• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno, sono un locatore, nel mese di gennaio 2019 ho stipulato contratto in allegato A (senza assistenza perchè allora non richiesta) in canone concordato 3+2. In quel periodo il mio piccolo comune prevedeva la possibiltà di stipula secondo i parametri di un comune vicino e dava solo agevolazione IMU ridotta. All'epoca della compilazione RLI Ho interpellato la commercialista e mi ha detto di registrarlo in L1 (locazione di immobile uso abitativo, canone concordato 3+2) poichè non avevo diritto a cedolare secca 10%.
Solo nel mese di aprile 2019 il mio comune ha predisposto ed approvato un proprio regolamento, permettendo le agevolazini fiscali relative (cedolare 10%).
C'è da aggiungere che, pur rientrando sempre nei termini di determinazione canoni, alcuni parametri di calcolo sono leggermente variati ... ma il canone è conforme alla mia richiesta.
Credo però che il codice da indicare nel RLI sia L2. Come faccio a regolarizzare la mia posizione per aver diritto anche alla cedolare agevolata, molto più vantaggiosa?
Grazie
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se non sono cambiate le cose, ritengo ci sia molta confusione, indotta anche dagli organi di stampa (anche prestigiosi).

Per quel che ricordo, la aliquota al 10% è riservata ai contratti concordati, ma stipulati in città ad alta tensione abitativa. Non è una aliquota generalizzata per tutti i 3+2
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
la aliquota al 10% è riservata ai contratti concordati, ma stipulati in città ad alta tensione abitativa.
Più precisamente, l'aliquota agevolata 10% riguarda i contratti concordati in cedolare secca stipulati nei Comuni ad alta tensione abitativa e in quelli per i quali è stato deliberato lo stato di emergenza.

Adesso pare vi sia un'ulteriore limitazione, come risulta da questa recente discussione:
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Grazie uva: avevo visto quella discussione dal titolo ermetico; e non sapevo si riferisse a questa problematica. Buono a sapersi
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Quindi ... spiegatemi meglio ...la cedolare secca con aliquota al 10% è una tassazione fissa, agevolata e sostitutiva per gli affitti con contratto di locazione a canone concordato che con la legge di Bilancio 2020 sarà prorogata per sempre, quindi resa strutturale.
Ma non su tutti i canoni concordati?
Sono sempre previste queste limitazioni: 11 aree metropolitane, comuni alta densità abitativa, comuni in stato d'emergenza?
Perchè io avevo capito (leggendo anche stampa del settore) che era estesa a tutti i canoni concordati, ma evidentemente mi sono sbagliata... in effetti il risparmio sarebbe stato notevole!
Confermate? Grazie
 
Ultima modifica:

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
io avevo capito (leggendo anche stampa del settore) che era estesa a tutti i canoni concordati,
No, non è così.

Copio e incollo la risposta di @Nemesis in merito alla cedolare secca 10%:

I contratti a canone concordato possano essere stipulati ovunque. Ma la cedolare secca ridotta al 10% è valevole solamente nei comuni ad alta tensione abitativa e nei comuni nei quali sia stato deliberato, negli ultimi cinque anni, lo stato di emergenza a seguito di calamità. In tutti gli altri casi si applica l’aliquota ordinaria del 21%.

Tratta da questa discussione sull'argomento:
 

giuscaf

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno ai Sign. del forum,sapete qualcosa di più preciso su l'entrata della normativa dei rilevatori di gas radon nelle unità commerciali ai piani stadali e seminterrati? sembra che per il momento riguardi solo la regione Campania.
 

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno ai Sign. del forum,sapete qualcosa di più preciso su l'entrata della normativa dei rilevatori di gas radon nelle unità commerciali ai piani stadali e seminterrati? sembra che per il momento riguardi solo la regione Campania.
si apra un post suo nella giusta sezione, qui stavamo parlando di altro
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

moralista

Membro Senior
Professionista
In merito alla c.s. stanno arrivando tante modifiche, con questo Governo stiamo con gli occhi bene aperti, sarà opportuno tenere sempre aperto la discussione sul forum :innocente: ;)
 
  • Mi Piace
Reazioni: cec

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto