• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

dovi

Nuovo Iscritto
DOMANDO: E' possibile fare contratto agevolato abitazione con uso parziale ufficio
in cui il conduttore avente partita IVA possa dedurre parte del canone?
cio' secondo legge 431 /98.GRAZIE ,DOVI
 

Mariangela Morelli

Membro dello Staff
I contratti agevolati regolamentati dal DECRETO 30/12/2002 del MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI sono previsti solamente per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale.
Secondo quanto previsto all'art. 5 "Agevolazioni fiscali" del predetto decreto le agevolazioni fiscali spettano solo se i contratti sono stipulati utilizzando i modelli allegati alla presente normativa e solo se........."si intendono utilizzati ove le pattuizioni negli stessi previste siano state tutte integralmente accettate da entrambe le parti contraenti"..........omissis.
Pertanto l'uso "PROMISCUO" non mi pare proprio che si possa integrare in questo tipo di contratto.
Il proprietario potrebbe vedersi cancellate tutte le agevolazioni fiscali (RIDUZIONE 30% IRPEF e REGISTRO) e riduzioni (o azzeramento secondo il comune) dell'ICI.
Io non correrei questo rischio! :fiore:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto