• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Cia

Membro Attivo
Proprietario Casa
Nell'ottobre scorso, per mero errore materiale, ho registrato per via telematica un contratto di affitto in realtà della non giusta tipologia (quadriiennale e non temporaneo).
Accortomi dell'errore, ho registrato con lo stesso sistema il contratto in essere. Da allora ho chiesta all'Aggenzia delle Entrate, sia a livello provinciale che nazionale, la restituzione delle spese di registrazione (€ 149) e la cancellazione della registrazione sbagliata: in pratica sullo stesso appartamento e con gli stessi contraenti sono presenti due contratti!
Niente da fare: o non mi è stato risposto o mi hanno detto di rivolgermi a qualcun altro il quale a sua volta mi ha detto di non essere competente ma di rivolgermi a qualche altro. In effetti, credo che non ci siano proprio le capacità professionali per risolvere un così banale disguido.
Qualcuno può suggerirmi a che rivolgermi per scuotere questi signori così solerti nel prelievo ma non altrettanto nel restituire? Non mi si dica di rivolgermi al Ministero: già fatto, ma senza risposta: hanno ben altro da fare!:confuso:
 

carlor

Nuovo Iscritto
Il contribuente può essere in credito verso il fisco per vari motivi (ha versato somme in più, risulta creditore in una dichiarazione dei redditi, etc.). Per alcuni casi di versamenti indebiti o eccessivi - come il tuo - occorre una domanda del contribuente, da presentare entro un determinato termine. Per le imposte indirette (registro, successioni e donazioni, ecc.), il termine è di 3 anni dalla data del versamento. Lo schema di domanda credo si trovi nelle sedi dell'Agenzia delle Entrate. Se l’amministrazione non risponde, si può ricorrere alla Commissione tributaria quando siano trascorsi almeno 90 giorni dalla presentazione della domanda e fin quando il diritto al rimborso non sia caduto in prescrizione.
 

Cia

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ti ringrazio per l'input. Purtroppo nel sito dell'Agenzia non ho trovato alcun modello che pare sia fatto apposta per chiedere il rimborso di una tassa non dovuta tranne quello generico MODELLO PER LA RICHIESTA DI ACCREDITAMENTO
SU CONTO CORRENTE BANCARIO O POSTALE DEI RIMBORSI FISCALI che non mi pare contempli il mio caso. Hai altri suggerimenti? Inoltre, mi sai indicare in modo specifico la legge da ui hai ricavato la tua risposta?
Grazie!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Salve a tutti , volevo porre un quesito. Ho acquistato una casa Novembre 2017, seconda casa , che fino ad oggi è stata la residenza di mia figlia e il figlio. Ho messo in vendita la casa e ho trovato un acquirente che mi offre quasi il doppio di quanto pagato. Ai sensi dell'art. 67 del TUIR essendo stata residenza di mia figlia devo pagare o meno la plusvalenza ?? Grazie per chi potrà darmi risposte
Alto