• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Franco08

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera,
Ho l'intenzione di utilizzare parte del mio terrazzo per installarci una di quelle casette di legno in offerta ALL'OBI per metterci i miei attrezzi personali e farlo diventare, se rimane spazio, un piccolo laboratorio.

L'amministratore del palazzo, essendo io ultimo piano di un condominio, asserisce che il terrazzo é sicuramente di mia proprietà, ma é anche lastrico solare condominiale. Mi ricorda di "non danneggiare il lastrico" e si vuole informare se tale utilizzo é compatibile alle norme locali : ho dovuto quindi fornire le misure della casetta, assicurando che non verrà fissata al suolo, ma solo assicurata alle pareti del mio appartamento, perché voleva essere certo che il tetto della casetta non fosse troppo alto rispetto un qualche limite-territoriale.

Non credevo che le casette fossero solo per il giardino, e considerando che ne stavo per ordinare due, per avere uno sconto ulteriore, da destinare ai giochi dei miei bambini, debbo chiedere autorizzazioni o leggere qualche argomento specifico?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Vale quanto già espresso in questa discussione


Alcune correzioni sulla base del tuo racconto:
- il "terrazzo a livello" è si assimilato al "lastrico solare" ma solo il rogito definisce (in entrambi i casi) chi ne è il proprietario che è cosa diversa dall'avere un "uso esclusivo" (fissato in RdC).
- la parete alla quale intendi fissare non è tua ma del Condominio perché sostiene un tetto che funge da copertura anche ai sottostanti.
- una "casetta" fissata non è un "mobile" e se oltre a deposito diventa un laboratorio significa che ha dimensioni considerevoli...il che è pur sempre un nuovo "volume" per il quale devi ottenere il permesso dal Comune.
Occhio...che in tal caso la cosa "predispone" che gli altri possono chiederti sia il pagamento del diritto di sopraelevazione/nuova cubatura sia (oltre una certa misura) il rifacimento della Tabella Millesimale.
 

Franco08

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie per tutte le precisazioni,
sicuramente il mio è "terrazzo di proprietà", quindi deduco che sia anche uso-esclusivo : faccio bene ? ma non capisco la differenza: e se fosse il contrario : cioè non-di-proprietà?
Per fissaggio a parete, intendevo servirmi di quei fissatori a muro, ganci con "STOP", che erano già presenti con appositi tiranti che erano utilizzati come stenditoi; inserisco "la casetta" tra i due ganci-con-STOP, e mantengo una discreta lunghezza del cavo, utile per stendere le lenzuola matrimoniali
Riguardo la dimensione delle casette, riporto quel che recita OBI: non sono nemmeno 4mcubi, perchè tetto spiovente, ha dimensioni "considerevoli"? Casetta da giardino Easy A 180 x 135 cm
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Manca l'altezza! Comunque non può essere considerato un vano, vuoi per le sue dimensioni, sia per il tipo di deposito amovibile.
 

raffaelemaria

Membro Assiduo
Professionista
Se la normativa locale lo consente, fatti salvi sempre i diritti del condominio, lo potrai fare altrimenti è un abuso edilizio.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Le dimensioni, lorde, fanno capire che è un mini riparo per giocattoli a cianfrusaglie varie, in legno, amovibile. A mio parere non deve ottenere alcuna autorizzazione e non va dichiarato in catasto, stante che è amovibile, quindi con una sede variabile.
 

raffaelemaria

Membro Assiduo
Professionista
Le dimensioni, lorde, fanno capire che è un mini riparo per giocattoli a cianfrusaglie varie, in legno, amovibile. A mio parere non deve ottenere alcuna autorizzazione e non va dichiarato in catasto, stante che è amovibile, quindi con una sede variabile.
personalmente posso essere d'accordo che stante le dimensioni sia superfluo considerarlo, ma se le norme non lo consentono è un abuso edilizio di quali le dimensioni siano. Un mio vicino ha ricevuto dal Comune un ordinanza di demolizione di un fatiscente cassone per riparare il taglia erba posto in giardino mascherato da una siepe. Purtroppo quando il confinate vuole "rompere" le norme non si possono interpretare.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
personalmente posso essere d'accordo che stante le dimensioni sia superfluo considerarlo, ma se le norme non lo consentono è un abuso edilizio di quali le dimensioni siano. Un mio vicino ha ricevuto dal Comune un ordinanza di demolizione di un fatiscente cassone per riparare il taglia erba posto in giardino mascherato da una siepe. Purtroppo quando il confinate vuole "rompere" le norme non si possono interpretare.
Se il comune contesta deve anche dare gli estremi della norma che vieta quel manufatto. Poi chi l'ha realizzato ha l'opportunità di contestare la "contestazione campata in aria".
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
Buonasera,
Ho l'intenzione di utilizzare parte del mio terrazzo per installarci una di quelle casette di legno in offerta ALL'OBI per metterci i miei attrezzi personali e farlo diventare, se rimane spazio, un piccolo laboratorio.

L'amministratore del palazzo, essendo io ultimo piano di un condominio, asserisce che il terrazzo é sicuramente di mia proprietà, ma é anche lastrico solare condominiale. Mi ricorda di "non danneggiare il lastrico" e si vuole informare se tale utilizzo é compatibile alle norme locali : ho dovuto quindi fornire le misure della casetta, assicurando che non verrà fissata al suolo, ma solo assicurata alle pareti del mio appartamento, perché voleva essere certo che il tetto della casetta non fosse troppo alto rispetto un qualche limite-territoriale.

Non credevo che le casette fossero solo per il giardino, e considerando che ne stavo per ordinare due, per avere uno sconto ulteriore, da destinare ai giochi dei miei bambini, debbo chiedere autorizzazioni o leggere qualche argomento specifico?
appoggiata o meno la consiglio di chiedere pare a tecnico in materia. lei comunque incidera sugli indici e parametri urbanistici. e non si limiti a pensare che essesndo non "ancorata" alla terrazza non sia un problema. lo è, sia dal punto di vista urbanistico che strutturale. il fatto che sia in legno poco incide sulla necessita di obbligo di conformita.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
@Franco08, visto che qui abbiamo pareri discordi, non hai alternativa a sentire il parere del tecnico comunale.
Facci sapere!
caro collega qui non è tanto importante il fatto dei pareri discordi, ma sai meglio di me, che le persone o per ignoranza o in malafaede, tendono sempre a sminuire i problemi. allora vedi che lo "sgabuzzino" sulla terrazza ti dicono che non c'è bisogno di nulla, che il locale di sgombero in giardino in pannelli gregati è una sciocchezza, e non ha bisogno di niente, che lo spostamento dei tramezzi, e qualche volta dei muri portanti si fa senza problemi. a cui si aggiunge la nostra mancanza di coraggio nel dirgli la verita. risultato, sequestri, falsi in documenti pubblici, atti notarili bloccati, controversie anche penali per abusi edilizi. il problema piu grosso e qualche volta insormontabile che trovo nella professione, è trovare un cliente collaborativo, disposto davvero a mettersi in regola. per essi è tutto facile, tutto una sciocchezza. quando sono poi gli altri nei guai, allora si che li senti abbaiare al chiar di luna contro gli altri rei di tutto. è l'italiota medio che estende tutta la sua mediocrita, corrompendo anche noi professionisti.
 

Franco08

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Concordo con quanto scrive "domenico10". le norme si leggono e si applicano, non si interpretano
HA pienamente ragione, ma io chiedevo "quali norme sono da applicare": in questo forum, un tecnico abilitato dice "si può fare", un altro "forse si può fare"

pensavo di trovare un orientamento pù compatto

se alla fine la risposta è sempre : "parlane con il tuo tecnico abilitato e riporta qua" , a cosa serve il forum ?
 

raffaelemaria

Membro Assiduo
Professionista
HA pienamente ragione, ma io chiedevo "quali norme sono da applicare": in questo forum, un tecnico abilitato dice "si può fare", un altro "forse si può fare"

pensavo di trovare un orientamento pù compatto

se alla fine la risposta è sempre : "parlane con il tuo tecnico abilitato e riporta qua" , a cosa serve il forum ?
Per sapere cosa fare basta leggere cosa scrivono il regolamento edilizio, le norme tecniche dello strumento urbanistico e io leggerei anche il regolamento d'igiene del tuo comune per eventuali norme estranee al regolamento e inserite. Le risposte che ti possiamo dare non possono essere esaustive perchè non si conoscono le norme del tuo comune. Non è facile per un semplice cittadino districarsi nel ginepraio di leggi,norme e regolamenti, per sapere con certezza devi chiedere a un tecnico "serio" che opera in loco. Non mi fiderei neppure della parola dei tecnici del comune, salvo che lo mettano per iscritto. In alternativa fai un'istanza scritta all'U.T. del comune e proponi la tua soluzione e attendi cosa ti rispondono.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
HA pienamente ragione, ma io chiedevo "quali norme sono da applicare": in questo forum, un tecnico abilitato dice "si può fare", un altro "forse si può fare"

pensavo di trovare un orientamento pù compatto

se alla fine la risposta è sempre : "parlane con il tuo tecnico abilitato e riporta qua" , a cosa serve il forum ?
per quanto noi tecnici potremmo renderci utili, si ricordi che è sempre un forum, ove ognuno di noi parla per conoscenza dei regolamenti e norme edilizie dei comuni ed enti vari frequentati. e nonostante si parli di regolamenti unici e altre *****iate simili, solo uno studio preliminare delle norme tecniche e dello strumento urbanistico vigente puo fare chiarezza. ergo, si legga pure le nostre opinioni, ma a dire l'ultima parola sara il tecnico che, incaricato, provvedera a estrapolare dalle norme, la fattibilita o meno dell'intervento.
 

Franco08

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
per quanto noi tecnici potremmo renderci utili, si ricordi che è sempre un forum, ove ognuno di noi parla per conoscenza dei regolamenti e norme edilizie dei comuni ed enti vari frequentati. e nonostante si parli di regolamenti unici e altre *****iate simili, solo uno studio preliminare delle norme tecniche e dello strumento urbanistico vigente puo fare chiarezza. ergo, si legga pure le nostre opinioni, ma a dire l'ultima parola sara il tecnico che, incaricato, provvedera a estrapolare dalle norme, la fattibilita o meno dell'intervento.
Grazie, ma se la persona incaricata mi darà parere-favorevole, debbo richiedere un qualche documento scritto e timbrato?

Perché se poi, mi arriva una super-multa, cosa ci faccio del parere-favorevole "pagato"?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto