• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mariangela Morelli

Membro dello Staff
Un amico mi ha chiesto consiglio per un avviso di liquidazione di imposta per mancato pagamento dell'imposta di registro dell'anno 2006 per un contratto stipulato nell'anno 2001.
In realtà il contratto si è risolto nell'anno 2003 ma il proprietario non ha effettuato il pagamento dell'imposta di registro per risoluzione nè ha fatto la competente comunicazione all'Agenzia delle Entrate.
Ora l'Agenzia delle Entrate, a fronte della documentazione attestante l'avvenuta risoluzione contrattuale, chiede il pagamento dell'imposta per risoluzione anticipata del 2003 con sanzioni ed interessi.
Io invece sostengo che l'imposta non è più dovuta in quanto si è prescritta (5 anni) e occorre semplicemnte comunicare per iscritto all'Agenzia delle Entrate che il contratto si è risolto dal 2003 (allegando la necessaria documentazione comprovante la effettiva cessazione del contratto nel 2003).
Chi ha ragione, io o l'Agenzia delle Entrate che chiede il pagamento di una imposta prescritta?
Grazie per le risposte.
 

gazza

Nuovo Iscritto
E' successa la stessa cosa ad un mio cliente. Ho predisposto l'autotutela e sembrava tutto a posto. Dopo alcuni mesi l'agenzia delle Entrate è tornata alla carica chiedendo il pagamento dell'IRPEF sui canoni del contratto risolto, che però a loro risultavano incassati. Ho dovuto presentare un'altra autotutela. Al momento la pratica non è stata ancora esaminata, ma il consiglio che ho avuto è stato quello di pagare comunque la risoluzione, anche se prescritta, altrimenti l'Agenzia non "vede" la cessazione del contratto. In pratica, l'operatore dell'Agenzia delle Entrate che segue le Imposte di registro non comunica con l'operatore che segue l'IRPEF. Il mancato pagamento della risoluzione, anche se tardivo, potrebbe inficiare l'accoglimento dell'autotutela.
Almeno, questo è quello che è successo a me :disappunto:
 

Mariangela Morelli

Membro dello Staff
Occorre presentare comunque una memoria all'Agenzia delle Entrate comunicando la risoluzione tardivamente ma spiegando che l'imposta non si paga in quanto prescritta.
Quindi la comunicazione (di cui ti devi fare dare ricevuta) dovrebbe tutelarti sufficientemente.
Ma con l'Agenzia delle Entrate purtroppo spesso è come un film con tanti finali diversi! :fiore:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto