• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Estathe

Membro Attivo
Buongiorno a tutti, sono in procinto di acquistare due immobili da una persona che ha ricevuto gli stessi in eredità.
la prima quota è stata a lui conferita al decesso del padre 11 anni fa, la seconda nell’ultimo anno con il decesso anche della madre.
il mio notaio ha chiesto l’accettazione di eredità per entrambe le successioni, ma il venditore obbietta per quella del padre, poiché essendo passati oltre 10 anni dalla prima successione, a suo parere afferma che non vi sia l’obbligo.
Il mio notaio fa presente invece che servono 20 anni perché questo atto possa non essere fatto.

Chi ha ragione?
Vi ringrazio dell’attenzione
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Ovviamente ha ragione il notaio, 11 anni non bastano ; tra l'altro spesso chiedono la trascrizione dell'accettazione tacita anche dopo i venti anni.
Il venditore se ne farà una ragione, poiché senza quel documento il notaio non rogita.
 

Estathe

Membro Attivo
Ovviamente ha ragione il notaio, 11 anni non bastano ; tra l'altro spesso chiedono la trascrizione dell'accettazione tacita anche dopo i venti anni.
Il venditore se ne farà una ragione, poiché senza quel documento il notaio non rogita.
grazie mille, noto ora di un refuso nel mio post nell’ultima riga c’è un “non” di troppo
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Il notaio ha ragione. L'accettazione è l'unico documento in grado di provare la proprietà e non sono nemmeno passati 20 anni. L'accettazione tacita, avvenuta, non ti tutela al cento percento.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Assodato che è come dice il notaio, ma tra l'altro andrebbe anche evidenziata una circostanza:
> ci sono le successioni a cui avranno, di sicuro, seguito anche le relative Volture ebbene presumendo che ne sia il solo proprietario (senza altri comproprietari) se "l'autore" delle volture ne è il proprietario (come di sicuro è) allora in queste circostanze si è di già instaurata un accettazione tacita, ne consegue che sarebbe da completare la relativa trascrizione.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
SE VUOL VENDERE E' SCONTATO CHE DEVE DARE TUTTE LE GARANZIE
Non capisco perche mi rispondi urlando ( maiuscolo), come se io avessi scritto qualcosa fuori luogo.
Tu hai chiesto "cosa costa al venditore", e io ho risposto 500 per ogni trascrizione.
Non ti va bene ?
Nomen ( o nik name) omen ?
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Da te non mi sarei aspettato la tua reazione, tale da far scappare estathè, è scontato che chi vende un immobile, deve mettere a disposizione tutta la documentazione inerente a tale vendita, altrimenti ci prendiamo in giro, sempre che non ci sia qualcosa da nascondere, così diventa invendibile, quando si persevera con richieste di chiarimenti e non si ascolta (o si legge) quelli ricevuti, si persevera
 

Estathe

Membro Attivo
Vi ringrazio tutti per le risposte univoche a riguardo. In realtà la resistenza del venditore è data unicamente dal costo della pratica, ammontante all’ 1% del valore della compravendita.
a suo parere era il mio notaio troppo “pignolo” essendo passati 11 anni dal decesso. Di mio non avendo certezze a riguardo ho preferito chiedere a voi, che come sempre siete stati molto precisi e utili allo scopo.
grazie

a presto
 

enrico7

Membro Attivo
Nel caso di casa comprata all'asta giudiziaria per la quale si vuole effettuare una nuova vendita ad un privato, le trascrizioni passate sono già regolari perchè attenzionate dalla procedura?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno a tutti, sono proprietaria di un locale commerciale categoria C1 - 87 mq, mi hanno proposto di venderlo con un contratto Rent to buy oppure con un contratto preliminare di compravendita con consegna anticipata. Non avendo nessuna conoscenza di tali procedure, ringrazio chiunque possa informazione sulla diversità dei due contratti e suggerimenti utili da tener presenti per non incorrere in fregature.
Buongiorno,sono unica proprietaria di un immobile,ho una mamma di ottanta anni e due figlie che vivono con me,sono divorziata. Vorrei sapere, nel caso in cui dovessi mancare prima di mia mamma,la casa a chi andrebbe?
grazie.
Alto