1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. smith

    smith Nuovo Iscritto

    Buongiorno , dato che devo chiedere il cambio di destinazione d'uso di un abitazione di civile abitazione appena terminata di costruire ad ufficio, ho chiesto all'agenzia di farmi sapere orientativamente quanto mi poteva venire a costare questo cambio e nel contempo mio genero ha chiesto informalmente all'ufficio tecnico del comune di quantificargli la spesa.
    La differenza è significativa ( circa 5000 € il comune, circa 2600 € l'agenzia che ha detto di aver chiesto anch'essa al Comune) e da un confronto mi sono accorto che il comune , oltre ad aver valorizzato (stessa cifra dell'agenzia) la differenza dei costi di costruzione , ha valorizzato il costo di monetizzazione degli standard utilizzando il valore degli oneri primari e non quelli secondari , come fatto dall'agenzia.
    Il mio dubbio è se è corretto l'utilizzo degli oneri primari o secondari nel calcolo dei costi.
    Grazie in anticipo per quanto mimpotrete consigliare.
    Smith
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao smith
    Penso che la realizzazione di un ufficio o di un'abitazione per la loro destinazione ad essere adibiti alla dimora di persone l'uno per attività lavorativa l'altro per abitazione, entrambi di già al momento del progetto avrebbero già provveduto al pagamento degli oneri primari quali strade, parcheggi, verde pubblico, reti di distribuzione gas, elettrica,telefono, fognario ecc, mentre potrebbero non avere pagato ma penso anche che sia difficile quelli secondari quali servizi in genere, sempre questo se si tratta di appartamento o edificio di nuova costruzione.
    In ogni caso ogni comune può deliberare in merito e conforme a leggi regionali quindi è da verificare anche questo in quanto questi tipi di interventi edilizi in alcune realtà sono esenti dal pagamento degli oneri appunto per i motivi descritti sopra, non so se è il caso previsto nella tua regione.
    Ciao salves
     
    A smith piace questo elemento.
  3. smith

    smith Nuovo Iscritto

    Grazie Salves della pronta risposta.
    Buona serata
    Smith
     
  4. Campanea

    Campanea Nuovo Iscritto

    Ciao smith, per il cambio di destinazione d'uso senza opere, come mi pare sia il tuo caso, il Comune chiede la differenza sugli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e il contributo sul costo di costruzione ,già pagati, in virtù della tariffazione diversa tra il residenziale e il commerciale.
    Cordiali saluti, campanea
     
  5. gianfranco mazzei

    gianfranco mazzei Nuovo Iscritto

    Quando si costruisce un edificio "residenziale", il committente costruttore o soggetto privato, paga per il rilascio del titolo abilitativo, degli oneri suddivisi in COSTO DI COSTRUZIONE, ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, ONERI DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA. Qualora, successivamente, cambi la destinazione d'uso, da residenziale a terziario, o terziario avanzato, o altro ancora, sia che il CD sia con opere o senza opere (verifica le tabelle che il comune pubblica nal Reg. Edilizio o NTA o altro documento similare) si paga generalmente la differenza del CARICO URBANISTICO che la nuova destinazione individua. Generalmente le tabelle individuano un CARICO URBANISTICO minore per la residenza rispetto agli uffici (in quanto questi ultimi danno fonte di reddito, mentre la casa di residenza no). Quindi, in quanto ad oneri di URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, si dovrebbe pagare la differenza tra il valore al mq indicato per l'ufficio con quello della residenza (ovviamentemoltiplicato per i mq dell'appartamento. Il COSTO DI COSTRUZIONE, invece, generalmente uguale sia per la residenza, sia per l'ufficio, lo dovresti pagare (sempre come differenza), solo se le opere consistono anche in un ampliamento dell'unità immobiliare con la classica formula Sc=Su+40%Snr. Se l'unità non viene ampliata questo valore non deve essere corrisposto, in quanto già pagato dal costruttore in sede di rilascio del titolo. In ogni caso sarebbe meglio farti seguire da un professionista che compili l'istanza di CD Cambio di Destinazione d'Uso.
     
    A smith piace questo elemento.
  6. smith

    smith Nuovo Iscritto

    Carissimo Gianfranco, sei stato esauriente , ma quello che mi occorre sapere(perchè è qui che c'è molta differenza) è se il calcolo per la differenza degli oneri di urbanizzazione si fa solo su quelli secondari o su quelli primari ( 23,00 € i secondari e 70,00 € i primari !!!!).
    Grazie
    Smith
     
  7. gianfranco mazzei

    gianfranco mazzei Nuovo Iscritto

    Purtroppo bisogna sapere quale è il Comune titolare della riscossione, e verificare esattamente sulle NTA del PRG (o RUE PSC) del medesimo Comune la destinazione d'uso di partenza, che sicuramente è residenziale e quella di arrivo (ufficio, commerciale, ecc.) se nel caso di CD devi pagare su entrambi, sia U1 che U2. Ti posso dire che dalle mie parti (Bologna e Provincia), la maggior parte dei Comuni prevede per il CD da residenza a terziario il pagamento sia per gli U1 che per gli U2. Io non so da quale comune scrivi (se non che sei dalle parti di Bergamo) e per questo ti ho consigliato di rivolgerti ad un professionista. Ho un carissimo amico e collega architetto a Calolziocorte. Se vuoi .....
     
    A smith piace questo elemento.
  8. smith

    smith Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio Gianfranco anche per la Tua disponibilità.
    Intanto sento ufficialmente in Comune come normalmente fanno.
    Buona serata
    Smith
     
  9. Campanea

    Campanea Nuovo Iscritto

    Caro smith, io ho una esperienza analoga alla tua e il comune di Padova fà pagare la differenza sia per gli oneri di urbanizzazione primaria che secondaria.
    Comunque come diceva gianfrancomazzei, ti conviene rivolgerti ad un professionista del luogo che ti saprà rispondere in merito.
     
  10. Giovanni de Matteis

    Giovanni de Matteis Nuovo Iscritto

    Ho avuto una esperienza analoga e sono stato costretto a rivolgermi ad un geometra che ha provveduto a tutto sia con L'Agenzia del Teritorio che con il comune. La spesa complessiva è stata di poco superiore ai 1000,00 €
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina