1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    si parla molto in questi ultimi mesi del calo dei prezzi degli immobili,caleranno ancora? quindi conviene aspettare prima di comprare? c'è qualche esperto che mi può dare un parere ?grazie'
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Membro Attivo

    Fra noi Agenti Immobiliari la tendenza generale è quella di prevedere "l'inizio della ripresa" (o meglio, la fine della caduta) per la seconda metà del 2010. Dal tuo punto di vista, quindi, hai ancora un annetto scarso di tempo per pensare ad un acquisto. :occhi_al_cielo:
    Per essere certa di sfruttare completamente la fase di ribasso potresti aspettare fino all'anno nuovo ma considera che:
    - nessuno ha la "palla di vetro", e quindi queste previsioni potrebbero essere facilmente disattese, in un senso o nell'altro
    - al di là delle valutazioni commerciali la casa, quand'anche fosse semplicemente un investimento, deve possedere delle caratteristiche uniche, che la fanno (spesso irrazionalmente) coincidere con le aspettative di chi compra! :fico:
    Traducendo, potrebbe succedere che al "momento buono" dal punto di vista economico tu non riesca a trovare la casa che desideri quindi ..... io comincerei a muovermi da adesso! :D :ok:

    ;)
     
  3. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    grazie maurizio, comincerò a muovermi ora cercando di non farmi prendere dalla frenesia da avere una nuova casa.
     
  4. enzo brancazio

    enzo brancazio Nuovo Iscritto

    ciao. sono un agente immobiliare di torino e mi permetto di dire la mia sul tuo quesito.
    chiedi se può essere questo un buon momento per acquistare casa.
    la mia risposta è si! ed argomento:
    in primo luogo, la dificoltà di ottenere dei mutui di percentuali superiori al 85 % del valore della casa " in tempo di vacche grasse si arrivava al 120% " fà si che molti alloggi rimangono invenduti per molto tempo , soprattutto gli alloggi di piccolo taglio destinati a giovani o extracomunitari, la stretta bancaria ha colpito per primi le fascie di reddito basse e con pochi risparmi ed erano gli stessi clienti che permettevano l'innescarsi della catena della richiesta sugli alloggi più grandi.

    la stretta delle banche sugli extracomunitari, appunto, ha eliminato una buona parte di clientela dal mercato.
    molti proprietari di casa a causa della mancanza di lavoro , sono costretti ad vendere il proprio immobile poichè pressati dalle banche .
    tutto questo ha portato a un ridimensionamento dei prezzi generalizzato.
    quindi tendenzialmente si riesce a comprare una casa con una spesa minore rispetto al passato.

    per contro, chi non riesce ad accedere al credito bancario, è costretto a guardare la locazione, aumentandone la richiesta e er contro il canone mensile.
    oggi chi possiede del capitale, SALVATO dalla ingordigia bancaria , non trova altra fonte di investimento abbastanza sicura se non in un immobile.
    il caro e vecchio mattone è sempre stato l'investimento sicuro.


    senza contare che se non si investe nella propria certezza abitativa... dove vorresti investire....
    spero di averti dato una risposta obbiettiva.
    ciao enzo torino
     
  5. GratisCasa

    GratisCasa Nuovo Iscritto

    Secondo me, se devi acquistare la prima casa, non c'è dubbio che adesso è un ottimo momento. Se pensi di non aver difficoltà ad accedere al credito necessario per l'acquisto, pensaci seriamente.

    1) Hai la possibilità di chiedere forti sconti sul prezzo, essendo un momento in cui il mercato è un pò fermo.
    2) Si risparmia ancora tanto rispetto all'affitto e metà della rata e come se la mettessi da parte.

    Io ho da poco fatto il compromesso per una nuova casa. Sono soddisfattissima.
     
  6. Ottavio Locatelli

    Ottavio Locatelli Nuovo Iscritto

    1) È UN OTTIMO INVESTIMENTO
    Avere una casa di proprietà è sempre una certezza, anche in tempi di crisi. Il mattone è il miglior sistema per veder accrescere il patrimonio personale, proprio quando moltissimi investitori schiacciati dalla crollo finanziario sono costretti a mollare la presa e a svendere gli investimenti immobiliari. Acquistare, dunque, proprietà immobiliari ad alto rendimento o con prospettive interessanti è l’alternativa alla borsa, caratterizzata invece dall’altissima volatilità.
    Nessuno, infatti, può prevedere quando finirà la crisi, mentre il mercato immobiliare resterà sempre affidabile, perché nonostante tutto si muove lentamente e resta sempre un rifugio solido. Ciò che attualmente pesa sono le difficoltà nel comprare, legate anche alla sfiducia del momento. Ma chi dispone di liquidità può trovare la sua occasione e anche una possibilità di redditività, magari affittando poi l’immobile.

    2) I TASSI SONO AI MINIMI
    La crisi economica continua almeno ad avere l’effetto positivo di far scendere i tassi delle rate dei mutui. L’Euribor a tre mesi, su cui è indicizzato il calcolo dei prestiti per l’acquisto di una casa, ha infatti toccato il nuovo minimo, portandosi all’1,80%. Ma si tratta di record che vengono infranti giorno dopo giorno, per la gioia di tutti coloro che hanno un mutuo a tassa variabile o stanno per accendere un prestito per comprare casa. E le belle notizie non finiscono qui: per quanti fossero ancora indecisi sull’acquistare o no un immobile, potrebbe essere davvero rassicurante la notizia che la recessione sta inducendo la Banca centrale europea a ridurre il costo del denaro a livelli mai visti finora nella storia dell’istituzione: il tasso dell’Eurotower è sceso all’1,5%. Ottima percentuale a cui ancorare un mutuo, come prevede il provvedimento anti-crisi: da quest’anno, infatti, tutte le banche potranno offrire ai loro clienti mutui indicizzati proprio al tasso Bce e non più solamente all’Euribor.

    3) MAGGIORE DISPONIBILITÀ DELLE CASE
    La crisi finanziaria ha colpito tutti senza lasciare fuori nessuno, neanche il mercato immobiliare. Proprio per questo motivo, non c’è mai stato momento più idoneo per portare a termine ottimi acquisti: basta seguire solo alcune indicazioni per concludere un ottimo affare. Le quotazioni medie delle case sono diminuite dell’1,1% in media e, in città come Bologna e Milano, hanno raggiunto picchi del 4%.
    Dal momento che le agenzie immobiliari registrano forti cali nelle richieste di acquisto di immobili, è facile ottenere forti sconti dai venditori. I requisiti adatti per trovare ottime case con prezzi contenuti sono: i collegamenti con mezzi pubblici nelle vicinanze, zone ben servite, sicure e meglio ancora se in corso di riqualificazione. Inoltre si può sempre investire nelle zone che di qui a poco possono essere rivalutate, puntando su quartieri in fase di ristrutturazione.
    Si potrà parlare, allora, più che di ottimo affare, di un ottimo investimento in quanto si passerà dai 250 mila euro per un bilocale da 50 mq acquistato ad inizio 2009, ai 350 mila euro di fine 2010.

    4) SFRUTTURE LE AGEVOLAZIONI
    Nell’acquisto di una casa non bisogna mai sottovalutare le detrazioni che si possono richiedere e che permettono di ammortizzare le spese. Dall’Agenzia delle Entrate arrivano le ultime novità: da quest’anno è in vigore la detraibilità dall’IRPEF del 19 % dei compensi pagati agli intermediari immobiliari per l’acquisto dell’immobile da adibire ad abitazione principale, per un importo non superiore a 1.000 euro. In mancanza di un contratto definitivo d’acquisto, il contribuente può comunque beneficiare della detrazione anche in presenza del solo preliminare di vendita registrato, a condizione, però, che le parti stipulino poi il contratto definitivo.
    Inoltre, grazie alle proroghe inserite nelle Finanziarie 2008 e 2009, ci sono altre sforbiciate cospicue dell’IRPEF che si legano agli immobili. Il Fisco permette di richiedere agevolazioni anche per l’acquisto entro il primo semestre 2012 da imprese o cooperative che abbiano iniziato il recupero edilizio lo scorso anno. Gli importi massimi su cui applicare la percentuale di detrazione corrispondono a 77.468,53 euro per le spese fino a tutto il 2002 e a 48.000 per gli anni successivi, da suddividere in dieci rate annuali.
     
  7. enzo brancazio

    enzo brancazio Nuovo Iscritto

     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina