• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
ciao.ho un quesito .Acquistando una nuda proprietà,avendone i requisiti richiesti, si può usufruire delle agevolazioni prima casa? grazie
 

Oronzo Crescenzio

Membro dello Staff
Re: nuda proprietà ed agevolazioni,si può?

Ciao allora l'agevolzione consiste nella riduzione dell'IVA o dell'imposta di registro ed ipocatastale.Sì puo avere l'agevolazione purché l'abitazione abbia i requisiti e sia ubicata nel Comune di residenza. Si può acquistare con l'agevolazione anche un appartamento affittato, purchè abbia i requisiti e sia ubicato nel comune di residenza.
 
L

Loretta Grazia

Ospite
L'ICI è a totale carico dell'usufruttuario.
Se il nudo proprietario, dopo aver richiesto le agevolazioni "prima casa", rivende entro 5 anni senza essere stato residente nell'appartamento per almeno la metà del periodo di possesso (es: vendi dopo 4 anni:devi aver avuto la residenza almeno 2 anni e un giorno): 1) decade dalle agevolazioni e deve pagare la differenza d'imposta+ 30% di sanzioni (6% se si autodenuncia al fisco)+ interessi legali decorrenti dalla data di registrazione del rogito d'acquisto fino al rogito di vendita, 2) paga l'IRPEF sull'eventuale plusvalenza tra il prezzo d'acquisto e quello di vendita, decurtata dalle spese fiscali e notarili sostenute.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto