• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

terranled

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buona sera a tutti,
volevo porvi il seguente quesito.

Ho un cliente al quale, a seguito di alcuni debiti, sono andati all'asta degli usufrutti.
L'ho sempre rassicurato che nessuno avrebbe acquistato degli usufrutti, purtroppo ho sbagliato.

Volevo chiedervi un quesito in merito ad un usufrutto che è stato aggiudicato. (la nuda proprietà è della moglie).

Trattasi di terreno agricolo di circa 1500mq, piu o meno sotto la casa dell'esecutato mio cliente.

Il Signore che ha acquistato questo terreno, sono venuto a conoscenza dal vicino di casa, che è stato da lui a propoglielo, dicendogli che oltre al terreno, il lotto comprendeva anche una porzione di casa (proprio un angolo a detta sua, il giardino).
Il vicino è poi andato a parlare con l'esecutato dicendogli in poche parole, che se aveva problemi economici, lo acquistava lui e gli dava una mano.
Alla fine della fiera, la porzione di casa non fa parte del lotto e leggendo bene la perizia è abbastanza chiaro, nonostante devo ammettere che leggendola in modo superficiale può sembrare che effettivamente un angolo di casa ci sia dentro.

L'acquirente comunque l'ha comprato convinto che ci fosse, lo dimostra il fatto che ha inviato una PEC nella quale chiedeva anche l'accesso di sopra per accedere alla sua parte di porzione (giardino della casa).
Ovviamente ho risposto dicendogli che il CTU non richiama nessuna porzione nel piano di sopra e in caso di prove a suo favore, di ricontattarmi con maggiori dettagli... da quel momento non l'ho piu sentito.

Successivamente l'ho sollecitato piu e piu volte per ricordagli i suoi doveri di usufrutto, e sopratutto lo sfalcio e la pulizia del prato.
Sono passati piu di due anni e il prato non è mai stato falciato, ovviamente non ha mai risposto ai miei solleciti.

Ora ho saputo che è comparso un suo cartello piantato nel terreno con la scritta "VENDESI TERRENO USUFRUTTO".

A questo punto, mi chiedevo:

- Può piantare il cartello, compreso piantare proprio i bastoni per tenerlo appeso senza avvisare la nuda proprietaria?
- Avendo il vicino che testimonia, lo si può denunciare per estorsione indiretta? Dato che mi pare chiaro che l'abbia comprato solo per ricattare il mio cliente a riacquistarlo (considerando che ci fosse dentro il giardino di casa)
- E' normale acquistare usufrutti allo solo scopo di vendere? (questa è una mia curiosità) Ammetto di non aver mai visto nessuno acquistarne.
- Posso fare qualcosa per convincerlo a pulire il prato?

Voi come vi comportereste?

Saluto e ringrazio.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
- Può piantare il cartello, compreso piantare proprio i bastoni per tenerlo appeso senza avvisare la nuda proprietaria?
perche no ?
- Avendo il vicino che testimonia, lo si può denunciare per estorsione indiretta? Dato che mi pare chiaro che l'abbia comprato solo per ricattare il mio cliente a riacquistarlo (considerando che ci fosse dentro il giardino di casa)
Visto che non è riuscito nell'intento ( dimostrazione è che lo mette in vendita ), sarebbe un nuovo reato di "tentata estorsione indiretta"...
Ha comprato legittimamente, ora vende legittimamente.
nessun reato, direi
E' normale acquistare usufrutti allo solo scopo di vendere?
Se per normale intendi frequente, direi proprio di no.
Mai visto comprare usufrutti di altri.
Forse credeva che il tuo cliente lo ricomprasse, ha provato, gli è andata male.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ho un cliente al quale, a seguito di alcuni debiti, sono andati all'asta degli usufrutti.
L'ho sempre rassicurato che nessuno avrebbe acquistato degli usufrutti, purtroppo ho sbagliato.
E' la prima volta che sento della vendita dell'usufrutto di un terreno e non della proprietà, più appetibile. Anche perché il suo valore è proporzionato all'età ed alle condizioni di salute dell'usufruttuario. Generalmente si vende la nuda proprietà, riservandosi l'usufrutto, perché l'usufruttuario è noto.
Il Signore che ha acquistato questo terreno, sono venuto a conoscenza dal vicino di casa, che è stato da lui a propoglielo, dicendogli che oltre al terreno, il lotto comprendeva anche una porzione di casa (proprio un angolo a detta sua, il giardino).
Il vicino è poi andato a parlare con l'esecutato dicendogli in poche parole, che se aveva problemi economici, lo acquistava lui e gli dava una mano.
Alla fine della fiera, la porzione di casa non fa parte del lotto e leggendo bene la perizia è abbastanza chiaro, nonostante devo ammettere che leggendola in modo superficiale può sembrare che effettivamente un angolo di casa ci sia dentro
La vendita all'asta fa riferimento ad una stima di un CTU il quale deve indicare in modo inequivocabile l'immobile e valutarlo. Trovo quindi strano che l'acquirente fra le righe desume che vi sarebbe compreso anche un angolo del giardino.
- Avendo il vicino che testimonia, lo si può denunciare per estorsione indiretta? Dato che mi pare chiaro che l'abbia comprato solo per ricattare il mio cliente a riacquistarlo (considerando che ci fosse dentro il giardino di casa)
Il tentativo di vendita al nudo proprietario dell'usufrutto non comporta certamente un tentativo di estorsione. Probabilmente sperava di riuscire a rivenderlo ad un prezzo superiore a quello pagato. Tutto li.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
E' la prima volta che sento della vendita dell'usufrutto di un terreno e non della proprietà.
Il creditore dell'usufrutturio può soddisfarsi solamente sul mero diritto di usufrutto. Sempre che non siano esperibili i rimedi, tra i quali l’azione revocatoria ordinaria, previsti dall'ordinamento a tutela dei creditori nei confronti dell'atto costitutivo dell'usufrutto.
 

terranled

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Vi ringrazio per le risposte..

Beh, come l'ha comprato, penso anch'io che possa venderlo come vuole, però chiedevo a voi una conferma.
Diciamo che una comunicazione alla nuda proprietaria nella quale dice che mette un cartello per venderlo, me la sarai aspettata.
Poi ci sarebbe tutto il discorso relativo ai permessi comunali riguardo ai cartelli ma quello è un altro discorso..

Visto che non è riuscito nell'intento ( dimostrazione è che lo mette in vendita ), sarebbe un nuovo reato di "tentata estorsione indiretta"...
Con i testimoni, direi che comunque i presupposti ci sarebbero.
Si andrebbe sicuramente in causa, ma una base logica c'è.

Se per normale intendi frequente, direi proprio di no.
Mai visto comprare usufrutti di altri.
Forse credeva che il tuo cliente lo ricomprasse, ha provato, gli è andata male.
Si, intendevo dire "frequente" :)

E' la prima volta che sento della vendita dell'usufrutto di un terreno e non della proprietà, più appetibile.
Era all'asta solo l'usurutto..

La vendita all'asta fa riferimento ad una stima di un CTU il quale deve indicare in modo inequivocabile l'immobile e valutarlo. Trovo quindi strano che l'acquirente fra le righe desume che vi sarebbe compreso anche un angolo del giardino.
Diciamo che il CTU non ha fatto un buon lavoro.
Tra le tante cose, ha descritto e messo online le foto della casa impignorabile con diritto d'abitazione.. causando un bel danno d'immagine.

Il tentativo di vendita al nudo proprietario dell'usufrutto non comporta certamente un tentativo di estorsione.
Tentativo di vendita normale, sono d'accordo.. Uno lo compra appunto solo per rivenderlo.
Ma il fatto che:
- è andato in giro a dire che la casa era parte del lotto, rendendo la cosa piu appetibile per un eventuale acquirente che volesse ricattare.. perchè a quel punto sarebbe cambiato un po tutto
- ha richiesto l'accesso al giardino
- quando si è accorto che non ne faceva parte è sparito.....

Per il resto, come posso convincerlo a tenere pulito il terreno? E' ormai agosto ed è due anni che non si falcia.....
 

terranled

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Il creditore dell'usufrutturio può soddisfarsi solamente sul mero diritto di usufrutto. Sempre che non siano esperibili i rimedi, tra i quali l’azione revocatoria ordinaria, previsti dall'ordinamento a tutela dei creditori nei confronti dell'atto costitutivo dell'usufrutto.
Possiede quell'usufrutto da 20 anni, la proprietà è sempre stata della moglie.
Non ci sono i presupposti per una revocatoria e non è stato modificato niente per danneggiare eventuali creditori.
Una volta andava di moda tenersi l'usufrutto, tutto in buona fede.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto