• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

claudiacolt

Nuovo Iscritto
Per ristrutturazione di interni , non fatta da me, ma da mio padre da cui l'ho ereditata per due parti comprando la terza nel 2000, che non modificava ne' mura perimetrali ne' finestre(apertura di un arco e restringimento di una parete),eseguita nel 1996 esisteva gia' il "collaudo"? E se no, come penso , se il nuovo proprietario entrante, visto che sto vendendo l'appartamento, lo vuole ,chi lo deve chiedere e chi lo deve pagare
 

Marco Giovannelli

Membro dello Staff
Professionista
allora, per le opere da te citate, serve una Dia per modificare lo stato degli interni, e soltanto dopo aver fatto una DIA si fa il collaudo (certificato che redige il direttore dei lavori, con il quale egli assevera che le opere realizzate sono conformi al progetto approvato).

In teoria (ma molto in teoria) si dovrebbe fare una DIA In sanatoria pagando la sanzione di 1000.00€. Questo ostacolo è facilmente aggirabile da un bravo tecnico (non posso dire di più dato che è un forum pubblico) se vuoi maggiori info contattami in privato.

Non esitare a contattarmi per eventuali chiarimenti

saluti
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto