• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pennangelo

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno a Tutti.

Accingendomi a presentare il 730 ed avendo da inserire, per la prima volta, 2 locali + 2 box (pervenutimi da eredità), sicuro che inseriròcome tipo utilizzo per gli appartamenti il cod. 3 (con tutti i riferimenti), che tipo di utilizzo inserisco per i 2 garages?

Ringrazio chi mi vorrà aiutare e porgo un ringraziamento particolare a Nemesis che è sempre pronto a sostenerci e, l'ultima volta che mi ha supportato, non l'ho neanche ringraziato
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Anche io metterei codice 9 se si trattasse di box non pertinenziali all'abitazione principale, e non fossero locati. Ho giustappunto un "codice 9" nel 730, un box nella mia città natale che non è pertinenza di alcunché e che ufficialmente è sfitto (lo usa mio fratello, ndr).
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
E un appartamento non locato perché non si trova l'inquilino è considerato "a disposizione" (rendita maggiorata di un terzo) oppure è anch'esso un "codice 9" ? E' un annoso dibattito.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
E un appartamento non locato perché non si trova l'inquilino è considerato "a disposizione" (rendita maggiorata di un terzo) oppure è anch'esso un "codice 9" ? E' un annoso dibattito.
Io li indico col "9", soprattutto se sprovvisti di contratto luce/gas.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
E un appartamento al mare, senza riscaldamento, che viene locato solo nei mesi estivi ? Due righi. Quattro mesi come "immobile locato" e 8 mesi come "9" o come "immobile a disposizione" ? Sentiamo i pareri ...
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
un appartamento non locato perché non si trova l'inquilino
E' un argomento cha abbiamo già trattato, che suscita opinioni contrastanti.
Io ho sempre utilizzato (e continuo ad utilizzare) il codice 9.
Nel mio caso si tratta di appartamenti vuoti, non ammobiliati, con le utenze energia elettrica e gas non attive in quanto disdettate dall'inquilino uscente.
Rimane l'acqua, che essendo condominiale non si può disdire, per la quale in genere gli amministratori addebitano l'equivalente di 1/2 persona per il periodo in cui l'unità immobiliare rimane non occupata.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
un appartamento al mare, senza riscaldamento, che viene locato solo nei mesi estivi ?
Se in quell'appartamento le utenze sono attive, per i mesi in cui non viene locato io lo considererei a disposizione.
Quindi codice utilizzo 2 e rendita catastale rivalutata aumentata di 1/3.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Per quanto riguarda gli appartamenti al mare, in montagna e comunque ubicati in un Comune diverso da quello dove si trova l'abitazione principale del contribuente, la rendita catastale rivalutata e aumentata di 1/3 finisce nella colonna "immobili non locati" e non viene tassata.

Se invece l'abitazione a disposizione (codice utilizzo 2) si trova nello stesso Comune dell'abitazione principale del contribuente ed è soggetta ad IMU (codice 3 nella colonna "casi particolari IMU"), la rendita catastale rivalutata aumentata di 1/3 viene tassata solo al 50%.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Per quanto riguarda gli appartamenti al mare, in montagna e comunque ubicati in un Comune diverso da quello dove si trova l'abitazione principale del contribuente, la rendita catastale rivalutata e aumentata di 1/3 finisce nella colonna "immobili non locati" e non viene tassata.
Ma tu ne hai capito la logica? E' più facile/logico che l'appartamento in luogo turistico sia tenuto a disposizione, quindi indice di capacità contributiva, mente un immobile a disposizione nel medesimo comune di residenza, quasi mai è a disposizione: che senso ha indicare 2, e tassarlo ?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma tu ne hai capito la logica?
Io presumo che la logica sia:

1) Appartamento in luogo turistico: paga l'IMU al Comune; l'Erario non ritiene di tassare ulteriormente il proprietario con l'IRPEF in quanto non "punisce" chi tiene a propria disposizione delle abitazioni uso vacanze.

2) Appartamento nello stesso Comune dell'abitazione principale del proprietario: paga l'IMU al Comune (mentre l'abitazione principale non di lusso è esente); l'Erario disincentiva il proprietario dal tenerlo sfitto tassando IRPEF il 50% della rendita catastale rivalutata e aumentata di 1/3.
In pratica chi è proprietario di alcuni appartamenti nel Comune dove risiede, è tassato un po' di più se li tiene sfitti. Direi poco di più, perché in molte città le rendite catastali sono basse.

Secondo me non c'entra tanto l'indice di capacità contributiva, quanto la destinazione degli immobili ubicati nel Comune dove vive il proprietario.
Se destinati alla locazione generano reddito (la cui tassazione gode di agevolazioni in caso di contratti concordati) per lui, e rendono un servizio alla società. Perché le esigenze abitative di chi vive in affitto non possono essere soddisfatte interamente dallo Stato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, ho un problema per la seconda casa
Nel 1980 ho costriuito nel yerteno di mia proprieta' un annesso agricolo e nel 1985, con il condono ho chiesto la trasformazione come abitazione, ho pagato tutte le oblazioni al comune ora a distanza di anni volendo vendere la proprieta' non possi perche' la cucina nonostante la luminosita' 2 finestre, e' alta 225 ,ma nel condono era cosi'
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
BASTA!
Alto