1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    In questo forum spesso sono pervenute disperate denunce di stalking subite da condomini pacifici che non vorrebbero altro che vivere sereni . A costoro è indirizzata la presente trattazione sperando possa risultare utile
    ---------------------------------------------------------------------------------------
    Il difficile rapporto tra còndomini. Chi vive la realtà condominiale sa bene quanto possa essere difficile la convivenza con i propri vicini di casa, coi quali può accadere di essere in discussione, anche perenne, ed a volte purtroppo in conflitto: i rapporti, che finiscono così con l’essere complicati se non proprio burrascosi, vivono di situazioni che spesso travalicano i confini della legalità sconfinando in atteggiamenti delittuosi dai connotati più disparati: si può passare così dalle più frequenti e banali ingiurie ai fastidiosi imbrattamenti o getti di cose pericolose, attraverso comportamenti in cui sono ravvisabili gli estremi della violenza privata piuttosto che quelli delle molestie, giusto per citare alcuni dei reati che più facilmente possono essere commessi nell'ambito della vita condominiale.

    Si pensi ad esempio a cosa può accadere durante un’assemblea condominiale dai toni un po’ più accesi del solito, quando è facile che scappi un’offesa che, poiché proferita in presenza di più persone, assume la connotazione della diffamazione. Si pensi ancora alla violenza privata insita nel rubare il posto auto o nell’impedire l’utilizzo di altro spazio esclusivo, o nell'ostacolare il godimento di un qualsiasi bene. E che dire infine degli schiamazzi o della radio o TV usati a tutto volume, spesso anche in orari del tutto inusuali, o dell’uso di calzature rumorose in appartamenti per nulla ovattati?

    Insomma, nella quotidianità della vita condominiale è davvero facile superare il delicato limite del “penalmente rilevante”.
    Dalle molestie allo stalking: quando la petulanza può costare davvero cara. Proprio perché le situazioni delittuose sin qui descritte (e molte altre ancora, naturalmente) si manifestano nella prassi di tutti i giorni è il caso di porre l’attenzione su un reato che si rischia di commettere forse inconsciamente ed inconsapevolmente, anche perché “giovane” e quindi poco conosciuto: il reato di atti persecutori, meglio noto come stalking.

    Previsto dall’art. 612 bis cod. pen. ed introdotto dalla L. n. 11 del 23/02/2009, questo delitto punisce le condotte di minaccia o molestia che, reiterate nel tempo, finiscono col turbare così profondamente la vita delle vittime al punto da provocare in loro gravi stati d’ansia o, peggio ancora, costringerli a mutare le abitudini e stili di vita.

    Gli elementi caratterizzanti dello stalking sono quindi la reiterazione delle azioni criminose (una sola minaccia, anche se provoca “l’effetto sperato”, non costituisce “atti persecutori” e non a caso il nome stesso del reato in questione è declinato al plurale…) e la loro incidenza negativa nella vita delle persone che ne sono vittima: il Legislatore ha voluto così tutelare quei soggetti che, subendo continue vessazioni, sono costrette a modificare la loro stessa vita che altrimenti diviene insopportabile.
    Lo stalking entra nel condominio. Quello che apparentemente può sembrare un reato tipicamente “affettivo” (complice anche la campagna mediatica in atto da diversi mesi: giornali e TV sono quotidianamente pieni di notizie riguardanti arresti e condanne per questo giovane reato ma vecchio problema), in quanto le vittime sono quasi esclusivamente partner e soprattutto ex, in particolar modo donne, oggetto di attenzioni morbose se non addirittura violente, è invece un delitto ben configurabile anche al di fuori di una relazione amorosa: è infatti sufficiente il compimento di più atti molesti o minatori che ledano l’altrui sfera psico-affettiva o inducano la vittima a mutare stile di vita perché ci si trovi di fronte agli atti persecutori puniti dalla norma in oggetto, indipendentemente dai rapporti affettivi o parentali che leghino il persecutore al perseguitato (che incidono al più sul piano sanzionatorio).

    È poi naturale che taluni contesti, connotati dallo stare insieme quotidianamente e spesso male, siano terreno fertile per il proliferarsi di comportamenti che rientrano nello schema tipico del reato così come sin qui delineato: la vita di condominio, come detto, non è infatti facile ed anzi spesso ci si trova costretti a vivere astretto contatto con persone di ogni tipo, ed essere quindi incolpevolmente esposti a situazioni davvero ai limiti della sopportazione e che, se petulanti e seriamente mortificanti, possono costituire stalking.

    D’altronde già dal 2011, a pochi mesi quindi dall’entrata in vigore della legge istitutiva del delitto di cui all’art. 612 cod. pen., la Suprema Corte è intervenuta per chiarire la possibilità che lo stalking si possa compiere anche tra condomini: integra quindi il delitto di atti persecutori e non quello di minaccia né di violenza privata il comportamento di un soggetto che, minacciando di morte alcune condomine, arrivando finanche ad aggredirle fisicamente (bloccando l’ascensore in cui le vittime si erano rifugiate per sfuggirgli), aveva finito col costringere alcune delle vittime a trasferirsi altrove. (Cass. Pen., Sez. V, sent. n. 20895 del 25/05/2011),

    Tale sentenza è importante non solo perché con essa si è subito chiarito come lo stalking possa consumarsi, come detto, anche fuori da un contesto relazionale affettivo ma soprattutto perché il Supremo Collegio ha con essa evidenziato che "il fatto può essere costituito anche da due sole condotte”: le minacce e/o le molestie, in sostanza, devono essere più di una, ma anche solo due (sul punto la Cassazione si era peraltro già espressa nello stesso senso: Cass. Pen., Sez. V, sent. n. 6417 del 17/02/2010).

    E così è stalking anche insozzare quasi quotidianamente l’abitazione ed il cortile di proprietà del vicino gettandovi rifiuti di ogni genere”, se con tale condotta gli si provoca “un perdurante e grave stato d’ansia e il fondato pericolo per l’incolumità, al punto da costringerlo a trasferirsi altrove per alcuni periodi e rinunciare a coltivare presso la propria abitazione relazioni con i terzi”: in tal senso si espressa la Corte di Cassazione in una recentissima pronuncia di conferma della condanna comminata proprio nei confronti di un soggetto che si era reso responsabile di questi atti, giustamente inquadrati appunto come persecutori tra condomini (Cass. Pen., Sez. V, Sent. n. 39933 del 26/09/2013).
    Dall’ammonimento al carcere: le conseguenze dello stalking. Le conseguenze, per chi è accusato o peggio ancora condannato per il delitto di stalking possono essere davvero pesanti: si va infatti dal più semplice ammonimento del Questore (una specie di diffida, che comporta, ove l’ammonito reiteri le condotte, la procedibilità d’ufficio e l’aumento della pena in caso di condanna), che comporta l’obbligo, introdotto dal D.L. n. 93 del 14/08/2013 (cd. Decreto sul femminicidio), di revoca del porto d’armi eventualmente concesso al soggetto segnalato, all’arresto e la detenzione, domiciliare o carceraria, nei casi più gravi, per i soggetti indiziati del compimento di atti persecutori.

    La pena per il reato in questo in questione è infine tutt’altro che leggera, potendo arrivare nel massimo a 5 anni di carcere (aumentabili finanche ad oltre sette anni in presenza di vari fattori soggettivi), e comportando, proprio in ragione della sua entità non certo modesta, anche l’applicazione di misure preventive obbligatorie quali l’arresto in caso di flagranza e, come accennato, la custodia cautelare.

    Sarà quindi opportuno pensarci bene, anzi, meglio prima di lasciarsi andare ad atteggiamenti di inciviltà, spinti dal disprezzo verso il condomino del piano di sotto piuttosto che quello della porta accanto, perché il passo dall’uscio di casa alle porte del carcere è davvero più breve di quanto si possa pensare.
    7/11/2013
    di Avv. Mauro Blonda
     
    Ultima modifica di un moderatore: 18 Maggio 2014
    A Daniele 78 e nennanè piace questo messaggio.
  2. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    E' tutto bello. In Italia non mancano certo Leggi e Regolamenti: a differenza di altri Paesi (vedi Inghilterra), qui tutto è normato e previsto in apposite leggi...leggi che si susseguono senza interruzione, ma che, poi, nella pratica, nessuno rispetta e nessuno fa rispettare. Per quanto riguarda il caso in questione, può esser tutto vero, ma per far valere il proprio diritto occorre in primo luogo che il Questore o le Forse dell'Ordine facciano il loro dovere (una mia amica è tartassata da mesi da un suo assistito, che non esita a disturbarla per telefono a tutte le ore del giorno, per cui ha cambiato tre volte il numero; non esita a entrare nell'atri del suo stabile e staccarle la corrente; non esita a presentarsi sul suo posto di lavoro pubblico e prendere a calci e pugni la porta dell'ufficio minacciandola di morte davanti a numerosissimi testimoni, tra cui i tanti colleghi. Ebbene, Carabinieri e P.S. chiamati innumerevoli volte non hanno potuto far nulla perchè in loro presenza lui è buonissimo e non c'è flagranza di reato; mentre il giudice cui sono state fatte numerose denunce circostanziate, ha dato il non luogo a procedere) andare in giudizio (3 gradi!!) e restarci tra i 4 e i 10 anni se tutto va bene. E per "andare bene" vuol dire anche trovare uno o più giudici onesti che comprendano la situazione e si interessino ad essa e fissino le udienze non a distanze epocali, cosa già di per sè difficilissima; poi vi possono essere intoppi di diversissimo tipo. Il tutto senza contare la spesa a cui si va incontro.
     
    A alberto bianchi, rita dedè, Daniele 78 e ad altre 3 persone piace questo elemento.
  3. airin57

    airin57 Membro Attivo

    ma se oltre ai condomini maleducati si aggiunge un amministratore incompetente il quadro è completo. Uno mette un condizionatore attaccato al muro condominiale in alto in bella vista senza aver chiesto nulla a nessuno ora col bene placido del noastro AMM....
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  4. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Bene placido o Michele Placido?
     
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Infatti la certezza del diritto in Italia, purtroppo esiste SOLO sulla carta, nella realtà invece sembra non esistere per nulla. Questo più volte è dimostrato dal fatto che la gente manco conosce determinate leggi (che in realtà esisterebbero da tempo) ma non sono mai state applicate. E quando succede il fattaccio l'opinione pubblica si indigna a gran voce e chiede giustizia. Un esempio?? Vi ricordate il ricordate il rogo della Thyssen a Torino nel 2008?? La campagna mediatica che ci fu contro i posto non sicuri e la richiesta specialmente a sx di più tutele (che poi sfociarono del Dlgs 81/2008 sulla sicurezza)??. Ebbene tutte quelle norme già esistevano decenni prima (parlo della L 626/94) che già tutelava le varie attività lavorative e che la Thyssen non rispettó per nulla. Mi chiederete cosa è cambiato??? Nulla, multe più salate (eh già prima lo erano) e una montagna di carta in più che nella realtà non serve a molto. Anzi serve a complicare la vita di chi lavora.
     
    A rita dedè e JERRY48 piace questo messaggio.
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    C'est la vie in Italy.
     
  7. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Un bel kalaschnikof !!!!! Sempre pronto carico......
     
  8. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Il mio consiglio a chi ci governa: "prima di normare qualsiasi cosa in qualsiasi settore prego informarsi sia come funziona il lavoro in quel campo sia cosa prevede la legislazione esistente che norma quel settore". Una cosa che non ho mai capito è come si possa normare un campo senza conoscerlo e senza sapere le norme esistenti e le loro correlazioni. Mi viene in mente un'altra "genialita" degli amici (si fa per dire) grillini dove nel difendere la pasta italiana hanno proposto una norma contro il grano saraceno colpevole di aver "cambiato, traviato" le origini del grano nostrano. A questi fenomeni dico: "informatevi cosa è il grano saraceno perché è dal medioevo che viene utilizzato per produrre cibo, già i nostri nonni lo usavano". Quando l'arroganza e la prepotenza si uniscono all'incopetenza il risultato (negativo) è assicurato.
     
  9. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La legislazione italiana obbliga l'impiego della farina di grano dura nella produzione di pasta secca (Legge n. 580 del 1967 e successive modifiche.
    Da noi facciamo questo col "saraceno".
    https://www.google.it/search?q=gran...niv&sa=X&ei=KzgfVIKMK9baavuhgegB&ved=0CCcQsAQ
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    grano saraceno piemontese noi questo...uno più buono dell'altro. Chissà sei i "fenomeni a 5s" sanno queste cose... . Secondo me no altrimenti tante caz**ate non le avrebbero neanche proposte. Basta poco per documentarsi con internet.
     
  11. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
  12. JERRY48

    JERRY48 Ospite

  13. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
  14. airin57

    airin57 Membro Attivo

    scusate ma una risposta : si può tenere appeso in bella vista il motore del condizionatore o no?:disappunto:
     
  15. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Vuoi una risposta secca alla tua domanda altrettanto secca, no.

    Non è che perchè c'è stato il beneplacito dell'amministratore un condomino può fare quel che vuole.
    Assemblea?
    Voto?
    Esito.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 22 Settembre 2014
  16. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    D. si può tenere appeso in bella vista il motore del condizionatore o no?:disappunto:

    R. si a condizione che non leda il decoro architettonico e che non produca rumori intollerabili
     

    Files Allegati:

    A Daniele 78 piace questo elemento.
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
  18. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Quindi come vedi c'è una condizione.
    Il criterio di verifica del decoro architettonico non leso deve essere ante o post?
    A mio parere, per non iniziare sempre a iosa contenziosi e liti a non finire, meglio ante e sopratutto col benestare dell'assemblea condominiale. (penso si tratti di condominio)
    In quanto, se il condizionatore viene montato sulla parete di una villa isolata, non penso proprio che produca disturbi tali da nuocere i vicini, e il decoro architettonico interessa solo al proprietario.
     
  19. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Scusa ti rispondo io il decoro architettonico ante intervento. Semplicemente si sottopone all'assemblea un disegnino si come verrà fuori l'intervento (anche senza la concessione in quanto non necessaria) almeno tutti riescono correttamente a farsi un idea di come verrà. Inoltre in caso di variazioni dopo presentazione tutto il condominio saprebbe come tutelarsi in quanto l'approvato era diverso, ed eventualmente riportare la situazione come concordata in assemblea.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina