1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. archD

    archD Nuovo Iscritto

    Salve,

    Scrivo su questo forum per avere dei consigli dai Professionisti più esperti del sottoscritto, dato che è la prima volta che mi si affida un incarico di redazione una pratica catastale.
    Il cliente è proprietario di un immobile che, nel 2001, fu accatastato come edificio in costruzione (categoria F3). Ho ricevuto dal cliente stesso la denuncia (da parte di un Comune nella provincia di Napoli) nella quale egli viene sollecitato a redigere la variazione catastale entro 90 giorni dalla denuncia stessa. E' trascorso un periodo maggiore dei 90 giorni (la denuncia è notificata nell'anno 2008!) in cui il cliente non ha provveduto a fare ciò. Chiedo, quindi, ai Professionisti presenti nel forum, se il cliente debba far effettuare la variazione catastale pagando anche delle sanzioni specifiche.
    Inoltre, ripeto, non essendo esperto della materia, chiedo come sia l'iter per l'espletamento di una variazione catastale tramite il software Docfa.
    Grazie mille.
     
  2. leontino

    leontino Nuovo Iscritto

    Professionista
    se i lavori sono stati ultimati è obbligatorio censire l'unità immobiliare e a maggior ragione se si deve dichiarare una fine lavori di una D.I.A.. Devi redigere il docfa con la causale di variazione "ultimazione di fabbricato urbano" ed ovviamente redigere anche la planimetria.
     
  3. archD

    archD Nuovo Iscritto

    Caro "leontino", grazie per il consiglio. Sto cercando di capire il funzionamento del software, ma una cosa non mi è chiara (vi prego di non sorridere...). Se ho capito bene, il DOCFA è capace di importare elaborati grafici in formato DXF assegnando una serie di parametri atti ad identificare la tipologia di vano, giusto? Questo sistema permette al software di riconoscere, appunto, la tipologia di vano e determinare automaticamente la superficie catastale relativa. Spero che io abbia capito bene...
    Fin qui, penso di non aver dubbi. Il dubbio mio nasce nel momento in cui devo tracciare le polilinee in AutoCAD. Mi spiego. per esempio, le polilinee devono - nel caso dei vani principali - chiudere l'area dei vani al netto delle murature o bisogna chiudere i detti vani tenendo conto delle disposizioni del DM 138/98? Non so se la mia domanda sia stata chiara.
    Grazie anticipatamente per le risposte.
     
  4. leontino

    leontino Nuovo Iscritto

    Professionista
    devi importare il file dxf e successivamente tracciare i poligoni del fabbricato. Il software non riconosce in automatico i vani catastali. Non importare nel dxf blocchi e/o polilinee, esplodi tutti il disegno prima di importarlo. Una volta disegnato la planimetria devi importarlo nei modelli docfa A4-200.dxf e/o A4-500.dxf che devi scaricare dal sito dall'agenzia del territorio. Ti consiglio di farti aiutare da qualche collega.
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  5. robertamirata

    robertamirata Nuovo Iscritto

    10 punti per leontino :)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina