• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Il passo successivo potrebbe benissimo essere la comunicazione delle u.i. Non occupate dai proprietari ma in uso a sconosciuti
Hai detto bene, usando il condizionale. Potrebbe. Ma per ora non vi è, in capo all'Amministratore, alcun obbligo di comunicare l'elenco delle unità immobiliari in uso a persone non meglio identificate.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Che la ricevuta sia dovuta all'amministratore è (pare) una deduzione arbitraria.
Leggendo l'art. 13, c. 1 della l. 431/1998 sembra un preciso obbligo:

Art. 13.
(Patti contrari alla legge)
(1. E' nulla ogni pattuizione volta a determinare un importo del canone di locazione
superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato. E' fatto carico al
locatore di provvedere alla registrazione nel termine perentorio di trenta giorni,
dandone documentata comunicazione, nei successivi sessanta giorni, al conduttore
ed all'amministratore del condominio,
anche ai fini dell'ottemperanza agli obblighi di
tenuta dell'anagrafe condominiale di cui all'articolo 1130, numero 6), del codice civile.


In effetti io non ho mai dato la ricevuta di registrazione dei contratti di locazione all'amministratore del condominio, né mi è stata mai chiesta.

Non capisco perché @Nemesis nel post n. #2 abbia scritto che non è dovuta.
Forse quella parte dell'articolo 13 l. 431/1998 è stata modificata o superata da norme successive?
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Non capisco perché @Nemesis nel post n. #2 abbia scritto che non è dovuta.
Forse quella parte dell'articolo 13 l. 431/1998 è stata modificata o superata da norme successive?
Io credo di aver capito perché Nemesis ha detto "Non è dovuta".

FORSE per "dare DOCUMENTATA comunicazione all'amministratore" si può anche intendere "mandare una PEC con scritto, Io Mario Rossi dichiaro di aver registrato con regolare contratto di locazione bla bla bla", SENZA FARE VEDERE LA RICEVUTA.

Quindi, io DOCUMENTO e CERTIFICO la comunicazione con PEC, ma non esibisco la ricevuta: mi prendo la responsabilità di quello che dichiaro con PEC, ovviamente.

Non mi viene in mente un'altra ragione per cui Nemesis ha scritto che non sussiste l'obbligo di girare, all'Amministratore di condominio, una copia della ricevuta della registrazione del contratto di locazione.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Temo che Nemesis non abbia invece , come me, considerato che a seguito della modifica COD civ è stata introdotta una modifica alla L 431 che nel '98 non sapeva nulla della anagrafe. Grazie per la segnalazione
Ps: temo che la motivazione di possessore sia più plausibile. Quasi impossibile che a Nemesis sia sfuggita una modifica legislativa 😀
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Quindi, io DOCUMENTO e CERTIFICO la comunicazione con PEC, ma non esibisco la ricevuta: mi prendo la responsabilità di quello che dichiaro con PEC, ovviamente.
Io non ho la pec (come persona fisica "privato cittadino" non sono tenuta ad averla).
Se non fosse sufficiente una mail ordinaria, tipo quelle che mando abitualmente all'amministratore condominiale, per essere in regola dovrei spedirgli una raccomandata ar.
E comunque dichiarare, oltre ai dati del conduttore, che ho registrato regolarmente all'Agenzia delle Entrate il contratto di locazione. Cosa che non ho mai dichiarato, perché mi pareva sottintesa.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Però scusate, @possessore e @basty :
cosa significa dare documentata comunicazione?

1) Che occorre comunicare con pec o raccomandata ar?

Oppure
2) che la dichiarazione deve essere documentata; ossia non basta dichiarare che il contratto è stato registrato. Bisogna documentare la registrazione appunto con un documento, che può essere solamente la ricevuta dell'Agenzia delle Entrate!

Io propendo per la risposta 2)
(mia opinione personale)

Infatti do "documentata comunicazione" dell'avvenuta registrazione del contratto al conduttore consegnandogli la ricevuta dell'Agenzia delle Entrate.
E quando il conduttore va al Caf, per usufruire delle detrazioni a cui ha diritto deve "documentare" la registrazione del suo contratto di locazione esibendo la ricevuta dell'Agenzia, non certamente una generica dichiarazione del locatore!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Al di là del formalismo eventualmente prescritto, resta palese l'eccesso di burocrazia della nostra legislazione. Tant'è che questa discussione fa emergere che la cosa è sfuggita ai più (locatori e amministratori).
E come chiedevo delle conseguenza, obblighi senza sanzioni sono pure grida manzoniane. Buone intenzioni e nulla più
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
obblighi senza sanzioni sono pure grida manzoniane.
Pensa che anche la comunicazione all'ENEA (anch'essa "obbligo senza sanzione") per il risparmio energetico, è obbligatoria, ma da apposita risoluzione dell'Agenzia delle Entrate, se non la mandi....... è uguale!! :D ;)

Vedi allegato per tua curiosità e per farti 4 grasse risate :)
 

Allegati

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
cosa significa dare documentata comunicazione?

1) Che occorre comunicare con pec o raccomandata ar?

Oppure
2) che la dichiarazione deve essere documentata; ossia non basta dichiarare che il contratto è stato registrato. Bisogna documentare la registrazione appunto con un documento, che può essere solamente la ricevuta dell'Agenzia delle Entrate!
Ma che ne so :) Io stavo chiosando sul termine 'documentata'.
Solo @Nemesis, che spero ci chiarirà, può sbrogliare la matassa :)
 

uragano

Membro Attivo
Professionista
gli hai comunicato il nominativo di chi firmato il contratto di affitto dell'immobile .
basta quello. se pensi che il mio vecchio amministratore voleva che consegnassi una copia delle chiavi di casa quando io andavo in ferie in caso ci fossero problemi, ho comunque il nominativo e telefono della persona a cui le lasciavo.alla prima riunione ho chiesto quale legge lo impone? zitto poi spedito a casa.raccomandata o pec chiedendo quale legge lo richiede.lascialo blaterare
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
gli hai comunicato il nominativo di chi firmato il contratto di affitto dell'immobile .
basta quello.
Quindi secondo te l'art. 13, c. 1 della l 431/1998 (come riportato nel post n. #22) è stato modificato nella parte che riguarda la "documentata comunicazione" da inviare all'amministratore del condominio?

Lo deduci da qualche norma successiva, oppure è una tua interpretazione?
 

Fabinus

Membro Junior
Proprietario Casa
Buonasera a tutti. Ho letto tutte le vostre risposte; ma io oltre al problema della ricevuta se necessaria oppure no desideravo sapere, dopo tre anni che l'appartamento é affittato ed ho dimenticato di mandare le informazioni sull'anagrafe condominiale cosa succede se mando adesso che l'amministratore me lo chiede l'anagrafe condominiale aggiornato? Grazie
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
dopo tre anni che l'appartamento é affittato ed ho dimenticato di mandare le informazioni sull'anagrafe condominiale cosa succede se mando adesso che l'amministratore me lo chiede l'anagrafe condominiale aggiornato?
Non succede nulla. Non paghi alcuna sanzione.
D'altro canto, come potrebbe essere diversamente?
L'amministratore SOLO ORA ti ha chiesto queste informazioni, e tu SOLO ORA gliele fornisci.
 

Fabinus

Membro Junior
Proprietario Casa
Dimenticavo di dire che l'amministratore mi ha anche mandato insieme al modello dell'anagrafe condominiale quest' altro modello " INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003 Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali e degli artt. 12, 13 e 14 del Regolamento UE 679/2016 (GDPR)" ,che dovrebbe essere firmato dal mio inquilino; e se il mio inquilino non é disponibile a dare il consenso? Grazie ancora
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
L'ho ricevuta anche io, è solo una banale informativa OBBLIGATORIA PER LEGGE.

L'Amministratore deve essere AUTORIZZATO A TRATTARE I DATI DEI PROPRIETARI E DEI LOCATARI.

Se il tuo inquilino non è disponibile a dare il suo consenso, l'Amministratore "non potrà trattare i suoi dati", e ciò si traduce in:

- Potrà ignorare ogni sua lagnanza;
- Potrà non fare i calcoli di riparto delle spese tra proprietario e inquilino;
- Potrà non rispondergli né al telefono, né alle email;
- Devo continuare?

..... e tutto questo solo perché il locatario NON LO HA LEGALMENTE AUTORIZZATO A TRATTARE I SUOI DATI.
 

Fabinus

Membro Junior
Proprietario Casa
Non ha mai fatto comunque il riparto fra inquilino e proprietario, ma solo a me che sono il proprietario. Per il resto io posso solo riferire al mio inquilino ma se lui non vuole non posso obbligarlo
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
posso solo riferire al mio inquilino ma se lui non vuole non posso obbligarlo
Normalmente nei contratti di locazione vi è una clausola che recita:
"Il conduttore autorizza il locatore a comunicare a terzi i suoi dati personali anagrafici in relazione ad adempimenti connessi col rapporto di locazione (D.Lgs. 196/2003)".

Sottoscrivendo il contratto di locazione i conduttori autorizzano implicitamente a comunicare i loro dati anagrafici (che non sono dati sensibili) per ottemperare ad adempimenti previsti dalla legge. Compreso l'aggiornamento del registro anagrafe condominiale.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
buongiorno a tutti ho stipulato un contratto preliminare per l acquisto di un immobile definito chiavi in mano con scritto che sarebbe stato finito il giorno 31 maggio 2019 ovviamente d accordo con l imprenditore.Ad oggi 22 giugno 2019 la casa non e ancora finita ed ora l'imprenditore vuole una proroga del contratto a fine luglio 2019 qualcuno sa cosa mi comporta questa proroga?cioè dovrei firmarla?e perché la vuole?
Alto