1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Giulia

    Giulia Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti, sto per acquistare una casa a Milano. La parte promittente vendita ha accettato la proposta e nell'atto di prpoposta mi sono immpegnata a fare il preliminare e rogito entro date stabilite. Fin qui nessun problema se non fosse che il notaio nel momento di verificare i titoli non è ancora riusito a verificare il titolo della cantina annessa all'appartamento, quindi ho chiesto all'agente di posticipare la data di preliminare a quando il notaio avrà tutta la documentazione necessaria (vale a dire 2 settimane dopo la data fissata per il preliminare).
    Purtroppo però l'agente non ha nessuna intenzione di rimandare il preliminare e la venditrice ovviamente segue quello che il suo agente suggerisce. Al fine di tutelarmi ho inserito nel preliminare una clausola dove il venditore si impegna arestituire la caparra confirmatoria di 34.000 (4.000 alla proposta e 30.000 al compromesso) qualora risulti di non aver titoli per vendere la cantina. Il problema resta invece per le spesa di agenzia che il venditore vuole incassare già al preliminare. Quindi vi chiedo, qualora non acquistassi più quella casa a causa della cantina come faccio a recuperare i soldi di provvigione dall'agente immobiliare?

    Grazie
    Giulia
     
  2. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Ciao Julie,io non farei il preliminare se prima non è chiarita la situazione della cantina. A quanto pare di capire tu non acquisteresti senza cantina, quindi perchè versare altri 30000 euro che poi dovresti chiedere indietro.I 4000 che hai versato sono stati già incassati dal venditore? a titolo di caparra confirmatoria?Se si,quello è già un preliminare.Relativamente alle mediazioni non le pagherei sino alla certezza dell'acquisto (non è chiaro il tuo passaggio su questo punto). :D
     
  3. Giulia

    Giulia Nuovo Iscritto

    Buongiorno, in effetti il venditore ha già incassato l'assegno ma la proposta non è stata registrata..quindi non credo valga già come preliminare.
    Per fortuna siamo riusciti a spostare il preliminare per dare la possibilità al notaio di controllare i titoli e non abbiamo pagato ancora nulla all'agente immobiliare... ;)
    La mia domanda a questo punto è qualora manchino i titoli della cantina e decidessi di non acquistare più come potrei recuperare i miei 4000 euro? e dovrei comunque corrispondere le spese di agenzia?
    Oppure potrei rinegoziare il prezzo senza cantina?

    Giulia
     
  4. Roby

    Roby Nuovo Iscritto

    Puoi ovviamente rinegoziare il prezzo senza cantina se la casa ti aggrada lo stesso.

    In caso tu non voglia proseguire nel contratto per mancanza della cantian lo puoi risolvere perchè mancherebbe una cosa a te promessa in vendita.

    In quel caso le responsabilità maggiori sono del venditore che male ha informato l'Agenzia, la quale avrebbe dovuto comunque verificare i titoli di provenienza.

    DIverrebbe una situazione un pò complicata, io non pagherei l'agenzia ma la stessa senz'altro ti chiederà la provvigione adducendo che le responsabilità sono del venditore, e tu dovresti rivalerti sul venditore.
     
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    L'agenzia immobiliare ha il compito di verificare tutto ciò che propone tra venditore ed acquirente e quindi è la prima a cui spetta la verifica e la prova di proprietà, accatastamento dell'immobile. Inoltre a caduta, spetta al venditore produrre i documenti che richiede un notaio. Messo a fuoco ciò, dato per assodato che la scelta del Notaio spetta all'acquirente, il preliminare si può fare solo nel momento in cui la parte venditrice e l'agenzia sono in grado di fornire i documenti richiesti dal Notaio, e sino ad allora sono loro gli inadempienti. A caduta, se i venditori hanno difficoltà a produrre tali documenti, dovranno aspettare che sia il Notaio a verificare i titoli.
    Con questo approccio la provvigione si pagherà solo a preliminare notarile stilato, quando evidentemente non vi saranno più dubbi sull'autenticità dei titoli.
    Adriano Giacomelli
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina