• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pincopallina

Nuovo Iscritto
Salve....ho purtroppo(per me) un nuovo quesito da proporvi...nel condominio dove vivo abbiamo finalmente modificato l'impianto di riscaldamento centralizzato vecchio tipo trasformandolo in impianto centralizzato con la contabilizzazione individuale del calore e la termoregolazione autonoma delle temperature....ciò ci dovrebbe permettere di avere libertà di accensione senza limiti di orario potendo lasciare accesa la caldaia 24 ore su 24 ..scrivo dovrebbe perchè alcuni condomini nn intendono affatto usufruire di questa possibilità volendo lasciare il vecchio orario quello cioè che usavamo quando il riscaldamento vecchio tipo che avevamo nn lo permetteva e poi mi chiedo a cosa ho speso a fare allora duemila euro e passa se con il vecchio orario al mattino ( quando occorreva a me) nn posso avviare il riscaldamento dato che la caldaia è spenta e parte alle 13.00 ?????? loro dicono che conta la maggioranza per poter scegliere di tenere accesa la caldaia più ore ...a me sembra un incubo se fosse davvero così allora davvero ho buttato i soldi al vento???? potete aiutarmi???? posso da sola richiedere di avere la caldaia accesa nn dico 24/24h ma almeno dalle 6.00 a mezzanotte......grazie :)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto