1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. bali

    bali Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, intanto grazie per i consigli che mi avete dato sino ad ora, riguardo al magazzino senza concessione edilizia che avevo intenzione di acquistare, perchè mi hanno permesso di scoprire che era una situazione troppo ingarbugliata e ho lasciato perdere.
    adesso avrei trovato un'altra soluzione e cioè un box.
    il quesito che vi pongo è questo: posso richiedere al notaio l'applicazione del prezzo-valore se il venditore è un privato che ha acquistato una palazzina grezza e sta vendendo le porzioni immobiliari in fase di completamento? in questo caso è da considerarsi compravendita tra privati? ho letto "la guida del cittadino" del Consiglio Nazionale del Notariato, però non mi è chiaro nel mio caso cosa devo fare.

    vi prego di rispondermi perché in questo caso risparmierei un bel po di euro!
    confido nella vostra sempre sollecita collaborazione!
    ciao, grazie
     
  2. Se il venditore (privato) ha già ottenuto l'accatastamento degli appartamenti che intende vendere, se pure in fase di completamento, secondo me si può senz'altro richiedere l'applicazione del prezzo-valore. Ciao, buona serata
     
  3. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    L'importante è che il venditore Non svolga come professione o arte la ristrutturazione e vendita di immobili.
     
  4. bali

    bali Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie, siete grandi!:D
     
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Nel merito concordo con Loretta . Nell'occasione consentitemi di riportare un articolo che ho scritto per la stampa locale sull'argomento .

    Compravendite immobiliari : “ Il prezzo valore” Una buona opportunità per risparmiare imposte.

    Secondo la legislazione vigente dal 2007, per le cessioni di immobili e pertinenze ad uso abitativo effettuate nei confronti di Persone Fisiche (che nell’acquisto non agiscano come imprenditori o professionisti) la base imponibile ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali può essere costituita dal valore catastale dell’immobile (ricavabile dalla visura catastale) rivalutato del 5% più il 10% se prima casa, o rivalutato del 5% più il 20% se seconda casa. In questo caso in gergo si dice che la base imponibile è data dal c.d. “ Prezzo Valore”’

    Le condizioni soggettive dei contraenti : Il profilo del compratore è già stato sopra delineato; ciò premesso e visto che “ il prezzo valore” si applica quando la tassazione è a “imposta di registro, ipotecarie e catastali ” il profilo del possibile venditore è duplice: può essere anche lui persona fisica non imprenditrice , oppure una società , una impresa o un ente che per imposizione effettui una cessione dell’unità non soggetta ad IVA . Così per esempio soggiacciono ai benefici del “prezzo valore” oltre a tutte le vendite in cui entrambe le parti sono “privati”, anche le vendite fatte da cedenti non-soggetti IVA (associazioni, fondazioni e simili), o da società o imprese in regime di esenzione IVA o le vendite fatte da imprese costruttrici o di ristrutturazione oltre i quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o dell'intervento, o le vendite fatte da imprese che non hanno costruito o ristrutturato l'immobile.
    I beni che possono beneficiare del sistema prezzo-valore
    Come detto deve trattarsi di immobili ad uso abitativo e relative pertinenze (box, cantine, ecc). Particolare interessante è che il regime di favore si estende alle pertinenze senza limitazione di numero, anche acquistate separatamente dal bene principale, purché pertinenziali appunto. E’ il caso di sottolineare che il sistema del “Prezzo Valore” può applicarsi anche alle seconde o terze case purchè , meglio ribadire, si tratti sempre di unità e pertinenze abitative

    In pratica cosa bisogna indicare in atto per beneficiare del “prezzo valore”
    Occorre premettere che tale sistema è opzionale ma in linea di massima è il più favorevole. Nell’atto di compravendita bisognerà indicare il valore totale effettivo e reale della transazione , ma si potrà chiedere al notaio e dichiararlo in atto che la base imponibile scelta sia determinata nel “prezzo valore”: il che in genere comporta un bel risparmio di imposte. Per esempio si dovrà dichiarare in atto che il corrispettivo della compravendita è pari a 230.000 euro (prezzo reale), ma sempre in atto si chiederà che la tassazione avvenga su 110.000 euro. (rendita catastale rivalutata, alias prezzo-valore)

    Il prezzo valore si applica anche per altri diritti reali
    La nozione di "cessione" comprende oltre agli atti traslativi del diritto di proprietà (leggi: compravendita ) anche quelli traslativi o costitutivi di diritti reali parziali e di godimento (leggi : nuda proprietà, uso, usufrutto, abitazione).

    Nell’ atto deve essere indicato il valore effettivo del bene ,
    Se viene provato dalla Guardia di Finanza ( p.es. con controlli bancari o rintracciando preliminari non registrati ) che è stato indicato in atto un corrispettivo inferiore a quello vero, le imposte saranno conteggiate sul valore totale della cessione (230.000 nell’esempio) , pretesa la differenza e applicate le gravose sanzioni amministrative.
    Cordialmente
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina