1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. carlo84

    carlo84 Nuovo Iscritto

    Il condominio in cui abito ha ceduto da alcuni anni in locazione 4+4 l'appartamento ex portiere a due giovani sposi che ora si sono legalmente separati. La donna, che aveva sottoscritto il contratto, ha recentemente chiesto con raccomandata la sua risoluzione ed ha lasciato l'abitazione. Il marito, che invece, non si è trasferito e continua ad occuparla, contesta la procedura adottata dalla ex consorte e chiede di proseguire nella conduzione alle stesse condizioni e non intende stipulare un nuovo contratto nè accetta l'aumento del canone. Cosa fare? Ha ragione l'amministratore che vuole che si stipuli un nuovo contratto con ritocco del canone o l'inquilino? Grazie
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dalla Legge 392/78 :
    Art.6. (Successione nel contratto). In caso di morte del conduttore, gli succedono nel contratto il coniuge, gli eredi ed i parenti ed affini con lui abitualmente conviventi *In caso di separazione giudiziale, di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili dello stesso, nel contratto di locazione succede al conduttore l'altro coniuge, se il diritto di abitare nella casa familiare sia stato attribuito dal giudice a quest'ultimo. In caso di separazione consensuale o di nullità matrimoniale al conduttore succede l'altro coniuge se tra i due si sia così con venuto.
    http://www.sunia.it/salerno/legge392.htm
     
  3. carlo84

    carlo84 Nuovo Iscritto

    ....In caso di separazione consensuale o di nullità matrimoniale al conduttore succede l'altro coniuge se tra i due si sia così con venuto Non avendo il giudice nulla disposto e avendo quindi la consorte inviata raccomandata per la risoluzione del contratto, come intendersi la posizione dell'ex marito? Grazie
    A
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Credo sia necessario ricorrere ad un avvocato se non si accetta la situazione di fatto.
     
    A piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina