• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

roberto cedolini

Nuovo Iscritto
Buon giorno a tutti,
nel condominio dove mia figlia abita, dopo una perizia richiesta dal condominio a seguito perdite dal tetto, è stata deliberata in assemblea l'esecuzione dei lavori di rifacimento dello stesso (costruito nel 1966) e scelta la ditta per l'incarico, dopo confronto dei preventivi. A causa di problemi personali del titolare della ditta i lavori non sono stati effettuati. L'amministratore ha convocato l'assemblea per incaricare la seconda ditta in classifica ma, alcuni condomini vorrebbero cogliere l'occasione per ripensarci e non far fare i lavori (da loro stessi approvati nella precedente assemblea). Vorrei sapere se la prima assemblea non sia diventata eseguibile in forza di mancata opposizione dei presenti, nei 30 giorni successivi, e quale comportamento devoo mantenere nella nuova assemblea per far valere l'eventuale diritto che alla stessa sia dato corso.
Grazie
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto