• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Halby

Membro Junior
Proprietario Casa
Su due particelle del mio terreno, insiste da tempo una servitù con impianto di attingimento acqua a favore di due vicini, che da alcuni anni non utilizzano più l'impianto stesso mandando in malora sia il manufatto ed impianto elettrico sopra la sorgente (sulla prima particella), che l'impianto elettrico e serbatoio di raccolta e deposito nella seconda particella situata più a monte a ridosso delle abitazioni.
Tenuto conto che i due vicini non intendono rinunciare a detto usufrutto, chiedo a chi ne sa più di me se è giusto che il tutto resti così e continui a deteriorarsi, impedendo al sottoscritto di poter usufruire pienamente delle due particelle, liberandole dal vincolo di una servitù da anni non più utilizzata. Ringrazio infinitamente ed anticipatamente, chi vorrà darmi le dritte giuste, anche legali, per uscire da questa situazione.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
In tema di servitù riferibili alle fonti d'acqua devi leggere gli art. 1080 in poi del Codice Civile.

Fornisci pochi elementi ma intuisco una sercits "continua" e non regolata da orari o scadenza.
In tal caso nulla puoi pretendere.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
La servitù la si può acquisire con l'usucapione dopo averla esercitate per vent'anni consecutivi senza alcuna contestazione e pubblicamente. Allo stesso modo la si può perdere se non sene usufruisce per un'identico periodo. E mentre la servitù di passaggio ha bisogno di essere esercitata almeno una volta all'anno, quella che riguarda il tuo caso, anche se non prelevano l'acqua, continua ad esistere perché tutta la condotta è presente e può essere attivata in ogni momento.
Per poterla eliminare, se non appare indicata in atti pubblici, occorre sottoscrivere un accordo per scrittura privata dal quale risulta la volontà di eliminarla definitivamente.
 

Halby

Membro Junior
Proprietario Casa
La servitù la si può acquisire con l'usucapione dopo averla esercitate per vent'anni consecutivi senza alcuna contestazione e pubblicamente. Allo stesso modo la si può perdere se non sene usufruisce per un'identico periodo. E mentre la servitù di passaggio ha bisogno di essere esercitata almeno una volta all'anno, quella che riguarda il tuo caso, anche se non prelevano l'acqua, continua ad esistere perché tutta la condotta è presente e può essere attivata in ogni momento.
Per poterla eliminare, se non appare indicata in atti pubblici, occorre sottoscrivere un accordo per scrittura privata dal quale risulta la volontà di eliminarla definitivamente.
Desidero ringraziare Dimaraz e Gianco per le risposte, fermo restando che ho molte perplessità sulla legittimità dello stato di totale abbandono delle strutture, specie quelle situate nella mia particella (di 40 mq.) a ridosso delle abitazioni, in condizioni affatto decorose. Grazie ancora per il Vostro prezioso contributo.
 

Halby

Membro Junior
Proprietario Casa
Desidero ringraziare Dimaraz e Gianco per le risposte, fermo restando che ho molte perplessità sulla legittimità dello stato di abbandono di tutto l'impianto, specie quello a vista nella mia particella di 40 mq. a ridosso delle abitazioni, in condizioni affatto decorose. Grazie ancora per il Vostro prezioso contributo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ingegnere - Settore Edile
Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Alto