• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

accaacca

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera,
sono nuova del sito e vedo che ci sono temi molto interessanti e discussioni che leggerò perchè di mio interesse. Vorrei porvi però una domanda, anzi 2
1)Se l'intestatario di una casa popolare muore, la voltura passa a chi vive con lui da anni oppure no? Trovo notizie discordanti su internet. E poi:
2): una persona che è residente in una casa popolare in un comune può prendere il domicilio in altro comune mantenendo la residenza nella casa popolare? Oppure la casa popolare se non viene "occupata" quotidianamente viene persa di diritto?
Grazie se vorrete rispondermi.
Acca
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
1)Se l'intestatario di una casa popolare muore, la voltura passa a chi vive con lui da anni oppure no? Trovo notizie discordanti su internet.
dipende dal regolamento interno dell' ente che gestisce le case popolari o dal Comune. Il subentro è a discrezione dell'ente non è un diritto successorio: l'assegnazione non è ereditabile.
In genere per subentrare nell'assegnazione di una casa popolare al posto dell'assegnatario deceduto bisogna essere famigliare residente, o estraneo iscritto nello stato di famiglia dell'assegnatario da almeno cinque anni, ed avere i requisiti reddituali previsti per l'assegnazione.
Per esempio l’articolo 21 del Regolamento Regionale n. 4 del 4 agosto 2017 della Regione Lombardia, che è entrato in vigore l’8 febbraio 2018 (cioè sei mesi dopo la sua pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Lombardia), stabilisce che il diritto di subentro nell’assegnazione della casa popolare spetta ai componenti del nucleo familiare presenti all’atto dell’assegnazione che abbiano convissuto continuativamente con l’assegnatario fino al momento del suo decesso a condizione che sia mantenuto il possesso dei requisiti di permanenza nei servizi abitativi pubblici.
2): una persona che è residente in una casa popolare in un comune può prendere il domicilio in altro comune mantenendo la residenza nella casa popolare? Oppure la casa popolare se non viene "occupata" quotidianamente viene persa di diritto?
la residenza di una persona è unica perché è la località dove abita stabilmente, mentre il domicilio può essere più di uno perché è il luogo dove si svolgono i propri "affari". Se sei solo e fai il mozzo su una nave che fa il giro del mondo e stai via per 1 anno, se riesci a pagare il canone d'affitto puntualmente, non perdi il diritto a rimanere nella casa popolare. Stando ad alcune notizie il problema è un altro: infatti ogni tanto si legge di vecchietti/e soli/e, assegnatari di appartamenti di edilizia popolare, che, ricoverati per una decina di giorni in ospedale, quando tornano trovano il loro appartamento occupato da abusivi che hanno cambiato la serratura di casa. In genere questi individui ci piazzano dei minori di età inferiore ai 10 anni, una anziana ed una giovane signora, magari in stato gravidico. Non li schiodi più, neanche con la forza pubblica.
 

accaacca

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie per le vostre risposte! Quindi scusate il domicilio è legato ....al lavoro ? Non può essere che una persona metta domicilio dove ha casa il proprio compagno , ma in altro comune ,mantenendo però la residenza in casa popolare ?
 

vittorievic

Membro Attivo
Proprietario Casa
Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale
dei suoi affari e interessi.
quindi se hai una causa a Palermo non puoi eleggere domicilio presso l'avvocato palermitano che ti segue la causa perché nel frattempo avevi già eletto domicilio presso l'avvocato di Trento che ti segue un'altra causa.
 

accaacca

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Eh eh infatti, ma mi chiedevo se, di fatto ,fosse possibile che un uomo che ha lavoro e residenza in casa popolare in 1 comune ,possa mantenere il diritto in tale casa pur scegliendo come domicilio la casa della fidanzata, in altro comune. La questione degli abusivi la conoscevo e ho letto che vi sono stati casi anche x case private sfitte . Altra cosa ,il domicilio va dichiarato?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
senz'altro non è legato agli affari di cuore
Gli affari e gli interessi rilevanti ai fini del domicilio possono essere di natura sia personale sia economica, sociale o politica.
L'elemento oggettivo del domicilio fa riferimento ai rapporti economici, sociali, morali, familiari che vi si svolgono.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Caro @Nemesis: credo che tu sia l’unico italiano a conoscere la distinzione e definizione di residenza vs domicilio, e loro traduzione in linguaggio e situazione corrente, oltre che le relative conseguenze amministrative.....
(Ho .... un po’ esagerato, ma nemmeno troppo , credo ....). 🤔🤔
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

vittorievic ha scritto sul profilo di gabriella2013.
.
Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Alto