• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cozzolino

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Viene il sospetto che non ci sia posto per inserire altre le utenze e quindi dopo l'acquirente troverà difficoltà e costi da preventivare
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
alla vendita gli impianti dovranno essere a norma
Non è previsto da nessuna parte che, per vendere, gli impianti debbano essere a norma; altrimenti non si potrebbero nemmeno vendere gli immobili d a ristrutturare .
Viene il sospetto che non ci sia posto per inserire altre le utenze e quindi dopo l'acquirente troverà difficoltà e costi da preventivare
Esatto, viene il sospetto che il venditore stia facendo il furbo.
Non sappiamo a che punto siano della trattativa, ma certo non si può concordare una cifra per la vendita, e poi scollegare le utenze e imporre all'acquirente di rifare nuovi allacci, magari anche difficoltosi.
 
Ultima modifica:

griz

Membro Storico
Professionista
Non è previsto da nessuna parte che, per vendere, gli impianti debbano essere a norma; altrimenti non si potrebbero nemmeno vendere gli immobili d a ristrutturare .
ok, in una compravendita gli impianti possono non essere a norma ma viene esplicitamente dichiarato in atto, qui si tratta del locatario cha acquista l'appartamento dove abita
 

griz

Membro Storico
Professionista
quindi dovrebbe conoscere lo stato degli impianti
ok, quindi si stabilisce che gli impianti sono a norma e i contatori sono da installare senza che siano predisposti i loro collegamenti con l'impianto a valle e a monte della posizione adatta, il venditore dice di arrangiarsi. A me sembra un abuso. Da considerare che l'installazione dei contatori prevede, oltre alla predisposizione, una dichiarazione di rispondenza alla norma che a mia conoscenza dovrà essere quella attuale e non è detto che l'immobile in discussione lo sia
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
ok, quindi si stabilisce che gli impianti sono a norma e i contatori sono da installare senza che siano predisposti i loro collegamenti con l'impianto a valle e a monte della posizione adatta, il venditore dice di arrangiarsi.
Non ho scritto questo, forse mi sono spiegata male; secondo me , a maggior ragione se si sono già accordati contrattualmente, il venditore non può "cambiare le carte in tavola", e pretendere ora di utilizzare il contatore per un altro immobile.
Nel rogito si scriverà che si compra nello stato di fatto ( quindi senza nessuna certificazione degli impianti, se non erano stati promessi come a norma), e il venditore dovrà arrangiarsi diversamente per un nuovo contatore per il suo seminterrato, non avendo tirato fuori il problema in fase di trattativa.
Se invece non hanno ancora firmato nulla, possono accordarsi come vogliono, sapendo però che chi ha troppo pretese ( secondo me il venditore) rischia di trovarsi con un pugno di mosche.
 
Ultima modifica:

casanostra

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Qui da noi per voltura si intende passaggio dell'utenza al nuovo intestatario senza che la medesima venga chiusa, per subentro, sempre da noi, si intende la riattivazione dell'utenza a seguito della chiusura da parte del vecchio intestatario. In definitiva se l'utenza è attiva la chiamano voltura mentre se è cessata lo chiamano subentro.
Paese che vai......
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto