per studenti in una città universitaria, come credo sia quella dove andrà tuo figlio.
Bologna è un incubo, tanta richiesta adesso che partiranno i corsi, case pessime a prezzi esorbitanti!
Ben venga un ragazzo intenzionato ad affittare nel Comune dove studia!
Purtroppo ha cambiato scelta, città e regione .... anche se in realtà aveva espresso da un pò di tempo la scelta su Bologna!
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Domanda ... secondo voi il contratto per studenti universitari si può stipulare anche se lo studente, anziché iscritto a un corso di laurea, è iscritto a un master universitario ?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto