• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Pe567

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve gruppo stavo vedendo una documentazione di un immobile ed mi accorgo che l' instrumento utilizzato e una scrittura privata autenticata
Come riporta l articolo 1350 cc gli atti scritti devono essere per autentica o atto pubblico
La presente scrittura e stata trascritta nei registri la mia domanda non ce il pericolo che la compravendita venga impugnata?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
non ce il pericolo che la compravendita venga impugnata?
Art. 2657, comma 1 c.c.
La trascrizione non si può eseguire se non in forza di sentenza, di atto pubblico o di scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.

P.S.: l'articolo 1350 c.c. non prevede che "gli atti scritti devono essere per autentica o atto pubblico".
 

Pe567

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Art. 2657, comma 1 c.c.
La trascrizione non si può eseguire se non in forza di sentenza, di atto pubblico o di scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.

P.S.: l'articolo 1350 c.c. non prevede che "gli atti scritti devono essere per autentica o atto pubblico".
Quindi se e se stata trascritta vale solo fra i sottoscritti ? Quindi io non la posso oppore ai terzi ed rischierei l annullato per impugnazione degli eredi ?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto