• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nastrina

Membro Attivo
Buonasera. Vorrei sapere una cosa. Ho un appartamento in un edificio degli anni 60, con un balcone senza sbocchi per l'acqua piovana e comunicante col balcone del vicino in cui c'è lo scarico dell'acqua. Quello scarico serve anche il mio balcone? Mi interessa saperlo perche' la vicina ha pensato bene di chiudere lo scarico dentro una sorta di stanza che ha creato sul balcone con tanto di gradino a scendere. Ora l'acqua piovana va in un foro creato ad hoc e circondato da vasi di piante, quindi facilmente otturabile. Il problema si porrebbe soprattutto dopo ingenti nevicate che si verificano sempre piu' spesso. Avendo la signora del piano sottostante avuto infiltrazione che hanno addebitato al mio balcone, vorrei sapere se puo' esserci responsabilità per quello scarico che non si trova dove dovrebbe stare e se per questo posso essere risarcita, avendo io pagato i danni alla signora. E l'amministratore che ruolo ha, visto che da un lato dice che è questione tra privati ma ha comunque in passato consigliato alla vicina di liberare lo scarico?
Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Certamente questione tra "privati".

Discutibile la dimostrazione di una "servitù" di scarico in tuo favore... comincia col verificare se la "chiusura" (alias veranda) fatta dalla signora sia stata fatta con i relativi permessi edilizi.
 

nastrina

Membro Attivo
E chiedo: e' regolare che alcuni balconi hanno lo scarico ed altri come il mio sono cementati completamente su tutti i lati tranne quello confinante con la vicina...?Perche' ci dovrebbe essere quella apertura? Grazie per le risposte
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se questa situazione esiste dalla costruzione dell'edificio, si tratta di una servitù che dovrebbe apparire negli atti pubblici relativo e comunque lo è per destinazione del padre di famiglia. Pertanto non potrà essere occlusa e/o spostata senza il consenso dei proprietari del fondo servente e dominante.
 

nastrina

Membro Attivo
Ma il proprietario del fondo servente e dominante non e' la vicina che ha la veranda a con dentro lo scarico? Quindi io non posso accampare diritti? Inoltre lei dice che quella costruzione l'ha trovata quando e' andata ad abitare li' 7-8 anni fa. Grazie
 
Ultima modifica:

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Sbaglio o si fa un uso improprio di due termini che sono invece alternativi?

Fondo servente = la vicina
Fondo dominante = la postante.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Inoltre lei dice che quella costruzione l'ha trovata quando e' andata ad abitare li' 7-8 anni fa.
Comunque se il problema è sorto da 7-8 anni, sei ancora in tempo per rivendicarlo, in quanto una servitù si acquisisce o si cede, oltre che per atto pubblico, anche con l'usucapione ventennale.
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
A prescindere dal doversi ritenere che il terrazzo della vicina sia o meno "servente" al tuo, direi che costei non possa comunque alterare, con arbitrarie modifiche allo stato originario del luogo, la funzionalità dello scarico delle acque comune ad entrambi i proprietari.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
non è infrequente che lo scarico delle acque meteoriche raccolte dal balconi appartenenti a diversi proprietari di unità immobiliari siano convogliate con apposite pendenze della pavimentazione dei terrazzi verso tombini di raccolta che si trovano in prossimità dei discendenti dei pluviali del tetto, che sono immurati. Questi tombini rappresentano vere servitù in favore dei vicini che hanno la pavimentazione del terrazzo rivolta verso il tombino medesimo. Tuttavia se il proprietario di un terrazzo nel sostituire la pavimentazione cambia la pendenza perde il diritto alla servitù.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
direi che costei non possa comunque alterare, con arbitrarie modifiche allo stato originario del luogo, la funzionalità dello scarico delle acque comune ad entrambi i proprietari.
Non stiamo parlando di una tubatura interrata.

Trattandosi di balconi vien da pensare che nel muro divisorio fra le 2 proprietà vi sia un foro che permette all'acqua di defluire verso quello che può essere uno scarico che sfocia in gronda o spesso direttamente all'esterno.

La vicina può certamente e lecitamente modificare anche arbitrariamente tale scarico ... purchè non impedisca il deflusso del vicino.

Qui @nastrina sta tentanto di mettere il carro davanti ai buoi per scaricare le proprie responsabilità su altri.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
esempio di scarico delle acque meteoriche raccolte da un terrazzo nel terrazzo vicino. Il divisorio tra i balconi è sollevato rispetto al pavimento e mostra la pendenza del pavimento verso l'interno dell'edificio anziché verso l'esterno. Il vicino servente aveva parzialmente ostacolato il deflusso verso la grata di scarico che è collegata con lo scarico dei pluviali del tetto facendo una veranda.DSCN0016.JPG DSCI0003.JPG .
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
perde il diritto alla servitù per usucapione
La servitù si estingue per prescrizione quando non se ne usa per venti anni. L'usucapione è un modo di acquisto della proprietà. Non è un modo d'estinzione di un diritto (anche se certamente "estingue" il diritto -di proprietà- del precedente proprietario).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Alto