• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

valerio1982livorno

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
salve
nel 1991 fu rilasciata dal comune una concessione edilizia per la realizzazzione di 43 unita a ripostigli nel condominio dove io abito:
è successo che al termine dei lavori sono state edificate solo 41 unita (percui 2 in meno) ma l'anomalia sta nel fatto che il tecnico all'epoca ha depositato in comune da relazione di chiusaura lavori come se foessero in effetti state create tutte e 43 le unita.
il caso vuole che una di queste 2 unita appartenga alla mia abitazione e addirittura c'è un atto d'obbligo notarile dove il proprietario si impegna a non scorpoarare la pertinenza alla abitazione principale.
Addirittura dalla documentazione in mio possesso risulta che questa pertinenza messa in c/6 ha planimetria e visura in catasto e per quanto concerne il comune anche li sulla planimetria risulta regolarmente edificata.
insomma per farvela breve dalle carte risulta ma in realta c'è solo il terreno ossia una particella del volume di 8 metri completamente scoperta.
I tecnici che finora ho contattato mi dicono che non è piu possibile andare a edificarla in quanto la concessione del 1991 dopo 3 anni è scaduta percui commetterei un abuso edilizio andando incontro a gravi conseguenze.
Allora vorrei porvi questa domanda:
se edifico il ripostiglio fedelmente rispetto alle planimetri ma in legno anzichè in muratura cambierebbe qualcosa ???
considerate che nel comune in questione in edilizia libera è concesso creare un box attrezzi senza chiedere nessun permesso ma di una superfice lorda di 5 metri mentre io ne avrei a disposizione 8 metri.
grazie per la collaborazione
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#2

Gianco

Membro Storico
Professionista
#5
nel 1991 fu rilasciata dal comune una concessione edilizia per la realizzazzione di 43 unita a ripostigli nel condominio dove io abito:
è successo che al termine dei lavori sono state edificate solo 41 unita (percui 2 in meno) ma l'anomalia sta nel fatto che il tecnico all'epoca ha depositato in comune da relazione di chiusaura lavori come se foessero in effetti state create tutte e 43 le unita.
il caso vuole che una di queste 2 unita appartenga alla mia abitazione e addirittura c'è un atto d'obbligo notarile dove il proprietario si impegna a non scorpoarare la pertinenza alla abitazione principale.
Probabilmente, la fine lavori è stata data per procedere all'agibilità. Ciò non toglie che tu possa richiedere la concessione edilizia per il completamento dei lavori, realizzando le unità mancanti.
La presenza in catasto delle unità inesistenti è evidentemente un errore del tecnico che ha dichiarato l'immobile indicato nel progetto.
 

valerio1982livorno

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#6
per quanto mi risulta la fine lavori e l'agibilità non è mai stata presentata in comune.
come poteri richidere la concessione per completamento lavori se ad oggi risulta scaduta e inoltre le unita mancanti risultano come edificate sulla planimetria urbana e catastale ???
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#7
le unita mancanti risultano come edificate sulla planimetria urbana e catastale ???
Le unità risultano nel progetto originale, ma non essendo state realizzate, abbisognano di una nuova concessione edilizia, che dovrà rispettare le norme vigenti nel momento in cui viene proposto il nuovo progetto. Il fatto che siano state dichiarate in catasto è soltanto un errore del tecnico e che, con gran piacere del comune, comporta il pagamento dell'IMU relativa, salvo che non si facci ricorso, denunciando l'errore del tecnico e del proprietario.
 

valerio1982livorno

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#8
ma secondo lei richiedere una nuova concessione per la realizzazzione di un unità mancante comporta spese sostenute sia per il comune che per il tecnico ?
Inoltre potrebbe il comune negare la concessione perche magari i regolamento attualmente in vigore non lo permetterebbe ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#9
Essendo scaduta la precedente concessione edilizia, devi riproporre un nuovo progetto, magari in ampliamento ripescando la proposta iniziale. Questo comporta per il tecnico la redazione di un nuovo progetto con tutti gli elaborati ed i costi connessi. Evidentemente il tecnico no opera per beneficenza ed il progetto deve essere proposto nel rispetto delle norme attualmente in vigore.
 

valerio1982livorno

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#10
nell'ipotesi in cui dovessi creare questa unita secondo le planimetrie ma senza richiedere nuove concessioni ne permessi, nel caso in cui dovessi essere soggetto di un controllo (detto tra noi l'unico modo per avere un controllo della municipale è se qualche vicino dovesse rompere le scatole) quali potrebbero essere le conseguenze ?
è possibile che mi venga intimato di rimuovere l'opera edificata abusivamente in un certo limite di tempo e basta oppure scatterebbe subito una denuncia penale ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#12
Se riuscissi a terminare i lavori senza inciampi, eventualmente dovresti proporre al catasto la nuova planimetria, solo se ci fossero delle difformità rispetto a quella precedente. Qualora dovessero riscontrare l'esecuzione dei lavori non autorizzati, potresti presentare un progetto in corso d'opera, in accertamento di conformità, se fosse accettabile nel rispetto delle norme vigenti. Qualora non ci fosse possibilità di sanarla, avrai, 2 o 3 mesi di tempo per eliminare l'abuso, pagando una sanzione. Qualora non ottemperassi, la pratica passerebbe all'attenzione dell'autorità giudiziaria. Infine, se i lavori vengono terminati senza alcuna contestazione, solo una denuncia potrebbe riaprire il caso.
 

valerio1982livorno

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#13
il problema che potrebbe porsi è proprio nel caso di una denuncia di un vicino:
ipotizziamo questo scenario:
edifico il ripostiglio in mezza giornata (lo potrei fare anche perche parliamo di un piccolo magazzino di 8 metri lordi per 2.60 di altezza) e nel corso dei lavori nessuna mi contesta niente in corso d'opera, poi successivamente a opera completata parte una denuncia ma nel momento in cui verrà la municipale o comunque qualcuno del comune viene di persona a verificare l'abuso constata che l'opera è conforme alle planimetrie urbane e catastali:
cosa potrebbero contestarmi ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#14
Se l'opera corrisponde al progetti depositato in comune ed alla planimetria presente in catasto è difficile che ti possano contestare qualcosa. A meno che non ti trovino eseguendo l'opera. in tal caso dovrai presentare un progetto in accertamento di conformità con l'oblazione di circa 500 €.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto