• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fotonico

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buonasera a tutti,
Nel 2017 nel palazzo dove ho un’appartamento (attico) è stato rifatto il tetto e i pavimenti di tutti i balconi e terrazze. Purtroppo i pavimenti non sono stati fatti bene e quando piove, essendo state sbagliate le pendenze, entra l’acqua nel mio appartamento da sotto le finestre, filtra l’acqua tra le mattonelle e bagna l’appartamento di sotto creando inoltre macchie nelle mie pareti. Punto dolente è che sia il muratore sia il direttore lavori sono morti. Gli eredi hanno comunque accettato l’eredità ma la stanno tirando per le lunghe e i danni aumentano di giorno in giorno. C’è un mido più veloce come ad esempio far fare il lavoro ad un’altro muratore e addebitare il costo al muratore che ha sbagliato ? Preciso che sia gli eredi del muratore sia quelli del direttore lavori non svolgono i lavori (muratore e direttore lavori) grazie a tutti
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Casualità.... morti entrambi in 2 anni???!!!.

1)Essendo stata una manutenzione/riparazione temo la garanzia sia scaduta.
2)Avete mai mandato una Raccomandata RR alla francese per contestare il lavoro eseguito male ed i danni patiti? Se si in che data?

Far eseguire il lavoro da altri è fattibile ...ma se gli eredi non accettano preventivamente (carta firmata) rischiate di dover fare un processo per dimostrare la congruità del lavoro ed ottenere il pagamento (salvo il Giudice non rilevi qualche cavillo come sopra citato.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Siamo ben oltre i 2 anni di garanzia, saranno morti di noia. Hai ben poco da fare
Non è detto.
La garanzia a norma di Legge è di 24 mesi a decorrere dalla data di ultimazione lavori/avvenuto "collaudo".
Giurisprudenza afferma che sia imperativo un lavoro formalizzato con Contratto di Appalto (visto che è citato un Direttore Lavori si suppone abbiano rispettato le guide).

Se avessero fatto il lavoro a fine 2017 il termine decadeva a fine 2019 ...ma quel che conta è la denuncia entro 60 gg dalla data in cui viene scoperto il difetto.
Quindi se hanno spedito la Raccomandata la garanzia è ancora operativa" con il vincolo della prescrizione se entro 12 mesi non abbiano promosso azione a tutela.

Sta assumendo prevalenza un orientamento giurisprudenziale che avalla una durata decennale anche per quei lavori di ristrutturazione/manutenzione straordinaria i cui vizi compromettano la funzionalità dell'immobile.

Senonché vi è un ulteriore problema nella morte dei 2 citati con ulteriori "cavilli" che potrebbero di fatto rendere inutile un procedimento a giudizio.
 
Ultima modifica:

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Purtroppo i pavimenti non sono stati fatti bene e quando piove, essendo state sbagliate le pendenze, entra l’acqua nel mio appartamento da sotto le finestre, filtra l’acqua tra le mattonelle e bagna l’appartamento di sotto creando inoltre macchie nelle mie pareti.
Quando si mette mano alla pavimentazione dei balconi la prima cosa da fare è quella di vedere come scaricano le pavimentazioni. Di solito nei balconi aggettanti la pendenza è fatta per far scaricare verso i bocchettoni presenti sul pavimento oppure attraverso i "messicani" (questi ultimi dovrebbero essere vietati nei balconi che si affacciano su pubblica via), oppure per scaricare verso il vuoto. Esistono balconi costruiti con la pavimentazione in contropendenza, cioè con la pendenza rivolta verso l'appartamento: in questo caso ogni balcone deve avere il suo bocchettone di scarico e sopratutto dei "verticali" cioè i risvolti della membrana impermeabile sul muro alti almeno una ventina di centimetri. Se la pavimentazione è in contropendenza le porte finestre hanno una soglia rialzata rispetto alla pavimentazione medesima in modo da non far entrare acqua nei locali in occasione di copiose piogge.
Dopo questa premessa chi ha fatto il progetto, o il direttore dei lavori (che, deve non solo assicurarsi che il lavoro venga svolto come da progetto e da capitolato lavori accettato dalla ditta esecutrice, ma deve anche verificare che il lavoro che si sta eseguendo non arrechi danni al committente, cosa hanno fatto? il D.L. quante volte è venuto a controllare i lavori?
Anche l'impresa che ha fatto il lavoro non si è resa conto (basta una livella di quelle lunghe 2,0 m) che la pendenza andava verso l'appartamento; che non c'era un bocchettone di scarico e che le porte finestre non avevano una soglia sufficientemente alta?
 

fotonico

Membro Attivo
Proprietario Casa
Nessuno si è reso conto di nulla, se ne accorto un inquilino che abita sotto al mio appartamento. Il mio inquilino non mi ha mai riferito nulla. Il lavoro è stato ultimato a settembre 2018 e la raccomandata è stata spedita due giorni dopo la scoperta del problema. Chiedevo info se fosse possibile accelerare i lavori in quanto sia l'appartamento mio, sia quello del proprietario sotto si danneggiano sempre più.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Il lavoro è stato ultimato a settembre 2018
ok ma adesso, secondo me, bisogna mettere le mani al portafoglio, dopo aver deciso dove far scaricare le acque meteoriche raccolte dal balcone/terrazzo, per rimuovere la pavimentazione, l'impermeabilizzazione e il massetto. Riposizionare il massetto in maniera opportuna, ricollocare la membrana impermeabile ed infine posare le piastrelle. Il costo di tale operazione dovrai anticiparlo tu poi si vedrà se riuscirai a recuperare qualcosa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno,sono unica proprietaria di un immobile,ho una mamma di ottanta anni e due figlie che vivono con me,sono divorziata. Vorrei sapere, nel caso in cui dovessi mancare prima di mia mamma,la casa a chi andrebbe?
grazie.
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
*******e
Alto