mbpure

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buonasera, avrei bisogno di una consulenza su un affitto transitorio. Sono un inquilina con il contratto 18mesi in scadenza a breve. Avevo già concordato con la proprietaria il rinnovo per la medesima durata, oggi ci siamo incontrate e mi ha confermato quanto già stabilito ma chiedendomi di aspettare un mese per l’effettiva firma del contratto. Sulle motivazioni è stata vaga, vorrei pertanto consultarmi con voi su quali possano essere ( magari evitare spese di registrazione o altro) le cause di tale richiesta e a che cosa vado incontro attendendo 30 gg senza alcuna garanzia - se non la sua parola - quindi di fatto occupando l’immobile in maniera irregolare e oltretutto corrispondendo l’affitto.
Attualmente sarebbe difficile per me affrontare un nuovo trasloco e una nuova ricerca di casa. Come devo fare? Grazie a chi mi aiuterà!
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Avevo già concordato con la proprietaria il rinnovo per la medesima durata
I contratti di locazione di natura transitoria devono contenere una specifica dichiarazione che individui l'esigenza di transitorietà del locatore o del conduttore, tra quelle indicate nell'Accordo definito in sede locale, da provare, per i contratti di durata superiore a trenta giorni, con apposita documentazione da allegare al contratto.
Se permane l'esigenza transitoria, si stipula un nuovo contratto. Non si rinnova un contratto precedente.
Le parti contrattuali possono essere assistite, a loro richiesta, dalle rispettive organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori. Gli accordi definiscono, per i contratti non assistiti, le modalità di attestazione, da eseguirsi, sulla base degli elementi oggettivi dichiarati dalle parti contrattuali, a cura e con assunzione di responsabilità, da parte di almeno una organizzazione firmataria dell'accordo, della rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all'accordo stesso, anche con riguardo alle agevolazioni fiscali.

P.S.: si deve inserire un titolo della discussione significativo. Non "help", "info", "aiuto", ecc.
 

mbpure

Nuovo Iscritto
Conduttore
Grazie per la risposta e per la specifica. Sto cercando di capire le possibili motivazioni per cui il proprietario richiede una stipula del nuovo contratto ( sempre di natura transitoria) dopo un mese invece che a seguito dell’immediata scadenza. Faccio l’esempio concreto: termine al 15 Febbraio rinnovo al 1 Aprile.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
rinnovo per la medesima durata
Confermo che il contratto transitorio scade e non è soggetto a rinnovo.
Se permane ed è documentata un'esigenza transitoria, gli stessi soggetti possono stipulare un nuovo contratto transitorio.
a che cosa vado incontro attendendo 30 gg senza alcuna garanzia
Se continui ad occupare l'immobile dopo la scadenza del contratto devi pagare alla proprietaria l'indennità di occupazione ex art. 1591 Cod.Civ. dello stesso importo del canone di locazione.
Se non trovi velocemente un accordo con la proprietaria per stipulare un nuovo contratto, devi lasciare quella casa. Se non andrai via spontaneamente lei potrà iniziare una procedura legale di sfratto per finita locazione.

Sulle motivazioni è stata vaga
E' possibile che la proprietaria stia valutando di destinare diversamente l'immobile: liberarlo per venderlo, affittarlo ad altri con un contratto diverso (attualmente sono redditizi gli affitti brevi di tipo turistico), utilizzarlo per sé o suoi familiari.
 

mbpure

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ho richiesto l’inoltro del contratto con firma a partire dal 1 Aprile, per avere qualcosa in mano che comunque testimoniasse la volontà da parte di entrambi di proseguire. Continuo a non capire perché attendere 30gg, può essere un modo per pagare meno sulla registrazione? Perdonate la mia insistenza, ma veramente non vorrei incappare in brutte situazioni e non sono molto esperta in materia.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
non sono molto esperta in materia.
Allora inizia a verificare se il tuo attuale contratto transitorio, e quello nuovo che eventualmente stipulerai con la proprietaria, è regolare.

Deve essere redatto in conformità al modello ministeriale: Allegato B al D.M. 16/01/2017.

Deve essere asseverato da un Sindacato dei proprietari o degli inquilini.

Il canone di locazione non si può decidere liberamente tra locatore e conduttore. Si deve calcolare in base ai parametri dell'Accordo Territoriale vigente nel Comune dove si trova l'immobile (vedo che scrivi da Milano).

Se il tuo contratto transitorio non soddisfa questi requisiti (leggi attentamente il modello ministeriale) ti trovi in una situazione irregolare.
 

Allegati

  • Transitorio.pdf
    290,1 KB · Visite: 11

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se il tuo contratto transitorio non soddisfa questi requisiti (leggi attentamente il modello ministeriale) ti trovi in una situazione irregolare.
Ni.
Che il contratto transitorio difforme dalle disposizioni ministeriali sia irregolare, non ci piove.
Ma chi tra locatore e conduttore sarebbe in fallo? Secondo me il locatore: se non è cambiata la legge, un contratto transitorio irregolare potrebbe tramutarsi, su richiesta del conduttore, in un regolare 4+4. Sbaglio?
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Discussioni simili a questa...

Le Ultime Discussioni

Alto