• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
Ciao, vorrei sapere se le banche concedono mutui con le stesse modalità, rispetto alla norma, quando l'immobile acquistato è in diritto di superficie? Grazie.
 
A

AlbertoF

Ospite
Cara Brenda,per conoscere con certezza quello che tu chiedi bisogna andare in Banca con tutta la documentazione necessaria (atto di provenienza del bene,planimetria,visura catastale ma essenzialmente con una copia della Convenzione stipulata tra il comune ed il costruttore.
Infatti nel tuo caso significa che il terreno non è di proprietà del costruttore ma di un terzo (di regola il Comune) per cui alla fine di un determinato periodo (di solito 99 anni)sia il terreno sia l'abitazione che vi è stata costruita sopra ritorna in proprietà di chi aveva concesso il diritto di superficie (Comune).
Pertanto le norme non sono uguali ai mutui normali.
Da tenere bene presente che ai fini della valutazione del bene da parte della banca la stima segue un iter diverso dal normale perchè per questa categoria di immobili esiste un diverso sistema , il prezzo sarà diverso da quello di mercato quindi il mutuo che potrebbero concederti potrebbe essere inferiore al prezzo reale dell'immobile, e quindi alle tue
necessità.
Comunque ,essendo un caso un po' particolare, devi andare in banca e farti una idea chiara di che cosa puoi fare.
Forse il costruttore era una cooperativa?
Ciao
Alberto
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto