• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

a.cassio

Nuovo Iscritto
Ho da sottoporvi un quesito:
Tizio, proprietario di un appartamento, stipula con Caio, acquirente, un preliminare di vendita del suddetto appartamento.
Ora Caio ha trovato la possibilità di vendere il suddetto appartamento a Sembronio e quindi prima di giungere al rogito vuole stipulare un preliminare di vendita di cosa altrui art.1478 cc.. Fin qui tutto ok.
Il problema che mi pongo in questo caso è:
L'acquirente Sembronio è stato presentato a Caio da un'agenzia immobiliare la quale dovrà presentare a Caio una proposta scritta di acquisto da parte di Sembronio. Il mio dubbio è:
La suddetta proposta deve essere presentata da parte dell'agenzia a Caio o "Tizio" attuale proprietario dell'immobile??

URGE RISPOSTA
 

Paolo Mazzi

Membro Ordinario
Professionista
direi che deve essere presentata a Caio il quale dovrà garantire di essere il proprietario al momento del rogito o garantire che al momento del rogito interverrà il vero proprietario.
questo da un punto di vista legale.
altro è il problema fiscale:
essendo obbligatorio registrare il preliminare, Caio si troverà sicuramente un problema di evasione o di plusvalenza.
paolo mazzi
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto