1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non pensi che dopo 18 mesi qualunque PA abbia tutto il tempo di verificare tutti gli allegati.
    A me è successo non molto tempo fa un fatto abbastanza increscioso. Dopo ben 6anni un Comune di una città nota è conosciuta (Milano) sulla base di una LORO errata interpretazioni del LORO Piano Regolatore ha deciso di bloccarmi una vecchia DIA che a loro dire non rispettava le distanze da una roggia.
    La roggia era si esistente ma segnata un pezzo si e uno no in mappa, ma essendo stata completamente disattivata e deviata in quel punto preciso, da 30 anni almeno, di fatto non era più operativa.
    Siccome la segnalazione me l'hanno fatta a termine dell'opera regolarmente concessionaria con Super DIA (ripeto dopo 6 anni hanno avuto la folgorazione) non sarei più riuscito a vendere nulla in quanto con una sospensione del titolo edilizio non puoi fare nessuna compravendita.

    Dunque è bastato far scrivere dal mio avvocato (coadiuvato dal tecnico Direttire dei Lavori) tutta una bella relazioncina sui lavori e sull'abbigliamento che hanno preso, mettendo in luce tutte le loro mancanze.

    Mancanze che se non fossero state considerate e corrette sarebbero costate al Comune di Milano un bel ricorso al Tar e una richiesta danni tale da metterli letteralmente in ginocchio come bilancio.

    Sai che hanno fatto appena ricevuta la lettera?? Hanno cambiato parere ed ammesso l'errore (anche perché accorgersene dopo 6 anni è troppo, peggio ancora quando poi sbagli clamorosamente), quindi tutto in regola, come d'altra parte era. Il problema è che sti DEFICIENTI mi hanno fatto perdere mesi, e soldi per la pratica legale.

    Quindi io spero vivamente in un limite è che chi sbaglia (anche Pubblico) paghi; ma forse pretendo troppo.
     
  2. Ollj

    Ollj Ospite

    Daniele comprendo bene quanto da lei esposto e trova nel sotoscritto ampia solidarietà quanto alla necessità di responsabilità anche nella P.A.
    Il caso su cui si discuteva è tuttavia diverso:
    soggetto privato che dichiara il falso ai fini Scia (attestare d'avere il consenso condominiale quando ciò non corrisponde a realtà); in tal situazione lo trovo legittimo (ed oltremodo moralmente giusto) che la P.A. possa annullare l'atto (viziato) senza limite alcuno.
    Buona Bomenica.
     
  3. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Il fatto è che la sentenza di partenza dal Tar Campania afferma chiaramente che NON c'è nessun bisogno del parere dell'assemblea condominiale purché l'intervento non pregiudichi la stabilità dell'edificio.
     
  4. Ollj

    Ollj Ospite

    Infatti, si limita a riproporre quanto statuito dal C.c. come avevo già su scritto.
    Nulla di nuovo, o meglio molto (per le amm. comunali che ben si guardano dall'applicare il C.c.)
     
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    A Gianco piace questo elemento.
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    è un caso molto particolare che difficilmente potrà essere preso come riferimento
     
  7. Jan80

    Jan80 Membro Junior

    Professionista
    Non è così particolare, anche se ci devono essere delle condizioni ben precise

     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    L'ho scaricato, ora chiudo e domani lo leggerò. Comunque grazie.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina