1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. schianto70

    schianto70 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,

    Sono propietario di un appartamento al terzo piano di una palzzina di 12 appartamenti.
    Ad ogni piano quindi 4 appartamenti.
    Si è presentata da poco l'opportunità per me ed il mio dirimpettaio di comprare ampliare i nostri appartamenti comprando quello in vendita del nostro vicino.
    A riguardo avrei delle precise domande :

    1) Per la definizione delle quote tra i 2 acquirenti (io ed il mio dirimpettaio) come effettuare il calcolo ?
    Sono da considerare le superfici lorde o calpestabili ? Come considerare il poggioli/terrazze ? Ed il garage ?
    Ha senso considerare le superfici virtuali ?
    2) Una volta definite le quote ed il prezzo, all'atto della compravendita bisognerà effettuare per entrambi gli acquirenti un atto notarile per ampliamento ? e le tasse da pagare darebbero sempre prima casa ? mi potreste elencare i costi cui andrei incontro ? e la un consiglio per potere pagare il meno possibile ?


    Riamango in attesa di Vs consigli e delucidazioni e anticipatamente ringrazio.
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Alla prima domanda la risposta più logica sarebbe in proporzione all'estensione, superficie ragguagliata. Nella stima delle due quote potrebbero intervenire altri fattori tipo, esposizione, ampiezza del fronte esterno, luminosità degli ambienti, stato di manutenzione dei locali e degli impianti.
    Nel conteggio si considerano le superfici lorde compresi i muri perimetrali che evidentemente vanno computati al 50%.
    Per ottenere la superficie occorre assegnare dei coefficienti per ottenere la superficie commerciale relativa:
    balconi, lastrici solari: 25% fino a 25 mq, l'eccedenza al 10%;
    box autonomo: 50%.
    Per poter stipulare l'atto d'acquisto occorrerà presentare in catasto le singole planimetrie delle porzioni dell'immobile. Al comune dovrete presentare la richiesta di frazionamento e fusione con l'adeguamento delle vostre unità immobiliari. La fusione dovrà essere presentata anche al catasto fabbricati.
    Esse potranno essere considerate ampliamento della prima casa, qualora la vostra abitazione lo sia.
    Per gli oneri dovresti rivolgerti ad un tecnico di fiducia, sapendo che ogni planimetria catastale per il frazionamento potrà oscillare dalla 200 alle 300 €. Stesso discorso per la fusione. Il progetto credo che possa oscillare da 1500 a 2500 €. Infine, per risparmiare sull'atto occorre ridurre il valore della porzione da acquistare. Sarebbe sufficiente allegare una perizia di un tecnico che indichi tutti i lavori di manutenzione necessari per renderlo agibile con i loro costi ed il valore finale della porzione dell'immobile.
     
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non sono un tecnico del settore ma fare una valutazione (come ha già egregiamente messo in evidenza Gianco), senza una planimetria, o quanto meno una dettagliata descrizione dell'appartamento da acquistare e ripartire fra due acquirenti può portare ad una sventagliata di combinazioni che equivarrebbero quasi a quelle necessarie per vincere al superenalotto. Faccio un esempio, da assoluto profano, qunati bagni ha l'appartamentto ? E se ne avesse uno solo ? Chi si prende il bagno e chi la cucina ? Quale vale di più ? Non bastano i metri quadri, bisogna considerare gli impianti già esistenti e specifici per tali servizi. A meno che non si voglia rifare completamente gli interni.
    Scusate l'intrusione da profano.
    Buon fine anno.
     
  4. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Questo non è un grosso problema in quanto quando fai un operazione di frazionamento di un vecchio appartamento e fusione di parti diverse dello stesso con 2 nuovi appartamenti vai ad intervenire per forza sulla distribuzione interna degli alloggi nuovi andando a modificare a seconda dell'esigenza, della disposizione dell'appartamento ed eventualmente della superficie (se frazioni un vecchio appartamento in 2 con superfici differenti).
    Puoi tranquillamente modificare la cucina in bagno e disimpegno o viceversa ovviamente tenendo conto della posizione delle colonne di scarico e della canna fumaria della cucina.
    A volte facendo delle piccole aggiunte puoi cambiare tranquillamente il tuo appartamento (parlo di distribuzione interna) rendendolo più confortevole e comodo oltre che dargli un tocco di rinnovamento.
     
    Ultima modifica: 29 Dicembre 2014
    A alberto bianchi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina