1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Marilore

    Marilore Nuovo Iscritto

    Vorrei porre un quesito in merito ad una questione ereditaria. Entro quanto tempo si deve dividere un'eredita'? A me hanno detto
    entro un anno.Ma poi dei parenti hanno detto che per dividere l'immobile si puo' anche piu' tardi. E' vero? O e' solo di loro interesse,
    in quanto l'immobile lo devono acquistare loro? Grazie.
     
  2. paolodm

    paolodm Membro Attivo

    Ciao,
    entro un anno dal decesso va presentata la dichiarazione di successione all'agenzia delle entrate, ed in questo modo i beni del defunto vengono cointestati a tutti gli eredi (a meno che non ci si trovi in presenza di successione testamentaria).
    Successivamente gli eredi possono decidere di procedere alla divisione dell'eredità. ma possono anche non farlo, nel senso che i beni possono anche rimanere cointestati, non c'è una scadenza per procedere ad un atto di divisione.
    Spero di esserti stato utile. Ciao
    geom. Paolo De Marco
     
    A orni, Daniela de Manincor e oscar70 piace questo elemento.
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non conosco il tuo problema successorio, ma ti offro un ulteriore spunto di meditazione: se fosse vostro interesse dividere in parti determinate dal testamento o in parti di legge in base alla vostra natura di parentela con il de cui, potreste fare già le suddivisioni e andare a presentare la dichiarazione di successione con le assegnazioni già fatte, risparmiando un doppio passaggio notarile.
    Adriano Giacomelli
     
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Pare che l'unico bene caduto in successione sia un immobile: Una volta perfezionata la successione ( atto fiscale da redigere e presentare entro un anno dal decesso all'agenzia delle entrate) l’immobile è entrato a far parte di una “ comunione ereditaria”
    In linea di principio, ciascun coerede può chiedere lo scioglimento della comunione ereditaria in qualunque momento (art. 713 c. c.), salvo le limitazioni previste nell’eventuale testamento laddove il deceduto abbia posto limitazioni, prevedendo, ad esempio, che la divisione non venga effettuata prima del decorso di un un tot periodo di tempo, ma non oltre 5 anni dalla apertura della successione ( ossia dalla morte) . Eccezionalmente (es: necessità inderogabili di recuperare somme liquide per curare un famigliare grave), l'autorità giudiziaria, in presenza di gravi circostanze, può disporre l'immediata divisione della massa ereditaria.
    La divisione, inoltre, può anche essere sospesa dal giudice qualora, nell'immediato, la comunione ereditaria possa subirne un grave pregiudizio (art. 717 c. c.).

    Le allego, inoltre, altri articoli del Codice Civile ( di facile comprensione) che fanno al caso suo
    Art. 720. --Immobili non divisibili.--Se nell'eredità vi sono immobili non comodamente divisibili, o il cui frazionamento recherebbe pregiudizio alle ragioni della pubblica economia o dell'igiene, e la divisione dell'intera sostanza non può effettuarsi senza il loro frazionamento, essi devono preferibilmente essere compresi per intero, con addebito dell'eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore, o anche nelle porzioni di più coeredi, se questi ne richiedono congiuntamente l'attribuzione. Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all'incanto.

    Art. 721.--Vendita degli immobili.--I patti e le condizioni della vendita degli immobili, qualora non siano concordati dai condividenti, sono stabiliti dall'autorità giudiziaria.

    Art. 728. --Conguagli in danaro.--L'ineguaglianza in natura nelle quote ereditarie si compensa con un equivalente in danaro.

    Art. 732--Diritto di prelazione.--Il coerede, che vuol alienare (ndr:vendere) a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'ultima delle notificazioni. In mancanza della notificazione, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall'acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria.--Se i coeredi che intendono esercitare il diritto di riscatto sono più, la quota è assegnata a tutti in parti uguali.
     
    A Daniela de Manincor e verdianab piace questo messaggio.
  5. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Una domanda tecnica.
    Se ci sono due immobili e tre figli, un immobile si divide in due appartamenti (due figli) e l'altro è già singolo (ne gode il terzo figlio), le spese per il frazionamento del primo immobile vengono divise per tre o le devono sostenere solo i primi due?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina