• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
L'impresa che esegue i lavori subentra al titolare ed acquisisce il 110% dilazionato nei 5 anni. Inoltre l'accordo proposto prevede che il committente debba accollarsi un ulteriore 50% che va a sommarsi ai citati 110%, per un totale del 160% dell'importo dei lavori.
Il famoso bonus 160%
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non mi è molto chiara la differenza fra sconto in fattura e cessione del credito, quando a farsene carico è il fornitore... O meglio, mi è chiaro cosa avviene, che forse spiega la stranezza... di Gianco.

Ho sostituito i serramenti in un appartamento di mia proprietà, ipotizzando di gestire direttamente le detrazioni. Poi considerando la situazione anagrafica, ho chiesto se potevo optare sullo sconto in fattura.
La risposta è stata no, ed è interessante il perché ( il perché tecnicamente non mi sorprende, lo davo per scontato...): perché per fare questo “sconto”, avrebbero dovuto maggiorare l’importo di almeno il 30%, ..
2considerazioni:
1-non lo hanno concesso per non ufficializzare questa maggiorazione?
2-qualcuno crede veramente di non dover “pagare” questo “sconto”?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Vademecum:
-Sconto in fattura = l'impresa fattura a prezzo concordato ma detrae dall'imponibile importo equivalente al bonus.
-Cessione del Credito = il committente cede ad un terzo (banca o impresa) il controvalore del bonus (ad un controvalore convenuto).

Logica impone che in entrambi i casi tale sconto/cessione comporta che chi subentra dovrà attendere anni priva di rientrare dell'acquisto (da 5 a 10).

Solo uno "scemo" sconta 50 adesso per riavere 50 in 10 anni....salvo appunto che quel 50 non sia un 65 (100+30% = 130-50%= 65...15 punti percentuali per 10 anni...senza contare che sono al lordo di tasse).
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Solo uno "scemo" sconta 50 adesso per riavere 50 in 10 anni....salvo appunto che quel 50 non sia un 65 (100+30% = 130-50%= 65...15 punti percentuali per 10 anni...senza contare che sono al lordo di tasse).
Per una volta.... siamo perfettamente in sintonia!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Per una volta.... siamo perfettamente in sintonia!
.... e ti dirò di più. Proprio perchè non mi sorprendo affatto di questo ovvio meccanismo, mi ha fatto sorridere che la ditta a posteriori non abbia più aderito, potendo rettificare l'importo della fattura a saldo ancora da emettere.

(Avevo considerato purtroppo a posteriori che alla mia età , accettare un aggravio del 15% oggi, fosse più conveniente che scommettere di esserci ancora per 10 anni....)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto