• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mariangela Morelli

Membro dello Staff
Un conoscente mi ha mostrato un contratto di locazione "patti in deroga" stipulato nel 1997 e una scrittura privata sottoscritta nel 2007 nella quale il conduttore accettava un aumento di canone, mantenendo però il contratto in essere, che si era rinnovato peraltro automaticamente per 4 anni + 4 per effetto della Legge 431/98.
Io ho asserito che non poteva assolutamente richiedere l'aumento del canone e che l'inquilino al termine della locazione potrebbe richiedere indietro la maggiore somma versata maggiorata degli interessi.
Chi è daccordo con me e chi è di parere diverso e, nel caso, in base a quale normativa od orientamento giurisprudenziale?
 
S

simo

Ospite
Non può essere effettuato nessun aumento del canone su un contratto in essere. :ok:
 

Mariangela Morelli

Membro dello Staff
Ciao Simo,
grazie per la risposta, ma sai se è vero che l'inquilino può richiedere indietro la cifra rivalutata ed entro quando?
La domanda è rivolta naturalmente a tutti!!!!!!!!!!!!!!! :fiore:
 

Elisa Vicariotto

Nuovo Iscritto
Occorrerebbe innanzitutto sapere quale fosse l'originaria durata del contratto. In ogni caso, la regolamentazione del contratto, alla scadenza, è confluita nella L.431/98.
In pendenza del rapporto locatizio, salvo l'ipotesi di rinegozziazione del contratto alla scadenza, non è possibile aumentare il canone. Le somma erogate indebitamente possono essere chieste in restituzione entro 6 mesi dalla risoluzione del contratto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto