1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. marestella

    marestella Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    CIAO A TUTTI SONO MARESTELLA,
    avrei bisogno ancora dei Vs. consigli preziosi.
    Pago l'ICI per la mia seconda casa e a dicembre 2009 ho ricevuto un accertamento sul pagamento dell'ICI anno 2004 dove mi chiedevano la differenza del pagamento effettuato per aumento della rendita catastale.
    Ho pagato questa multa ma ora parlando con un conoscente mi ha detto che non dovevo pagare la multa per 2 motivi:
    1) era in prescrizione (ICI si prescrive in 3 anni?)
    2) non ho mai ricevuto notifica di aumento della rendita catastale.
    Lui mi ha detto che quando riceverò l'altro accertamento ho la possibilità di fare ricorso
    Così ho pagato l'ICI sempre con la rendita vecchia e non con la nuova.
    Qualcuno si potrebbe aiutare a capire se ho fatto bene o dovevo pagare con la nuova rendita? E' vero che posso fare ricorso? ed è vero che la prescrizione è di 3 anni?
    Grazie a tutti e buona giornata
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    CON LA NUOVA RENDITA CATASTALE
    È LEGITTIMO L’AUMENTO RETRATTIVO
    DELL’ ICI !
    Lo ha stabilito la corte di Cassazione che, pronunciandosi definitivamente con la sentenza n°
    4310/05 e ribaltando il giudizio di primo e secondo grado, ha accolto il ricorso promosso da
    un’Amministrazione Comunale, riconoscendo la legittimità del recupero di imposta ICI operato
    retroattivamente dal Comune stesso a seguito dell’attribuzione delle rendite catastali
    definitive da parte dell’Agenzia del Territorio.
    Con l’entrata in vigore della legge n. 342 del 2000, che ha imposto l’obbligo di notificare
    l’attribuzione delle rendite catastali definitive direttamente ai proprietari di beni immobili,
    sostituendo la pubblicazione all’albo pretorio, le Commissioni Tributarie avevano ritenuto che
    la rendita catastale acquistasse efficacia solo successivamente alla notifica, con conseguente
    preclusione per il Comune di recuperare, per gli anni pregressi, la differenza versata sulla
    base della rendita provvisoria o presunta e quella calcolata invece con riferimento alla rendita
    definitiva attribuita dal catasto.
    La recente sentenza della Cassazione che sancisce, al contrario, il principio in base al quale il
    Comune potrà recuperare in piena legittimità l’imposta ICI arretrata, calcolata sulla rendita
    catastale definitiva attribuita dall’Agenzia del Territorio, è destinata a sollevare aspre
    polemiche e concorrerà a generare nuovi contenziosi giudiziari fra i cittadini proprietari di
    immobili ed i Comuni interessati ad incamerare aggiuntivi quanto insperati introiti.
    http://www.uglstatali.it/dfa/2005/iciretr.pdf
    Gli accertamenti e le rettifiche IVA devono essere notificati a pena di decadenza entro il 31/12 del quarto anno successivo a quello in cui e' stato presentata la dichiarazione. ex art.57 D.P.R. 633/72
     
    A Fausto1940 e marestella piace questo messaggio.
  3. marestella

    marestella Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie mille per la risposta
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina