1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Inizialmente la TASI doveva essere una tassa sostitutiva dell'IMU, quindi chi aveva una casa data in locazione pagava la TASI anziché l'IMU. Invece alla fine è diventata una tassa che si aggiunge all'IMU. Perché?
     
  2. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non è vero che la TASI è sostitutiva dell'IMU. Per le prime abitazioni è dovuta sempre la TASI. Per gli immobili diversi dalla prima abitazione è dovuta sempre l'IMU. La TASI sugli immobili diversi dalla prima abitazione può essere dovuta oppure no, a seconda di quanto stabilito dal Comune. Quindi per una seconda casa, un negozio, un capannone, locati o non locati, può essere dovuta dal proprietario IMU + TASI. Anche il conduttore dell'immobile locato paga la TASI.
     
    A uva piace questo elemento.
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se il conduttore di un immobile commerciale paga la TASI ha chi la paga
     
  4. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Secondo me quanto deliberato dal Comune di Torino in merito alla TASI sulle abitazioni date in locazione è iniquo.
    Anziché stabilire un'aliquota TASI e ripartire l'onere del pagamento tra il proprietario e l'inquilino (la legge prevedere che quest'ultimo debba pagare tra il 10 e il 30% della Tasi e se è inadempiente il proprietario NON è tenuto al pagamento in sua vece), il mio Comune ha trovato una scappatoia:
    aliquota Tasi sulle abitazioni date in locazione pari a ZERO.
    Così il proprietario paga l'IMU (tra l'altro con l'aliquota massima).
    Mentre l'inquilino non paga nulla, anche se vi risiede abitualmente con iscrizione anagrafica.
    Secondo me è iniquo perché se è vero che la Tasi finanzia i costi per i "servizi indivisibili" (illuminazione e manutenzione strade, ecc) dovrebbe pagarla chi vive nel Comune!
    Invece a Torino paga tutto il proprietario, anche se risiede altrove, per esempio in un Comune limitrofo.
     
  5. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    ...e sei anche fortunato a Torino, perchè a Roma sulla casa locata (non prima casa) ci paghi l'IMU con aliquota massima e anche la TASI (80% proprietario e 20% inquilino).
     
  6. Antennaria

    Antennaria Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    :disappunto: Nel Veneto, la I.U.C. (Imposta Unica Comunale) che ricomprende IMU e TASI nel caso di 1à casa incide mediamente circa 100 euro in più per un appartamentino di circa 80 mq ..... per l'ennesima volta i politici ci hanno gabbato!!! trasferiscono sempre meno soldi di IRPEF ai Comuni e questi ultimi se vogliono mantenere i servizi devono aumentare le tariffe!!!! In alcuni Comuni di mia conoscenza si stà attuando un piano di spegnimento dell'illuminazione pubblica perchè non si riesce più a sostenerne le spese....
     
  7. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    ...certo che ci han gabbato e in tutti i sensi. Inoltre stanno attivamente studiando come continuare a gabbarci. Ma la colpa è nostra che li votiamo: a quando forconi e bastoni per mandarli a casa (magari a provare a lavorare con qualcosa di diverso dalla lingua)?
     
  8. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    non ho capito
     
  9. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Se il conduttore di un immobile commerciale paga la TASI, a chi la paga?
    Il conduttore fa un F24 per una quota x%, così come lo fa il locatore, per una quota paria a 100% - x%. Per Roma x% = 20%.
     
  10. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perverso :risata:
     
  11. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Quindi, a Roma, il conduttore ed il locatore dell'immobile commerciale pagano rispettivamente il 20% e l'80% della TASI. Inoltre, il conduttore paga tutta la TARI mentre il locatore paga tutta l'IMU.
     
  12. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Il mio comune non ha deliberato nessuna quota a carico del locatore, e secondo te la devo pagare tutta io, anche la quota dei servisi del locatario?
     
  13. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Esatto! Bella cosa vero? In ogni caso il locatore può anche pagare lo 0,8 per mille della TASI al 100% eppoi farsi rimborsare dal conduttore (dietro ricevuta motivata) il suo 20%; forse potrebbe anche essere la cosa migliore, perchè il Comune "vede" solo il versamento TASI globale (a mio parere "vede" solo un versamento che, forse, valuterà): se questo corrisponde ai dati IMU sull'immobile (che già possiede) va tutto bene, altrimenti può solo chiedere al locatore perchè abbia pagato meno; il locatore dimostra che ha regolarmente pagato il suo 80% e il Comune dovrebbe allora rivolgersi al conduttore (di cui non possiede alcun dato, a meno che non glieli fornisca il locatore in tale occasione; oppure deve fare un'interrogazione all'AdE. Pensa che confusione viene fuori!).
     
  14. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Ingenuo!
     
  15. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Un comune turistico in montagna in provincia di Torino ha deliberato che i proprietari di abitazioni (non di lusso) ivi RESIDENTI, oltre ad essere ESENTI da IMU, NON pagano TASI perché l'aliquota TASI è pari a ZERO.

    Contestualmente ha aumentato l'aliquota IMU al 10,6 per mille a carico dei proprietari di abitazioni NON RESIDENTI.

    Quindi i residenti (che usufruiscono in modo continuativo dei cosiddetti "servizi indivisibili") NON pagano nulla: né IMU né Tasi.
    Mentre i non residenti (turisti che occupano le seconde case per poche settimane all'anno) pagano l'IMU con un'aliquota maggiore rispetto al 2013.

    Mi domando se questa delibera (che detassando completamente i cittadini residenti sembra un'iniziativa da campagna elettorale...) sia legale.
     
  16. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    E' l'Italia: tutti cani sciolti, nessun controllo, nessuna tutela, nessuna giustizia.
     
  17. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Secondo me è legale, ma non equa. Anche la luce e il gas sono più economici nella casa di residenza che nella seconda casa: anche qui prelievo legale ma non equo.
     
  18. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Per non parlare della TARI! (ex Tarsu o Tares, insomma la tassa rifiuti).
    I non residenti non solo devono pagarla in base alla superficie anche se occupano l'abitazione poche settimane all'anno. Il Comune in base alla superficie "decide" quante persone mediamente vi abitano e applica la maggiorazione per numero di occupanti.
    Quindi ci si trova, ad esempio, a pagare la tassa rifiuti per 12 mesi per 4 persone anche se in realtà l'appartamento è occupato da meno gente per pochi giorni.
     
  19. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ora i comuni fanno tutto da soli: è il federalismo fiscale tanto sospirato...bello vero?
     
  20. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Federalismo fiscale vuol dire sottrazione al controllo dello Stato, al controllo della Corte dei Conti, delle spese effettuate.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina