• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Ferrara

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve, premesso che ho visto costruire la casa nel 93/95 , ora ho richiesto l'accesso agli atti in comune perché sto valutando il superbonus. Ebbene, ho riscontrato una serie di difformità tra le quali la mia lavanderia è accatastata come cantina. Intanto che sistemo alcune tolleranze di costruzione vorrei sistemare pure questa. Nel vano ho da sempre: la caldaia, un lavatoio, la lavatrice ed un freezer a pozzo. Il locale di 3mq ha la finestra adeguata ed un'altezza di 2,20. Ebbene il geometra si è informato presso il comune che asserisce che per trasformarlo in lavanderia occorre un'altezza di 2,40 per via degli scarichi. Ho verificato il regolamento edilizio del comune e la lavanderia o lavatoio all'interno dell'abitazione non è contemplato. Se invece non fosse collegato con l'alloggio, è invece espressamente contemplato nel regolamento come locale accessorio.
A mio avviso, guardando un po' di normative qua e là, se nel vano non ci sono bidet, lavandino, doccia, ed avendo già altri 2bagni, potrebbe essere non abitabile e quindi un vano tecnico al servizio dell'immobile. Non trovo però le normative che mi dicono che nel vano tecnico possa esserci uno scarico per lavatrice ed il lavatoio senza l'altezza minima prevista per i bagni.
Ritengo questa risposta del comune un'assurdità...dovrei fare i lavori per spostare la lavatrice in un bagno perdendo quindi dello spazio nello stesso ed eliminare il lavatoio per avere così tutto in regola.
Qualcuno mi saprebbe aiutare?
PS: Mi trovo nella regione Emilia Romagna
 

griz

Membro Storico
Professionista
non capisco perchè non puoi tenere una lavatrice con scarico in una cantina e vuoi chiamarla lavanderia, se togli la lavatrice tornerà ad essere cantina? Mi sembra che con queste storie delle conformità si stia esagerando
 

Ferrara

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
non capisco perchè non puoi tenere una lavatrice con scarico in una cantina e vuoi chiamarla lavanderia, se togli la lavatrice tornerà ad essere cantina? Mi sembra che con queste storie delle conformità si stia esagerando
Pure io la penso come te. Il tecnico mi dice che se dovessi ricevere un controllo ed appurano che l'utilizzo è diverso da quello designato, cioè lavanderia anziché cantina, potrebbe essere causa di revoca del contributo e...non vorrei sbagliare il passo
 

Ferrara

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Avevo letto anche io questa guida dove dice che l'altezza minima per le lavanderie è 2,40, però ho trovato anche informazioni contrastanti. Alcuni definiscono la lavanderia un "locale a supporto", altri un "locale accessorio" oppure ancora un "locale accessorio complementare" . Quello che non trovo è una regolamentazione univoca che chiarisca una qualifica indiscussa perché con quella potrei capire in quel vano cosa ci può effettivamente stare e cosa no. L'unico indiscusso è l'art, 7 del dm del 05/07/1975 che si riferisce ai bagni e, a mio avviso, la lavanderia non è un bagno
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
L'unico indiscusso è l'art, 7 del dm del 05/07/1975 che si riferisce ai bagni e, a mio avviso, la lavanderia non è un bagno
Certamente che no. Effettivamente quelle destinazioni dei locali sono classificabili in entrambi le tipologie. Come al solito le norme sono (volutamente) ambigue per poterle applicare a seconda della interpretazione.
 

Ferrara

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Io farei anche un interpello specifico o una richiesta di parere a soggetti preposti (possibilmente diversi dal comune), ma non saprei proprio a chi chiedere.
 

griz

Membro Storico
Professionista
Pure io la penso come te. Il tecnico mi dice che se dovessi ricevere un controllo ed appurano che l'utilizzo è diverso da quello designato, cioè lavanderia anziché cantina, potrebbe essere causa di revoca del contributo e...non vorrei sbagliare il passo
confermo che si sta esagerando, il tuo locale alto 2,20 tecnicamente non può essere nemmeno cantina, altezza simile è permessa solo per i box ma evidentemente il comune l'ha autorizzata, continuo a non capire chi potrebbe venire a casa tua a controllare se hai una lavatrice in cantina e definire questo un uso improprio del locale ed addirittura farti revolare il bonus, per me è fantascienza
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ho fatto una ricerca ed ho trovato questo. Purtroppo non ho tempo per leggerlo nei particolari. Ricordo che i locali sono legati oltre che alla loro estensione, anche all'altezza. Probabilmente troverò la norma.
 

Allegati

vitt1

Membro Supporter
Proprietario Casa
comunque il regolamento con cui confrontarsi è quello del territorio comunale su cui sorge l'immobile. Le definizioni dei locali ( sala giochi, studio, lavanderia, disimpegno, ecc.), che verranno riportate nelle planimetrie catastali, sono utili quando andrai a vendere per fare vedere, ad es, di quante camere da letto dispone la casa. Poi in casa propria ognuno fa un po' quello che vuole. Certo, posizionare una camera da letto permanente in un locale che non rispetta i requisiti ( superficie, altezze, rapporto aeroilluminante ) tenedo conto che per il 110% ci posono essere controlli fino a 8 anni dopo l'intervento è, a mio avviso, rischioso.
 

Ferrara

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
comunque il regolamento con cui confrontarsi è quello del territorio comunale su cui sorge l'immobile. Le definizioni dei locali ( sala giochi, studio, lavanderia, disimpegno, ecc.), che verranno riportate nelle planimetrie catastali, sono utili quando andrai a vendere per fare vedere, ad es, di quante camere da letto dispone la casa. Poi in casa propria ognuno fa un po' quello che vuole. Certo, posizionare una camera da letto permanente in un locale che non rispetta i requisiti ( superficie, altezze, rapporto aeroilluminante ) tenedo conto che per il 110% ci posono essere controlli fino a 8 anni dopo l'intervento è, a mio avviso, rischioso.
Salve a tutti,
Sono finalmente riuscita a risolvere il problema!!
Vi aggiorno solo per un eventuale vostro interesse.
Dopo aver guardato e riguardato i documenti dell'accesso agli atti ho notato una strana cosa. In una variante della mia casa vi era inserita anche una variante della casa a schiera opposta alla mia (la mia è la prima e quella da me notata era l'ultima della schiera) dove proprio in quella variante si andava (per il vicino) a sostituire il locale cantina con un locale lavanderia di altezza inferiore a 2,40.
Ho interpellato il vicino e....lui non ha mai avuto in quel locale una lavanderia e nemmeno gli scarichi.
A quel punto era ovvio che vi era stato un errore nella predisposizione della variante. Avevano chiaramente sbagliato l'alloggio da variare.
Nel frattempo, come suggerito da Vitt1, avevo anche verificato tutti i regolamenti comunali e nel regolamento comunale d'igiene, tuttora pubblicato sul sito del Comune, è previsto il locale accessorio lavanderia, la cui altezza minima può essere ridotta a 2,20 metri.
Forte di queste cose ho chiesto al geometra incaricato di procedere, ma niente da fare, si rifiutava perché in Comune gli avevano detto che quel regolamento d'igiene non è più applicabile in quanto prevale, per gerarchia, il decreto del 75 che stabilisce altezza minima 2,40....dei bagni però....
Il geometra mi ha detto che forse l'unico modo per potere sanare il locale in base all'utilizzo effettivo ed attuale sarebbe stato dimostrare che quel locale era sempre stato così.
Armata di pazienza ho rivoltato la casa come un calzino alla ricerca delle foto fatte nel cantiere nel 1995 con tutti gli impianti prima che i muri fossero intonacati.
Con le foto mi sono recata personalmente in Comune. Subito il tecnico non era intenzionato ad aiutarmi nemmeno con le foto poiché diceva non sono contemplati gli errori di questo tipo tra le tolleranze, anche se per me era tutto così evidente. Con la mia insistenza il tecnico, forse preso per sfinimento, ha interpellato il responsabile dell'ufficio ed ho avuto così il benestare!
Il geometra ha predisposto una pratica in sanatoria in base all'art 19 bis che sarà presentato non appena riceverò da Hera il benestare per lo scarico che c'è sempre stato ma che non risultava sulla carta.
E così questa è andata!!!!
Grazie ragazzi per i suggerimenti che mi avete dato!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, con un contratto di locazione con cedolare secca e a canone concordato è possibile inserire la possibilità di sublocazione per avere poi la possibilità di aprire un'unità ufficio amministrativo?
Ed inoltre, è possibile ridurre le motivazione e il tempo di recesso? L'articolo 8 "recesso del conduttore" parla di gravi motivi e 6 mesi di preavviso. Grazie per una Vostra gentile risposta.
Alto