• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fiodor1

Membro Attivo
Proprietario Casa
Devo vendere una casa pervenuta per successione ad un costruttore, sulla quale ho presentato un progetto per un nuovo edificio più grande ed ho già il permesso di costruire (demolizione e ricostruzione)
Mi chiedo anche se al momento del rogito, esisterà nello stato di fatto una casa regolarmente iscritta al catasto urbano da demolire,per l'Agenzia delle Entrate, la vendità sarà considerata plusvalente?
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Benvenuto in propit,fiodor1. :D
Secondo l'art. 61comma b) del testo unico delle imposte dirette, le plusvalenze derivanti dalla vendita degli immobili pervenuti per successione, non sono tassabili. CREDO quindi, ma non ne sono sicuro :? , che vendendo l'immobile con il progetto approvato piuttosto che già ristrutturato, non dovrai pagare imposte.
Vediamo se qualche altro amico frequentatore del forum conforta la mia tesi o ne propone un altra.
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Il mio ragionamento si. Ma tieni sempre conto che è un MIO ragionamento ;) . Non ci scommetterei :confuso:
 

fiodor1

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ho paura che i nostri ragionamenti cozzano contro la realtà

Dietro l’alienazione dell’immobile si nasconde la vendita dell’area edificabile su cui lo stesso è situato
La Commissione tributaria regionale emiliana, accogliendo l’appello dell’ufficio delle Entrate di Lugo, ha stabilito che il contratto di cessione di un vetusto compendio immobiliare a uso residenziale e commerciale (destinato alla demolizione e situato su area edificabile a uso commerciale) a una società di leasing che lo ha acquistato per conto di un’impresa intenzionata a demolirlo (quattro mesi dopo l’acquisto) e a costruire successivamente una palazzina commerciale, non si connota quale negozio simulato.
Infatti il venditore, essendo consapevole dell’operazione immobiliare che sarebbe stata effettuata dall’utilizzatore, persegue un intento elusivo che consiste nell’indebita fruizione dell’esenzione da imposizione accordata dall’allora vigente articolo 81, comma 1, lettera b) (ora articolo 67) del Tuir alle plusvalenze che derivano dalla “cessione a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni …” qualora “acquisiti per successione”.

In particolare, il giudice di appello ha valutato gli elementi di fatto presentati dall’ufficio locale per sostenere che il contribuente ha, in concreto, convenuto di alienare un’area fabbricabile. Il prezzo concordato in atto, di gran lunga superiore al valore peritale degli immobili, e la circostanza che i venditori (una società per l’immobile a uso commerciale e i soci per le unità abitative) abbiano “manipolato” la ripartizione del prezzo complessivo tra gli immobili compravenduti imputandone una quota superiore rispetto al valore della perizia ai cespiti posseduti dalle persone fisiche, in quanto non soggetti a tassazione, sono elementi indiziari sufficienti ad avallare la tesi dell’Amministrazione finanziaria. Per la Commissione regionale “gli elementi indiziari assunti dall’Ufficio a base della propria presunzione sono quindi sufficienti per ritenere fondatamente presumibile che il contribuente abbia contrattato non la cessione di un fabbricato, ma quella di una area fabbricabile”. Correttamente il giudice, nel cogliere l’intento speculativo perseguito dagli alienanti ha inoltre indicato “il criterio che deve essere seguito nell’interpretazione dell’art. 81 del T.U.I.R.”.

La sentenza n. 7/8/09 del 2009 non è isolata, ma si inserisce in un consolidato indirizzo giurisprudenziale che ha visto i giudici tributari di merito emiliano-romagnoli pronunciarsi in più occasioni avallando le ricostruzioni operate dall’Amministrazione finanziaria sulle complesse architetture elusive poste in essere da alcuni contribuenti (fra le altre, Ctp Ravenna 228/01/02 del 2002 e 278/02/05 del 2005, Ctr Bologna 110/01/07 del 2007 e 26/13/08 del 2008.
Fonte http://www.fisconelmondo.it/giurisprude ... l-elusione
 

fiodor1

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma se è così, allora ogni casa venduta a costruttori diventa plusvalente? :disappunto:
E allora se per l'Agenzia delle Entrate vale l'area edificabile :rabbia: me la posso rivalutare?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Salve a tutti , volevo porre un quesito. Ho acquistato una casa Novembre 2017, seconda casa , che fino ad oggi è stata la residenza di mia figlia e il figlio. Ho messo in vendita la casa e ho trovato un acquirente che mi offre quasi il doppio di quanto pagato. Ai sensi dell'art. 67 del TUIR essendo stata residenza di mia figlia devo pagare o meno la plusvalenza ?? Grazie per chi potrà darmi risposte
Alto