• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
ciao a tutto il forum.una famiglia di miei vicini di casa si pone questa domanda:un testamento olografo offre le stesse garanzie di un testamento sottoscritto davanti al notaio? considerando anche che quello olografo non ha costi.grazie
 

r.dapino

Nuovo Iscritto
Rettifico: non è la certezza che il primo possa essere impugnato, ma il rischio che l'olografo possa essere impugnato. ovvero il pubblico (davanti al notaio) da più certezze.
 

1giggi1

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Rettifico: non è la certezza che il primo possa essere impugnato, ma il rischio che l'olografo possa essere impugnato. ovvero il pubblico (davanti al notaio) da più certezze.
Mi intrometto per una domanda personale sulla questione.

Mia nonna è deceduta a novembre 2011 a 101 anni, non è stata fatta la successione, stiamo chiarendo con gli zii cosa nonna ha lasciato in immobili (quelli sono certi), in gioielli (non si sa che fine abbiano fatto) e in disponibilità (anche qui niente).
Le cose erano seguite da una sola zia la quale ha dichiarato che nel 2003 (mia nonna senza istruzione e 93enne) ha fatto testamento dinnanzi ad un notaio con beneficiario il figlio della zia che è "infelice" e quindi interdetto a sua volta. Nonna è stata interdetta nel 2005 e il CTU nella perizia ha dichiarato che lo stato di "interdizione" era già presente anche tempo prima.
Ora mia zia ha comunicato la presenza di questo testamento redatto dinnanzi ad un notaio (non sappiamo se olografo o pubblico) e che me ne fornirà copia a breve. Se è olografo non si capisce cosa aspetta a dichiararlo, se è pubblico ancora lo deve comunicare al notaio. Dice che deve valutare la convenienza o meno, lei è anche tutrice del figlio, può fare tutto questo senza nessuna comunicazione al giudice tutelare?
Chiedo lumi su come comportarmi.
Luigi
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
ovviamente un testamento pubblico redatto davanti e a cura del notaio, con due testimoni non parenti del testatore, e poi conservato nell'archivio degli atti mortis causa dallo stesso notaio, offre la sicurezza totale della sua autenticità. è chiaro che anche un testamento olografo che sia scritto in maniera leggibile, che contenga dati formali necessari, cioè stessa scrittura, data e localita certe, rimane sempre un documento formalmente valido. nella presunzione, ovviamente, che sia stato scritto di pugno dal testatore, che nessuna altra persona influenzi le volonta espresse sul documento, che nessuno lo modifichi o lo nasconda o addirittura lo strappi, incorrendo in questi casi in reati penali. quindi in questi casi, è possibile che il testatore faccia un testamento segreto e lo consegni in busta chiusa al suo notaio di fiducia, che ( mi pare), ne redigera anche un verbale di consegna. e cosi staranno tutti piu tranquilli. il testamento olografo non ha costi sino a quando non viene pubblicato.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
ciao a tutto il forum.una famiglia di miei vicini di casa si pone questa domanda:un testamento olografo offre le stesse garanzie di un testamento sottoscritto davanti al notaio? considerando anche che quello olografo non ha costi.grazie
Il testamento olografo lo redige di suo pugno il testatore ed essendo conservato fra i documenti del de cuius o in possesso di qualche conoscente, potrebbe scomparire In funzione dell'interesse delle parti. Il testamento segreto è redatto dal testatore di suo pugno e consegnato in custodia del notaio che lo aprirà quando verrà a conoscenza del decesso del testatore. Il testamento pubblico è redatto dal notaio che riceve le disposizioni del testatore davanti a due testimoni che lo conserva e lo apre all'evenienza. Ovviamente il primo potrebbe scomparire o potrebbe essere contestato. Il secondo potrebbe non garantire l'autenticità delle disposizioni, ma solo la consegna al notaio del testatore. L'ultimo è il più sicuro, ma ha un costo superiore.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
gent.le sig gigi1, se come lei dice, il testamento della nonna del 2003 è stato redatto davanti al notaio, è chiaro che siamo di fronte ad un testamento pubblico, che offre tutte le garanzie di autenticita del documento stesso, che lo stesso notaio ha accertato la capacita di intendere e volere ( lo prevedono le sue funzioni di pubblico ufficiale esercente attivita di pubblica necessita), del testatore ( la nonna in questo caso). la interdizione è del 2005. se per il ctu l'incapacita era anteriore a questa data, deve poi spiegare come fa ad affermare che era incapace anche prima, e se lo era anche quando fu redatto testamento pubblico (2003). c'e il rischio che le cose si complichino, proprio a causa delle incertezza di questa data in cui il soggetto è diventato di fatto incapace. è ovvio che un soggetto non diviene tale da un giorno all'altro. l'unico dato di fatto, che sino a prova contraria lo si ritiene vero, è il testamento pubblico, redatto sotto la supervisione e controllo di un notaio, che in quanto tale deve essere una garanzia di autenticita e verita, il resto non si sa.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
gentile sig. @domenico10 , intanto ti faccio i miei migliori auguri di compleanno.
Però poi ti consiglio di guardare le date dei post, prima di rispondere.
Quello di gigi1 è di maggio 2012, quindi un po'...vecchiotto...

P.S. nel forum ci diamo del tu
 

1giggi1

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Intanto Auguri.
Di sicuro la legge dispone bene, ma come quasi sempre è poi il denaro che può influenzare.

Oltre le carte, ricovero nel 2002 per demenza senile, aterosclerosi, attacchi di panico e altro, non penso che il notaio abbia le capacità di capire fino in fondo chi abbia davanti, specialmente se chi porta il soggetto che deve testare è già cliente. Nonna aveva la seconda elementare (forse neanche finita), aveva subito la perdita di nonno da meno di un anno (erano stati sposati più di 70 anni), era stata trasferita in una casa di riposo lontano da dove ha sempre abitato, si è sempre disinteressata dei propri affari, fino al 2011, anno della sua dipartita ancora non aveva confidenza con gli euro, può immaginare con le questioni legali o testamentarie quali conoscenze avesse. Lo stesso notaio ha fatto una procura a nome di mia zia (comunque pagata) per qualcosa che zia già faceva senza nessuna procura (non le era mai servita). I testimoni fuori dalla famiglia sono le segretarie del notaio (sa quanto conoscenza di nonna avranno avuto). Poi si potrebbe continuare.
Ancora auguri
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
e questo il vulnus, caro giggi, se c'e un testamento pubblico si presume che il testatore abbia dettato le sue volontà in maniera chiara e capibile, e se a quella data non esisteva un provvedimento di interdizione, pur con tutte le sue malattie mentali, fisiche e chi piu ne ha piu ne metta, il notaio ( ripeto se è vero che questo testamento pubblico esiste) e sino a prova contraria, ha lavorato correttamente. per cui se siete sicuro della sua incapacita a testare a quella data, del testamento ne va chiesto l'annullamento sic e simpliciter.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
caro franci 63, intanto grazie per gli auguri. non sono un grande appassionato di forum, ma a quanto pare alle ore 16.28 il sig gigi1 mi ha risposto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Se hai una buona scusa, non usarla mai.
Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Alto