• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Fabiana del gre

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buongiorno. Nell'assemblea condominiale telematica di febbraio, nelle varie ed eventuali, l'assemblea prendeva atto della possibilità di poter accedere all'Ecobonus ed invitava l'Amm.re a porre come capo all'ODG, nella prossima assemblea, la RICHIESTA di presentazione di offerte per i lavori. Nella successiva assemblea di aprile, invece, l'Amm.re poneva come capo all'ODG la PRESENTAZIONE ed approvazione di offerta di lavori. Ovviamente nessuno dei condomini aveva presentato le offerte, tanto è vero che veniva chiesto del tempo per poterlo fare. Un solo condomino ha presentato l'offerta che non veniva allegata alla convocazione, ma letta solo in assemblea. Senza indicare in che percentuale (maggioranza e/o unanimità), l'assemblea approvava l'unica offerta proposta. Durante la discussione di un altro capo, venivano rilevate delle problematiche di incompatibilità con l'offerta precedentemente approvata tanto da richiedere la riapertura del capo precedente. Purtroppo l'Amm.re ed il condomino interessato impedivano la chiesta riapertura. Preciso che ho rilevato la circostanza relativa al diverso capo posto all'ODG rispetto a quanto autorizzato nel precedente verbale soltanto qualche giorno dopo la svolta assemblea, quindi durante la riunione non ho potuto contestarlo. Inoltre il Presidente non ha avuto modo di verificare la correttezza delle deleghe perchè non condivise nè trasmesse dall'Amm.re, come precisato nel verbale. Vi sono estremi di impugnativa del deliberato? Se si quali? Nullità o annullabilità? E di responsabilità dell'Amm.re? Grazie mille.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Intanto la "presentazione delle offerte" e' una fase diciamo esecutiva......quindi io mi chiederei se vi sia stata una fase preparatoria come:
> Studi di fattibilità
> poi il progetto lavori o interventi da farsi

la "presentazione delle offerte" e' successiva a questi passaggi da cui non si può prescindere
 
Ultima modifica:

Fabiana del gre

Nuovo Iscritto
Conduttore
Intanto la "presentazione delle offerte" e' una fase diciamo esecutiva......quindi io mi chiederei se vi sia stata una fase preparatoria come:
> Studi di fattibilità
> poi il progetto lavori o interventi da farsi

la "presentazione delle offerte" e' successiva a questi passaggi da cui non si prescindere
La ringrazio per la risposta. No, non c'è stata alcuna fase "preparatoria". Nella scorsa assemblea, nelle varie ed eventuali, l'Amm.re proponeva l'Ecobonus, il Condominio ne prendeva atto ed invitava l'Amm.re a porre al successivo ODG la richiesta di presentazione di offerte. Invece lui indicava già la presentazione di offerte.. Mi chiedo se sia nullo l'intero iter delle due ultime assemblee...
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
Mi chiedo se sia nullo l'intero iter delle due ultime assemblee...
Più che nullo, mi pare inutile...
Senza studio di fattibilità, e un progetto, non avete alcuna certezza di poter usufruire di alcun bonus.
Mi pare che l'amministratore si occupi (male) di cosa che non gli competono, compresa la non permessa verifica delle deleghe da parte del presidente.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Per quanto fatto, l'espressione più appropriata è "inutile" come già anticipato.
Vi sono molte approssimazioni che denotano un assoluta e certa disinformazione di quello che andrebbe fatto
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Se non eri presente all'assemblea, una volta che ti è stato recapitato il verbale, puoi verificare che la delibera sia stata riportata senza specificare la maggioranza con la quale è stata presa e quindi impugnarla entro 30 giorni dal recapito del verbale stesso. Se invece eri presente all'assemblea, ma hai votato contro, hai 30 giorni di tempo dalla data della delibera per impugnarla.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Se non eri presente all'assemblea, una volta che ti è stato recapitato il verbale, puoi verificare che la delibera sia stata riportata senza specificare la maggioranza con la quale è stata presa e quindi impugnarla entro 30 giorni dal recapito del verbale stesso. Se invece eri presente all'assemblea, ma hai votato contro, hai 30 giorni di tempo dalla data della delibera per impugnarla.
Aggiungo che se uno ha un amministratore deficiente come nel mio caso, che consegna i verbali scritti a mano in fotocopia direttamente nelle cassette delle lettere (quindi in modo che non sia certa la data di consegna al proprietario di casa), non c'è una data certa di ricezione del verbale, e quindi occorre fare riferimento alla data della delibera (unica data certa), affrettandosi col legale, quindi, se ne è il caso.

In un caso come il mio, se il verbale serve e l'amministratore tarda a consegnarlo in fotocopia e in modo non tracciato, è necessario mandargli delle pec già quando sono passati 15 giorni dalla data della delibera, per tracciare che ancora non è stato ricevuto alcun verbale: tale prova servirà all'avvocato.
 

Fabiana del gre

Nuovo Iscritto
Conduttore
Se non eri presente all'assemblea, una volta che ti è stato recapitato il verbale, puoi verificare che la delibera sia stata riportata senza specificare la maggioranza con la quale è stata presa e quindi impugnarla entro 30 giorni dal recapito del verbale stesso. Se invece eri presente all'assemblea, ma hai votato contro, hai 30 giorni di tempo dalla data della delibera per impugnarla.
Ero presente, ma ho votato contro. Solo che, purtroppo, dal deliberato non si evince visto che è riportato un semplice "l'assemblea approva". Ma non è dato sapere se all'unanimità, in che percentuale, se vi sono degli astenuti, dei contrari...
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Ero presente, ma ho votato contro. Solo che, purtroppo, dal deliberato non si evince visto che è riportato un semplice "l'assemblea approva". Ma non è dato sapere se all'unanimità, in che percentuale, se vi sono degli astenuti, dei contrari...
Appunto, quanto basta per invalidare la delibera.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Io ci andrei cauto per dare per scontato sull'annullabilità della delibera, andrebbe fatta una causa a riguardo che non bloccherebbe comunque i lavori se non richiesto espressamente e poi le spese chi le paga? in genere vengono ripartite tra le parti.
Io cercherei di trovare le ragioni che non ti permettano di avere il bonus del 110% e sicuramente le troverai, considera che i tecnici con tanto di esperienza sono in difficoltà perché una volta che hanno affermato un qualcosa, ma non a voce ma per iscritto, e la cosa non è reale si prevede persino il carcere, come può un offerta darvi la certezza del bonus? rischiate di fare i lavori e di non avere il bonus e forse anche delle penali da pagare.
L'amministratore ha tutto l'interesse che i lavori si faccino perché a lui verrà corrisposto un extra cospicuo senza fare "niente" se non fare quello che normalmente fa quando vuole lui, mentre in questo caso deve essere attento e non sbagliare pena... non avete nessun bonus.
Parla con i condomini metti le pulci nelle orecchie e fomenta
 

Fabiana del gre

Nuovo Iscritto
Conduttore
Io ci andrei cauto per dare per scontato sull'annullabilità della delibera, andrebbe fatta una causa a riguardo che non bloccherebbe comunque i lavori se non richiesto espressamente e poi le spese chi le paga? in genere vengono ripartite tra le parti.
Io cercherei di trovare le ragioni che non ti permettano di avere il bonus del 110% e sicuramente le troverai, considera che i tecnici con tanto di esperienza sono in difficoltà perché una volta che hanno affermato un qualcosa, ma non a voce ma per iscritto, e la cosa non è reale si prevede persino il carcere, come può un offerta darvi la certezza del bonus? rischiate di fare i lavori e di non avere il bonus e forse anche delle penali da pagare.
L'amministratore ha tutto l'interesse che i lavori si faccino perché a lui verrà corrisposto un extra cospicuo senza fare "niente" se non fare quello che normalmente fa quando vuole lui, mentre in questo caso deve essere attento e non sbagliare pena... non avete nessun bonus.
Parla con i condomini metti le pulci nelle orecchie e fomenta
La questione è un pò piu' complessa. E' stata approvata un'offerta a costo zero per l'appalto di opere in regime di ecobonus (nella quale non è stato indicato neanche un singolo lavoro da effettuare), senza che mai l'assemblea ne avesse approvato neanche la richiesta...Tra l'altro, per quel che io ed altri condomini abbiamo potuto capire (e su questo vorrei conferma), l'offerta a costo zero rappresenta una fase successiva, essendo necessario effettuare prima lo studio di fattibilità che non è mai stato fatto. Ma anche la possibilità di poter usufruire dell'Ecobonus è stata introdotta dall'Amm.re nelle varie ed eventuali...
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
State freschi io ai miracoli ancora non ci credo secondo me non se ne farà niente, tanto per dirne una, il compenso dell'amministratore non è incluso nel bonus voi lo pagate? come ha detto possessore se sono 200.000,oo € si tratta di 6000,oo € da dare all'amministratore voi li pagate?
 

Fabiana del gre

Nuovo Iscritto
Conduttore
Non se ne farà niente nel senso che verrà dichiarato nullo il deliberato? In ogni caso non abbiamo intenzione di pagare alcunchè
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
E' l'assemblea che può dichiarare nullo il già deliberato, e può farlo a maggioranza.

Dovete confrontarvi in assemblea e decidere.

Certo è che se pezzi di frontalino e di sottobalcone si stanno sciogliendo come savoiardi inzuppati nel caffè, dovrete fare qualcosa, o a livello condominiale, o privatamente (ognuno il suo balcone).
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
se sono 200.000,oo € si tratta di 6000,oo € da dare all'amministratore voi li pagate?
6000 Euro se è il 3%, ma devi anche aggiungere il 22% di IVA.
Sono d'accordo che l'IVA l'amministratore non la incassa personalmente perché deve "girarla" all'Erario, ma i condomini la pagano!
6000 * 1,22 = 7.320 Euro.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Inoltre il Presidente non ha avuto modo di verificare la correttezza delle deleghe perchè non condivise nè trasmesse dall'Amm.re, come precisato nel verbale. Vi sono estremi di impugnativa del deliberato?
Resoconto mal spiegato e/o ambiguo.

Passi che era una assemblea "digitale"...ma un Presidente, degno di tal nome, deve verificare quanto viene verbalizzato visto che poi lo deve convalidare con la sua firma.

Ora servirebbe sentire anche le altre "campane" perché mancano riscontri.

Nello specifico della "annullabilità o nullità" della delibera dipende tutto dal motivo di impugnazione...ma al momento è irrilevante: tu hai votato contro e hai 30gg di tempo dal giorno del voto per adire ad un Giudice.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto