• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fabuon

Membro Junior
#1
vivo in condominio non voglio pulire le scale perché son tutti d'accordo di pagare a nero una persona.io sono l'unico contrario ma non essendo potuTo andare alla riunione condominiale dove hanno deliberato: se uno non puo pulire potrebbe avVisare l'amministratore e lui invia a spese del singolo un impresa. leggo della legge Pulizie condominiali: è possibile il fai da te? che non si può costringere uno che cambia idea .e io l'idea la ho ben chiara .voglio l'impresa di pulizia in comune e pagata in millesimali . è vero che non possono nulla fare nei miei confronti?
 
#3
La frase "in nero" è moooooolto pericolosa, non è solo una questione fiscale, ma pensa se qualcuno si facesse del male. fai benissimo a non esser d'accordo, a nessun costo!!!
Io farei così (non sono amministratore ne giudice ne quant'altro), raccomandata con ricevuta di ritorno ( o alla francese) all'amministratore in cui dichiaro chiaramente di non essere d'accordo e lo inviterei ad agire secondo le norme di legge!!!
Nel frattempo farei pulire le scale da una ditta regolare o lo farei io stesso, meglio la prima scelta che la seconda.
E' solo un suggerimento, ciao:)
 

fabuon

Membro Junior
#4
La frase "in nero" è moooooolto pericolosa, non è solo una questione fiscale, ma pensa se qualcuno si facesse del male. fai benissimo a non esser d'accordo, a nessun costo!!!
Io farei così (non sono amministratore ne giudice ne quant'altro), raccomandata con ricevuta di ritorno ( o alla francese) all'amministratore in cui dichiaro chiaramente di non essere d'accordo e lo inviterei ad agire secondo le norme di legge!!!
Nel frattempo farei pulire le scale da una ditta regolare o lo farei io stesso, meglio la prima scelta che la seconda.
E' solo un suggerimento, ciao:)
scrivere in lettera che ci sono lavori a nero senza prove mi creerebbe fastidi legali. come prova ho un video
 
#6
Non voglio insistere, ma se non sei sicuro (mi sembrava che tu lo fossi) delle modalità di pagamento, nulla impedisce di chiedere come intende pagare la pulizia delle scale, ovviamente risposta scritta.
Quindi prendi la tua decisione, ciao
 
#8
Caro @fabuon riassumo, come l'ho intesa, la situazione. L'assemblea, cui non hai presenziato, ha deciso d'affidare le pulizie del condominio a un soggetto estraneo. E sin qui la delibera è indubbiamente corretta; un po meno a mio avviso lo appare nell'aver consentito al singolo condomino di concorrere nel costo del servizio effettuandolo di persona o tramite un proprio addetto pagandogli il corrispettivo. Ma a parte questo, l'aspetto dolente sta nel fatto del pagamento color antracite deliberato dai condomini di maggioranza (e quindi dal condominio) in favore del loro comune incaricato del servizio. Cosa non proprio bellissima.
Tu chiedi come affrontarla. Senza la pretesa di sminuire le opinioni già espresse da altri 'forumisti' ti dico cosa farei al tuo posto. Scriverei una lettera all'amministratore più o meno del seguente tenore: " Egregio sig.Amministratore, non ho potuto partecipare all'assemblea del giorno.....in cui si è deciso a maggioranza d'affidare gli interventi di pulizia della parti comuni ad un soggetto estraneo al condominio. Delibera alla quale, sotto tale profilo, non posso certo sottrarmi. Desidero peraltro informarla che per quanto concerne la mia quota di partecipazione nelle relative spese provvederò, per ragioni strettamente personali di vario ordine, a versarne l'importo da inserire a bilancio con le percentuali maggiorative di legge."
Direi con ciò molto probabile che il personaggio incaricato delle pulizie decida di squagliarsela; e forse anche l'amministratore...
 

fabuon

Membro Junior
#9
Caro @fabuon riassumo, come l'ho intesa, la situazione. L'assemblea, cui non hai presenziato, ha deciso d'affidare le pulizie del condominio a un soggetto estraneo. E sin qui la delibera è indubbiamente corretta; un po meno a mio avviso lo appare nell'aver consentito al singolo condomino di concorrere nel costo del servizio effettuandolo di persona o tramite un proprio addetto pagandogli il corrispettivo. Ma a parte questo, l'aspetto dolente sta nel fatto del pagamento color antracite deliberato dai condomini di maggioranza (e quindi dal condominio) in favore del loro comune incaricato del servizio. Cosa non proprio bellissima.
Tu chiedi come affrontarla. Senza la pretesa di sminuire le opinioni già espresse da altri 'forumisti' ti dico cosa farei al tuo posto. Scriverei una lettera all'amministratore più o meno del seguente tenore: " Egregio sig.Amministratore, non ho potuto partecipare all'assemblea del giorno.....in cui si è deciso a maggioranza d'affidare gli interventi di pulizia della parti comuni ad un soggetto estraneo al condominio. Delibera alla quale, sotto tale profilo, non posso certo sottrarmi. Desidero peraltro informarla che per quanto concerne la mia quota di partecipazione nelle relative spese provvederò, per ragioni strettamente personali di vario ordine, a versarne l'importo da inserire a bilancio con le percentuali maggiorative di legge."
Direi con ciò molto probabile che il personaggio incaricato delle pulizie decida di squagliarsela; e forse anche l'amministratore...
c
Caro @fabuon riassumo, come l'ho intesa, la situazione. L'assemblea, cui non hai presenziato, ha deciso d'affidare le pulizie del condominio a un soggetto estraneo. E sin qui la delibera è indubbiamente corretta; un po meno a mio avviso lo appare nell'aver consentito al singolo condomino di concorrere nel costo del servizio effettuandolo di persona o tramite un proprio addetto pagandogli il corrispettivo. Ma a parte questo, l'aspetto dolente sta nel fatto del pagamento color antracite deliberato dai condomini di maggioranza (e quindi dal condominio) in favore del loro comune incaricato del servizio. Cosa non proprio bellissima.
Tu chiedi come affrontarla. Senza la pretesa di sminuire le opinioni già espresse da altri 'forumisti' ti dico cosa farei al tuo posto. Scriverei una lettera all'amministratore più o meno del seguente tenore: " Egregio sig.Amministratore, non ho potuto partecipare all'assemblea del giorno.....in cui si è deciso a maggioranza d'affidare gli interventi di pulizia della parti comuni ad un soggetto estraneo al condominio. Delibera alla quale, sotto tale profilo, non posso certo sottrarmi. Desidero peraltro informarla che per quanto concerne la mia quota di partecipazione nelle relative spese provvederò, per ragioni strettamente personali di vario ordine, a versarne l'importo da inserire a bilancio con le percentuali maggiorative di legge."
Direi con ciò molto probabile che il personaggio incaricato delle pulizie decida di squagliarsela; e forse anche l'amministratore...
far pulire a una persona a nero rende la delibera nulla.semmai la delibera non lo è perché si simula agli occhi dell'amministratore che ognuno fa le proprie pulizie
 

Dimaraz

Membro Storico
#10
far pulire a una persona a nero rende la delibera nulla.
Oddio... l'aspetto fiscale non è di imperativa considerazione giuridicamente parlando.
Dubito siano stati tanto "fessi" da verbalizzare che il lavoro sia liquidato "in nero'.
Quindi semmai direi più "annullabile" che "nulla".

Clono e rafforzo quanto suggerito da @Antonio Abiuso :
-paghi la quota richiesta con bonifico o brevimano previo rilascio ricevuta firmata precisando che (raccomandata rr alla francese o avviso controfirmato) se non verrà fornita copia fattura farai espressa denuncia presso GdF.
 
#11
Dato per scontato che la delibera ormai è stata presa - nel senso: servizio pulizie affidato ad un esterno - ed alla quale @fabuon deve quindi uniformarsi (per non accettare ovviamente l'alternativa del 'fai da te' graziosamente concessagli dagli altri condomini), non riesco a vedere sul piano operativo uno scenario diverso da quello conforme all'ortodossia in materia quando il condominio è gestito dall'amministratore. Cioè: costui paga periodicamente col denaro di cassa la diciamo 'ditta', indi il corrispettivo versato nell'esercizio di competenza lo distribuisce in bilancio consuntivo mediante il riparto.
L'adozione al riguardo d'una difforme metodica non gli sarebbe consentita poiché credo che l'esporrebbe ad una fondata accusa di 'mala gestio' da qualche condomino dissidente.
Su questi presupposti non vedo proprio come tale capitolo di spese potrebbe trovare inserimento, privo di relativi fatturati, nella contabilità condominiale, notoriamente verificabile da tutti i condomini anche ad esercizio in corso.
D'altronde la logica non consente d'immaginare forme d'attuazione del servizio di pulizie con pagamento 'in lutto'; forse che l'amministratore fa delle collette presso i condomini ricevendone i contanti per saldare l'operatore? Oppure è costui che deve recarvisi porta a porta (col rischio di trovare spesso...'porta di legno'!). Il sistema credo che durerebbe poco.
Comunque @fabuon la cosa importante è che ti puliscano bene le zone condominiali e per il relativo onere ti basta seguire il consiglio pratico di @Dimaraz. Poi bevici sopra.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto