• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nad

Membro Attivo
buona sera a tutti.
di chi è un sottotetto se nel regolamento condominiale non se ne parla?
può il proprietario dell'ultimo piano appropriarsene affermando che è una pertinenza?
esistono sentenze di cassazione in tale senso?
attendo con ansia risposte
nad:-o
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
L'argomento viene dibattuto sul foro con una certa frequenza, troverai l'argomento discusso in più riprese.
Vorrei capire se il sottotetto in questione è:
A) accessibile direttamente dalla scala condominiale? (allora condominiale)
o se ha un
B) accesso diretto dall'unità immobiliare dell'ultimo piano? (allora di competenza di quella unità)
o se è una
C) intercapedine senza, attualmente, accessi? ( situazione dubbia)
Adriano Giacomelli
 

nad

Membro Attivo
gentile sig Giacomelli
si accede direttamente dalla scala condominiale
ho cercato nel forum l'argomento ma forse è vecchio e sono imbranata e non ho trovato
grazie
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Alla cortese attenzione del Guardiano
Sono fuori sede e non arrivo a segnalare queste discussioni, prego di farlo.
Grazie
Adriano Giacomelli;)
 

maurom

Nuovo Iscritto
ciao, non ha iportanza se si accede da una parte condominiale. le considerazioni da fare sono altre e le sentenze della corte di cassazione è molto chiara.
1 accertarsi del titolo di proprietà -
2 accertarsi che il locale del sottotetto non è usato a fini condominiali o se comunque presenta delle caratteristiche si locale autonomo.
3 l'unico motivo per cui il propritario dell'appartamento puo' prendere possesso (e quindi renderlo di pertinenza) è che in assenza dei primi due punti, destina l'utilizzo del bene perproteggere l'appartamento dal caldo freddo e dall'umidità.

chieda un parere ad un geometra o ing che si occupa di pratica comunali (dia) vedrà che le saprà indicare anche come verificare.

in bocca al lupo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto