• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ninni48

Membro Attivo
Buon giorno,
mia figlia con il ragazzo stanno comperando una casa, versiamo la caparra al compromesso e dovremo entro il 30 maggio fare l'atto notarile. Fin quì, tutto normale o quasi, perchè durante la trattativa fatta tramite agenzia, noi avevamo fatto una offerta, il costruttore non aveva accettato, ma ci è stato detto dall'agenzia che il costruttore avrebbe accettato aumentando la ns. offerta di 5000 €, e così abbiamo pattuito la cifra. Al momento del compromesso ci hanno detto che la cifra offerta non comprendeva l'IVA e quindi dovremo pagare anche l'IVA (per me era già compresa nella mia offerta).
Poi, sempre nel compromesso è uscito fuori che dobbiamo pagare anche il geometra incaricato dal costruttore a fare le ripartizioni millesimali ed il regolamento condominiale.
Ora sembra che i vigili del fuoco hanno imposto delle varianti e quindi il locale cantina non è più quello che ci avevano detto, il cancello motorizzato per l'accesso ai garage i vigili non lo vogliono, ogni giorno scopriamo delle variazioni non concordate. Che fare?
grazie
 

giuseppe

Nuovo Iscritto
Se il compromesso o proposta irrevocabile di acquisto, è stata sottoscritta dalle parti fa fede quanto scritto. Può esere modificato solo con il massimo consenso delle stesse. Le probblematiche che lei pone: IVA, accatastamenti, tabelle millesimali, regolamento di condominio di norma sono escluse dal prezzo dell'immobile. E' chiaro che chi conduce una trattiva deve preventivamente informare la parte promissaria acquirente di tutti i costi aggiuntivi che gravano sul bene in oggetto prima della sottoscrizione di qualsivoglia atto. L'IVA per essere compresa nel prezzo concordato deve essere scritto nell'atto IVA compresa, ma questo non è usuale in una trattativa per l'acquisto di un immobile. Presumo si tratti di acquisto di immobile in costruzione il quale deve essere in possesso del permesso di costruzione il quale deve avere il nulla osta dei Vigili del Fuoco. A mio parere, se le variazioni non sono in atto, lei può richiedere la risoluzione del contratto o proposta sottoscritta con il rimborso delle somme versate senza nessun onere ah suo carico. Da valutare un'eventuale richiesta danni.
Giuseppe Silvagni
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
La risposta di Giuseppe Silvagni "fedetomi", che ringrazio a nome di tutto propit, la trovo condivisibile al 100%.:daccordo:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto