1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Brian

    Brian Nuovo Iscritto

    Quando e' possibile che un condomino possa delegare l'amministratore? Abbiamo appena indetto assemblea straordinaria (per cambio nominativo e subentro il figlio per decesso del padre) un condomino decide di dare delega amministratore. Ora; visto che l'amm.re (nuovo) non puo' votare se stesso (seppur un subentro e rimanendo in famiglia) non sembra regolare e possibile questa delega. Forse in tutti gli altri casi cio' puo' essere possibile.
    Un vs parere ?
    Grazie
     
  2. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Ciao,

    Intanto dipende da cosa riporta il regolamento di condominio, se lo avete.
    In questo caso potrebbe configuarsi il conflitto d'interesse art. 2373 cc. in quanto gli amministratori non possono votare nelle deliberazioni riguardanti la loro responsabilità, come nel caso specifico, soprattutto se la deliberazione è stata approvata con il voto decisivo della delega dell'amministratore.
     
    A Valty piace questo elemento.
  3. Brian

    Brian Nuovo Iscritto

    Grazie. Sul regolamento non cita nulla nel merito. L'assemblea ha raggiunto i millesimi necessari escludendo la delega data all'amministratore; che, come pare, ci possa essere un conflitto d'interessi. Quindi questa delega si puo' ritenere illegittima e invalidata.
    In tutti gli altri casi, probabilmente, e' consentito dare delega all'amministratore.
    Grazie
     
  4. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Si, non espressamente vietato o limitato dal regolamento e se non riguarda le sue responsabilità, come approvazione dei bilanci e la sua nomina.
     
  5. Brian

    Brian Nuovo Iscritto

    Grazie
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  6. Camillo49

    Camillo49 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusate, solo per capire meglio:
    se la delega è stata data ad un signore che, al momento, non è amministratore, ma che si candida per essere eletto nuovo amministratore (ed il delegante ha fiducia nel suo operato) mi spiegate perchè non potrebbe votare se stesso?
    Saluti
     
  7. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Perchè se con il suo voto si è raggiunta la maggioranza, quindi ottenuta in maniera determinante, si potrebbe configurare il conflitto d'interesse ai sensi dell'art. 2373 cc. e i dissenzienti potrebbero far anullare la delibera. Certo è che se la sua nomina è avvenuta all'unanimità, nulla da eccepire.
     
    A possessore piace questo elemento.
  8. Camillo49

    Camillo49 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ma se il delegante ha dato a lui la delega, ed all'o.d.g. è prevista la nomina dell'amministratore, non pensi che lo stesso delegante volesse votare per lui?
    Il conflitto di interessi c'è, ad esempio, quando l'amministratore (delegato - ove possibile) vota a favore dell'aumento della sua retribuzione.
    O forse c'è conflitto di interessi anche se Renzi, nelle primarie del P.D. vota per se stesso e non per Bersani?
     
  9. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Il problema non è quello che penso io, ma quello che dice l'art. 2373 del Codice Civile.

    Gli amminisitratori di condominio, anche se delegati, non possono votare nelle deliberazioni che concernano la loro responsabilità, come nel caso della nomina amministratore e approvazione dei bilanci da lui redatti.

    Se tra i votanti ci sono dei dissenzienti, potranno impugnare il verbale per conflitto d'interesse, mentre se sta bene a tutti e c'è l'unanimità il problema non si pone.
     
  10. Antonio De Simone

    Antonio De Simone Membro Ordinario

    Professionista
    Scusate ho un dubbio, sono concorde con Alessia.
    Ma se il delegante esprime per iscritto sulla delega:
    1° Punto il sottoscritto approva il bilancio.....
    2° Punto il sottoscritto approva la nomina del sig........
    Si ravvisa sempre un conflitto di interessi?
    Aspetto conferme.
     
  11. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Anche in questo caso se tra i votanti ci sono dei dissenzienti, potranno se vogliono, impugnare il verbale per conflitto d'interesse, mentre se sta bene a tutti e c'è l'unanimità il problema non si pone.
     
  12. Antonio De Simone

    Antonio De Simone Membro Ordinario

    Professionista
    Posso capire che il condomino dissenziente nel dubbio possa dissentire, ma in questo caso non è l'amministratore o delegato che decide, egli è solo un referente che porta in assemblea la dichiarazione espressa del delegante. Il quale ha espresso il suo voto per iscritto. Il condomino dissenziente può accertarsi della verità contattando l'altro condomino assente.
     
  13. Camillo49

    Camillo49 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Stiamo parlando di condominio e non di società.
    A mio sommesso avviso, non esiste il conflitto di interessi nel caso in esame e, per quanto possa essere "discutibile" dal punto di vista formale, un bilancio approvato con il voto favorevole espresso dall'amministratore, su delega di un condomino, è valido e NON IMPUGNABILE.
     
  14. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    L'art. 2373 fa riferimento in entrambi i casi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina