• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
gli atti notarili sono "eterni", semmai possono essere i diritti che variano di fatto su un immobile. in ogni caso se lo distrugge non cambia nulla. lo stesso atto che lei riferisce a 31 anni fa è conservato per legge alla conservatoria dei registri immobiliari e all'archivio notarile distrettuale ( se il notaio o pu che lo ha redatto ha smesso l'attivita). quindi o conserva o distrugge fisicamente non cambia il valore giuridico di nulla, ne la sua riproducibilta in qualsiasi momento.
 

Elisabetta48

Membro Senior
La copia degli atti richiesti all'Archivio notarile possono essere richiesti in bollo se devono essere prodotti ufficialmente, in carta semplice se destinati ad uso personale.
Stavolta ti devo contraddire: loro la rilasciano in bollo. Se la vuoi in carta semplice devi scrivere sul modulo della richiesta per quale uso ammesso o ai sensi di quale legge te lo devono rilasciare esente bollo, altrimenti...bollo, non c'è scampo. Io avevo scritto "per uso Voltura Catastale" (avevo trovato la dritta in Internet). Comunque anche in carta libera si paga un tanto a pagina. Ricordo di uno pagato sui 68 euro, un altro sui 72 euro. Per questo mi permetto di insistere: almeno i nostri conserviamoli...
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Stavolta ti devo contraddire: loro la rilasciano in bollo. Se la vuoi in carta semplice devi scrivere sul modulo della richiesta per quale uso ammesso o ai sensi di quale legge te lo devono rilasciare esente bollo, altrimenti...bollo, non c'è scampo.
Io non ho scritto il contrario!
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
tutti gli atti conservati scontano bolli e diritti, anche se minimi. deve partire sempre da un 35-40 euro, poi il numero delle pagine e l'uso ne possono solo amplificare il costo. io per ritirare una convenzione di lottizzazione tra lottizzanti e comune, ho avuto una richiesta di diverse centinaia di euro. per cortesia non banalizzate le discussioni, per indurre qualche sciocco a sparare *****iate. purtroppo l'italia è il regno incontrastato dei maniaci delle tasse da una parte e degli sciocchi dall'altra, entrambi componenti decisivi dello sfascio e del fallimento del carrozzone pubblico.
 

griz

Membro Storico
Professionista
mi rifaccio al post di moralista: la conservazione ha dei costi elevati, è quindi corretto che ottenere copie dei documenti costi, del resto in generale vale la pena spendere per avcere copia di documenti indispensabili per dirimere questioni.
Io mi sono premurato di restituire sempre gli atti ricevuti in originale per evitare di avere un archivio più grende dello studio e per evitare di essere accusato di averli persi
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Avrò capito male! Siccome avevi scritto "in carta semplice se destinati ad uso personale.", sembrava che bastasse scrivere così per averla esente-bollo. In realtà, appunto, bisogna dettagliare l'uso previa verifica che sia un uso che prevede l'esenzione.
Avendo scritto "ad uso personale" per intendere in esenzione in alternativa alla copia in bollo.
 

PROBLEMIVARI

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie a tutti: si trattava di un atto di vendita e in effetti quel che mi tranquillizza maggiormente è il fatto che, in caso di necessità, c'è l'archivio notarile! Ora che lo so credo proprio che eliminerò il cartaceo tenendo solo i dati necessari nell'eventualità (remota) di doverne fare richiesta.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
Grazie a tutti: si trattava di un atto di vendita e in effetti quel che mi tranquillizza maggiormente è il fatto che, in caso di necessità, c'è l'archivio notarile! Ora che lo so credo proprio che eliminerò il cartaceo tenendo solo i dati necessari nell'eventualità (remota) di doverne fare richiesta.
scusi la mia curiosita, ma perche eliminare un atto cartaceo. le da cosi tanto pensiero? oltretutto vale anche come docum storico-giuridico, ben sapendo comunque che è un atto conservato all'infinito agli archivi pubblici.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ah finalmente stanotte potrò dormire tranquillo. Cominciavo a preoccuparmi perché la soluzione è stata espressa da molti e sembrava che non sortisse alcun effetto. Scusate lo sfogo, ma ci sono voluti 49 post per un problema. Passiamo agli altri!
 

PROBLEMIVARI

Membro Attivo
Proprietario Casa
....avete presente un un trasloco in atto?! Beh se ho dato problemi e pensieri a qualcuno con la mia scarsa partecipazione, mi scuso. Però vi posso assicurare che fra un impacchettamento e l'altro leggevo le vostre opinioni tutte graditissime, anche quelle che ipotizzavano la possibilità di "giocare all'otto"! Detto ciò confermo che lo spazio per la conservazione dei documenti cartacei è veramente sempre meno, almeno in casa mia. Grazie ancora e buona giornata.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
....avete presente un un trasloco in atto?! Beh se ho dato problemi e pensieri a qualcuno con la mia scarsa partecipazione, mi scuso. Però vi posso assicurare che fra un impacchettamento e l'altro leggevo le vostre opinioni tutte graditissime, anche quelle che ipotizzavano la possibilità di "giocare all'otto"! Detto ciò confermo che lo spazio per la conservazione dei documenti cartacei è veramente sempre meno, almeno in casa mia. Grazie ancora e buona giornata.
possibile mai che non possiedi un "angolo" anche microscopico per ficcarci l'atto? e magari buttando via qualche giornale o giornaletto stupido? scusami sai, ma sta storia apparentemente "frivola", mi sta intrigando.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
Tu dovresti sapere bene come me come finirebbe quella abitudine: Vuoi per ricordo, vuoi per la teoria che possono sempre servire.... sommersi da carte ed oggetti (quasi) inutili.
E' una malattia... che conosco bene purtroppo, a cui non c'è rimedio.
poi accade, come sempre e accade, che eredi, neoproprietari, discendenti e ascendenti si riversano nello studio a chiedere lumi, su diritti, soggetti, oggetti, servitu e quant'altro utile a dirimere controversie, e problemi vari, e pretendono senza alcun atto notarile di capire gia tutto. poi non lo trovano, e certo che non lo trovano, se ne sono disfatti, perche superficiali, e poi pretendono che le ricerche in archivio si facciano come dicono loro. eh non questo proprio no.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
poi accade, come sempre e accade, che eredi, neoproprietari,...
appunto... neo proprietari.
Ma questo era un atto di vendita; ormai per il venditore ha solo più interesse storico (a parte incidenti di percorso della Agenzia delle Entrate).
In passato era addirittura consuetudine che il venditore consegnasse il vecchio rogito al compratore. Proprio per le ragioni che sopra esponevi.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
appunto... neo proprietari.
Ma questo era un atto di vendita; ormai per il venditore ha solo più interesse storico (a parte incidenti di percorso della Agenzia delle Entrate).
In passato era addirittura consuetudine che il venditore consegnasse il vecchio rogito al compratore. Proprio per le ragioni che sopra esponevi.
ed era cosa giusta.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non vorrei che certe persone vengano scambiate per accumulatori seriali. Uno può tranquillamente detenere i documenti storici della propria (ed altrui) proprietà, ma sono semplicemente dei feticci.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

buonasera,
desidero sapere in quale posto del testamento viene collocata la sottoscrizione del testatore. Sembrerebbe, a seguito della sent. Cass. n.14119 del 20.01.2014, che la firma possa essere posta, se dovesse mancare lo spazio alla fine delle disposizioni, lateralmente o in altro posto del foglio. SEmbra vero?
Alto