• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Revy

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buongiorno a tutti,
comincio dal principio... i miei zii e i miei genitori 25 anni fa hanno acquistato la casa dove tutt'ora viviamo, questa stessa proprietà non è mai stata divisa e quindi risulta come unica proprietà. A dicembre verrà estinto il mutuo e i miei zii stanno pensando di andare via per raggiungere la figlia all'estero e di provare a dividere la casa.
Io e il mio futuro marito stiamo pensando, per rimanere più vicini ai miei genitori, di acquistare le quote dei miei zii.
Il problema che il Vecchio proprietario che ha venduto casa 25 anni fa ha effettuato degli abusi edilizi ricavando una camera da un balcone e spostando la scala di accesso al piano superiore.
Qualcuno sa suggerirci bene come muoversi?
Inoltre, qualcuno sa se vi siano problemi in fase di acquisto delle quote e per la successiva richiesta di mutuo da parte nostra, per via di questi abusi?
Grazie in anticipo delle Vostre risposte.
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
Per la questione abusi, devi necessariamente consultare un tecnico, che, fatto un sopralluogo e vista la documentazione edilizia dell’immobile, vi indichi se è possibile regolarizzare il tutto, con che spesa, e cosa fare in caso non sia possibile.
Lo stesso tecnico potrà dirvi se ha senso dividere la proprietà in due unità indipendenti, sia fisicamente che burocraticamente.

Per quanto riguarda il mutuo , invece, ci sono due aspetti: se l’immobile non viene sanato, nessuna banca finanzierà l’acquisto.
Inoltre, è difficile trovare una banca che conceda mutui per acquisti tra parenti: dovrete informarvi.
In ogni caso, più che acquistare le quote, probabilmente sarebbe preferibile comprare l’intera proprietà della parte abitata dai tuoi zii, dopo apposita pratica di divisione in due unità del”’intero immobile (se possibile).
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
1 con un immobile con abusi come quelli descritti, il mutuo dalla banca lo vedi col binocolo. Soluzione? Eliminarli prima, a cura e spese di chi sono problemi vostri
2 le banche difficilmente finanziano mutui per acquisti di quote, ancora meno per acquisti tra parenti
3 con questi presupposti ed un mutuo da chiedere, cercate altro o pagate in contanti senza mutuo
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Solo un tecnico ti potrà dare una risposta, conoscendo il regolamento edilizio. Comunque se fosse possibile sanare l'abuso dovrebbe essere stato realizzato prima del 1967. Probabilmente occorrerà presentare una SCIA in accertamento di conformità con conseguente sanzione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto