• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Palombo

Nuovo Iscritto
Salve a tutti,
Siamo 4 fratelli dopo la morte dell'unico genitore abbiamo appreso da un fratello della pubblicazione di un testamento olografo che indicava lui come unico erede.
Mi riferisco ad una eredità composta da due appartamenti su unico immobile, con cantina box e orto, un secondo immobile composto da due stanze con cantina e terreno di 2000 metri e vari terreni in un paese della provincia dell'Aquila. (non hanno subito danni dal terremoto)
Da circa due anni si è impossessato di tutto vivendo con il genitore.
Nel testamento gli è stato assegnato l'appartamento l'unico ristrutturato con box e orto come quota disponibile il resto in stato di completa ristrutturazione praticamente solo le mura senza impianti, servizi e utenze da dividere come quote di leggittima.
Causa il terremoto tutto è rimasto sospeso per circa due anni.
Siamo stati contattati da un'agenzia demandata dal fratello interessato per la pratica di successione.(per le spese occorrenti agenzia, geometra, ecc.)
Le nostre domande sono le seguenti.
Fermo restante il tempo trascorso, 1) possiamo richiedere una perizia calligrafica del testamento 2) verificare se è stata lesa le quote di leggittima 3) la successione si può fare contestualmente alla divisione.
4) possiamo chiedere la divisione giudiziale. 5) ultima domanda, in termine di costi vale la pena considerando che a detta dell'agenzia va fatto il frazionamento sia degli immobili che dei terreni, parliamo di un valore complessivo della quota di leggittima di circa € 60.000 più i costi legali na infine il tutto diviso quattro.
L'agenzia dal canto suo ci consiglia di fare la rinuncia delle nostre quote di leggittima.
Grazie.
 

Gian Luigi Cristina

Nuovo Iscritto
Avendo il defunto indicato nel testamento la suddivisone dei beni, nella presentazione della successione viene , di fatto , presentata anche la divisione dei beni in quanto il bene A sarà assegnato al figlio 1, il bene B al figlio 2 ecc. nelle volturazioni catastali susseguenti 1 vedrà intestato il bene A ecc. ritengo anche che le spese relative alla successione siano calcolabili in sub ordine al valore ricevuto.
 

Palombo

Nuovo Iscritto
La ringrazio del suo chiarimento.
Se ho ben capito, il bene A è escluso dalla quota di leggittima sul bene B per il valore ricevuto dalla quota disponibile.
 

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
La questione è a dir poco complessa e va esaminata non solo con tutti i documenti ma necessita di una valutazione di tutti i cespiti ereditari caduti in successione.
Dare una risposta ai suoi vari quesiti è in questa sede impossibile, si rivolga con gli altri fratelli ad un legale esperto in successioni salvo che non l'abbia già fatto e non si ritiene soddsfatto.
Se poi ci sono dubbi sull'autenticità del testamento non perda altro tempo.
Avv. Luigi De Valeri Roma
 

Palombo

Nuovo Iscritto
Ringrazio delle indicazioni suggerite.
Nel frattempo il caro fratello ci ha chiesto il rimborso di € 4.000 di successione e di spese sostenute.
Credo che sia il caso di rivolgerci ad un legale che segua la pratica fino alla divisione delle quote spettanti.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
scusi sig palombo, se nel testamento è stato designato un unico erede ( vostro fratello), mi spiega come fa l'agenzia a contattare pure voi? primo dubbio
secondo dubbio: lei dice che ora vive ( il fratello) con il genitore, ma se l'unico genitore è deceduto, infatti il testamento è stato pubblicato, e lo si pubblica solo dopo la morte del genitore, come sta storia!
veniamo alle cose fattibili.
se avete dubbi sul testamento, certo che si puo chiedere perizia ortografica ( non calligrafica), nell'ambito di un ricorso per lesione di legittima, che, stando a quello che dite, esiste ed è pure grossolana, visto che siete stati esclusi dal testamento, a meno che in vita il genitore vi ha donato beni per la vostra quota di legittima. la eventuale successione necessaria, in deroga al testamento, sara di natura giudiziaria ( lesione di legittima sancita da sentenza passata in giudicato), e non potra essere per sua natura divisionale, ma saranno assegnate le quote nomimali e indivise ad ogni erede secondo i suoi diritti. dopo tale successione potrete procedere alla vostra brava divisione con atto tra vivi.naturalmente, stando cosi le cose avete 10 anni di tempo dalla data di morte, per notificare ricorso per lesione di legittima.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
ci mancava il tuttologo da bar. calligrafica è il termine improprio che erroneamente si usa per specificare la provenienza di pugno della scrittura. ma il suo significato è di tutt'altra natura. significa scrittura bella, elegante, o brutta illegibile. si da un giudizio estetico alla scrittura, e non di autenticita della stessa come vuole la legge. piu corretto è dire ortografica, ma se ti viene il mal di pancia a usare il termine, puoi usare il termine perizia grafologica, e cosi ti senti meglio................
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Alquanto criptico (è un eufemismo) il quesito che hai posto.
Tuttavia vediamo di capire cominciando dalla tua premessa che per logica deduttiva
sarebbe questa: un figlio - convivente con un solo genitore proprietario d'immobili,
dopo la morte di costui informa i propri tre fratelli d'averne fatto pubblicare un
testamento olografo che nomina lui erede universale. Fin qui c'è un filo logico al quale
si può già rispondere in linea di principio che:
1) 'senza' un testamento valido l'intero patrimonio lasciato dal genitore andrebbe in questo caso ripartito in parti eguali tra i 4 figli (1/4 a testa);
2) 'con' un testamento valido e inteso a beneficiare particolarmente uno dei quattro
figli (quello cioè nominatovi, come hai scritto, l'"unico erede") a costui è 'destinata' la quota di 1/3 di tale patrimonio, mentre i 2/3 sono 'riservati' ai 4 fratelli (1/6 a testa);
3 ) se il testamento appare 'non valido' - cioè ad esempio 'apocrifo' (= non scritto dal
testatore) - va impugnato ai fini dell'accertamento tecnico sull'autenticità o meno;
4 ) l'impugnativa va promossa davanti al giudice nel quadro dell'azione di divisione ereditaria, sempre possibile salvo bonari accordi di tutti i coeredi al riguardo.
Sin qui tutto lineare. La cosa s'ingarbuglia quando, come affermi, il genitore avrebbe destinato nel testamento al figlio ex convivente l'immobile più prezioso; il che fa a pugni
con la sua nomina ad "unico erede".
Comunque in una situazione del genere i consigli da dare ai tre fratelli, passibili di prendersi altrimenti una solenne bidonata, sembrano questi:
a ) di notificare all'altro un formale invito a presentare il rendiconto della sua gestione
del patrimonio ereditario visto che già da alcuni anni ne ha il possesso esclusivo;
b ) lasciar perdere l'agenzia da lui 'suggerita' e ben poco affidabile solo a considerare
che la proposta partoritane sarebbe quella di rinunciare sic et simpliciter all'eredità;
c ) mettere invece tutta la questione nelle mani di un buon avvocato che come tale
sarebbe in grado di tutelare al meglio gli interessi degli eredi suoi assistiti.
In bocca al lupo...
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Certo che forse siamo fuori tempo massimo sono trascorsi molti, forse troppi anni.
L'agenzia dal canto suo ci consiglia di fare la rinuncia delle nostre quote di leggittima.
E' strano che l'agenzia consigli di rinunciare a meno che non si raggiunga un accordo, magari dovuto al fatto che si deve stipulare un atto regolare.
Avendo il defunto indicato nel testamento la suddivisone dei beni, nella presentazione della successione viene , di fatto , presentata anche la divisione dei beni in quanto il bene A sarà assegnato al figlio 1, il bene B al figlio 2 ecc. nelle volturazioni catastali susseguenti 1 vedrà intestato il bene A ecc. ritengo anche che le spese relative alla successione siano calcolabili in sub ordine al valore ricevuto.
Anche quest'affermazione è illogica visto che la successione indica tutti i beni che erano del de cuius e solamente in presenza di un testamento si possono assegnare a ciascun erede gli immobili indicati nel testamento. Altrimenti dopo la dichiarazione di successione si deve procedere alla divisione, procedendo prima alla predisposizione degli immobili da assegnare a ciascun erede e poi alla stipula dell'atto di divisione.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
vedo un sacco di espertisti lambiccarsi il cervello per sciorinare le risposte piu fantasiose. ma se l'utente ha detto chiaramente che sul testamento è stato inequivocabilmente chiamato alla eredita uno solo dei diversi eredi legittimi, che vi spremete il cervello a dare consigli inutili e fuori tema. ribadisco che un siffatto testamento, in presenza di altri eredi legittimi, va semplicemente impugnato davanti ad un giudice , in quanto si ravvisa una sicura lesione di legittima. sarà poi il giudice con sentenza definitiva, favorevole agli eredi esclusi, a ordinare la successione necessaria-punto. un testamento siffatto non è nullo, ma è impugnabile su iniziativa di parte, cioè delle parti escluse. rilassatevi, e sopratutto non complicate le cose, se non conoscete la materia.
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Bravo, 'domenico10', le risposte - mie comprese - che hanno preceduto la tua sono tutte cog....nate, solo tu evidentemente sei il Messia. With compliments.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
sbaglio, o il signore parlava di testamento con nominato unico erede, con gli altri coeredi tenuti fuori?
se cosi è, spiegami tu, quale sia la procedura coretta.
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Una procedura corretta (con due erre, mi raccomando) l'ho suggerita a 'Palombo' nella precedente risposta; essenzialmente al punto 4, sub.: a)-b)-c). Immagino che il tuo voto non arrivi al cinque. Me ne farò una ragione senza perderci il sonno.
P.S. Nei dizionari più noti il termine "espertista" non risulta; che tu sia anche un esperto innovatore di lessico italiano?
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
egr sig abiuso si vede lontano un miglio che l'ironia non è il tuo forte.
pazienza. non possiamo essere tutti uguali ( per fortuna).
quanto al termine "coretta" che distrattamente ho scritto, mi pareva che l'avessi capito che è la fretta di scrivere ad aver causato il refuso. ma pazienza ancora. qui manchiamo anche di buon senso.
la prossima volta prendiamo il vocabolario delle giovani marmotte, cosi scriviamo il dettatino per bene, piano piano se no perdiamo il "filo".
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto